Ramanzina di Travaglio a Di Maio, cui dà quasi del cretino politicamente

            Senza voler togliere nulla allo scontro in corso nel centrodestra fra il leader incoronato dagli elettori Matteo Salvini e il renitente alla leva Silvio Berlusconi, che non vuole farsi arruolare dal  giovane e barbuto segretario leghista, trovandolo forse troppo ceghevariano per i suoi gusti, vi segnalo l’insofferenza del pur solidale Fatto Quotidiano di Marco Travaglio verso il capo dei grillini Luigi Di Maio. Che sembra anche lui renitente, ma ai consigli del giornale che evidentemente è convinto di averlo aiutato nelle elezioni, e vorrebbe ora dettargli la linea. Essa sarebbe quella di lasciar perdere la Lega, di favorirne magari solo l’arrivo al vertice di una delle Camere, giusto per fare dispetto a Berlusconi, ma di  aprire invece un negoziato di governo col Pd, non foss’altro per sottrarlo alla corte dell’uomo di Arcore. Il cui missionario Gianni Letta si muove come una trottola dietro e sotto le quinte per sondare le divisioni, gli umori e quant’altro  dei piddini che possano servire al centrodestra per neutralizzare il troppo ingombrante leader leghista.

            Travaglio ha titolato  il suo editoriale-ramanzina a Di Maio “opposti cretinismi”, che fanno rima con gli “opposti estremismi” lamentati dall’allora presidente della Repubblica Giuseppe Saragat a proposito del terrorismo negli anni Sessanta, quando il leader socialdemocratico cercava di mettere sullo stesso piano l’eversione di destra e quella di sinistra.

            Dei cretinismi opposti che hanno fatto saltare la mosca al naso del direttore del Fatto Quotidiano, uno è quello di Pier Luigi Bersani, che cinque anni fa reclamava da segretario del Pd e presidente pre-incaricato di formare il governo un aiuto praticamente incondizionato dei grillini, che fecero bene a rifiutarglielo proprio perché incondizionato: talmente incondizionato che Bersani rifiutò il loro pur ottimo candidato al Quirinale Stefano Rodotà.

            A dire il vero, proprio sul Fatto, e contemporaneamente col rimprovero di Travaglio, l’ex segretario del Pd ha appena rivelato di essere stato talmente disposto ad aprire una trattativa di governo col movimento delle 5 stelle da avere chiesto inutilmente nel 2013 un incontro diretto con Grillo, in qualsiasi posto il comico avesse voluto riceverlo, anche a casa sua, ma di non avere ricevuto alcuna risposta, equivalente a un rifiuto.

            L’altro “cretinismo”, uguale e contrario, sarebbe ora quello di Di Maio, che per trattare col Pd, e coglierne a vantaggio delle 5 stelle lo stato di crisi, dovrebbe smetterla di fingere di essere disposto a trattare, e cominciare a trattare davvero. Ciò comporterebbe la rinuncia a cantare una vittoria elettorale che è stata solo relativa, in verità vantata anche dal giornale di Travaglio già la notte fra il 4 e il 5 marzo, quando i risultati non erano ancora definitivi, e la chiara disponibilità a negoziare modifiche al programma e alla squadra di governo prematuramente definiti prima delle elezioni da Di Maio in persona. Ma quel programma e quella squadra di governo furono esaltati durante la campagna elettorale dal Fatto Quotidiano come utili propellenti.

            Di coerenza, francamente, se ne coglie quindi poca nella ramanzina travagliesca. Che tradisce piuttosto la paura sia di un rapporto privilegiato fra il Pd anche post-renziano e Berlusconi, pur liquidato a parole come una manna per i grillini perché foriero di una loro prossima e completa vittoria, o di un accordo governativo, alla fine, fra grillini e leghisti. Che condannerebbe entrambi a dimostrare rapidamente la rovinosa, incolmabile sproporzione fra la capacità di protestare e di promettere e quella di risolvere davvero i problemi del Paese senza sfasciare quel poco che n’è rimasto.   

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: