Il passaggio galeotto delle consegne a Roma da Macron a Omicron

La vignetta di Stefano Rolli sul Secolo XIX

Salutato festosamente anche dal Papa, presumibilmente interessato pure lui, come Sergio Mattarella e Mario Draghi, alla sua conferma all’Eliseo in primavera, il presidente francese Emmanuel Macron ha lasciato l’Italia mentre vi approdava, proveniente dall’Africa, il quasi omonimo Omicron. Che non è un “migrante”, come desolatamente ricorda Stefano Rolli nella vignetta del Secolo XIX, ma l’ultima -in ordine cronologico- e forse più pericolosa di tutte le varianti del Covid 19. Essa ha distribuito subito il panico fra mercati, ospedali e giornali. Il più sensibile dei quali si è mostrato, almeno sinora, quello della famiglia Berlusconi guardando, in particolare, a ciò che potrebbe derivarne sul piano politico, a poche settimane ormai dalle elezioni presidenziali italiane in Parlamento. Che si è voluto tenere per ben stretta la prerogativa di scegliere il Capo dello Stato, considerando evidentemente gli elettori non ancora o proprio non adatti in assoluto ad una scelta diretta, capace evidentemente di riservare chissà quali altre brutte sorprese dopo tutte quelle procurate dai partiti in questi ultimi anni, o decenni.

Titolo dell’editoriale del Giornale
Augusto Minzolini sul Giornale

Al netto, per carità, dei soliti possibili errori o equivoci nel tentativo di interpretare e tradurre al meglio pensieri, desideri, obiettivi, interessi e quant’altro dell’editore, Il Giornale che sino al 1994, quando Silvio Berlusconi decise di “scendere in politica”, fu di fatto di Indro Montanelli anche dopo che lo stesso Berlusconi lo aveva aquistato davvero, non solo in edicola ogni mattina per orgoglio o devozione al pur imprevedibile fondatore; Il Giornale, dicevo, ha invitato un po’ bruscamente Mario Draghi al senso di responsabilità forse sfuggitogli o attenuato nelle scorse settimane. L’emergenza, a cominciare da quella virale ma comprensiva anche di un certo impaludamento della pur larga maggioranza che sostiene da febbraio il governo nato da una forte iniziativa del Quirinale, non permetterebbe più a Mario Draghi di pensare a un trasloco sul Colle, o di lasciarlo pensare agli amici. Lui deve sentire l’obbligo, direi, persino patriottico di rimanere al suo posto, per non rischiare quello che non meriterebbe: passare -ha praticamente scritto il direttore del Giornale Augusto Minzolini, fra titolo e testo dell’editoriale- “da eroe a disertore”.

Sondaggio di Alessandra Ghisleri
Titolo di Domani

D’altronde -sembra fargli eco Alessandra Ghisleri con un sondaggio della sua Euromedia Research effettuato non più tardi del 24 novembre scorso su scala nazionale, pur col solito campione di soli mille intervistati- Draghi sta forse sopravvalutando la propria popolarità. A preferirlo al Quirinale, piuttosto che a Palazzo Chgi, sarebbero solo 14,2 italiani su cento. E Berlusconi, il tanto dileggiato Cavaliere con i suoi problemi d’età e di tribunali, è distaccato solo di 2,2 punti. Seguono, in ordine rigorosamente decrescente di percentuali, da un massino di 10,3 a un massimo di 1,2, la guardasigilli Marta Cartabia, Romano Prodi, Maria Elisabetta Casellati, Paolo Gentiloni, Gianni Letta, forse scambiato per lo zio Enrico, Casini, Emma Bonino, Veltroni, Marcello Pera, Franceschini, Conte e Giuliano Amato. Non classificato, diciamo così, per una conferma il presidente uscente Mattarella, che pure ieri era ancora temuto da Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano e oggi dal direttore Stefano Feltri sul Domani di Carlo De Benedetti, irriducibile nella sua aspirazione a partecipare in qualche modo alle partite politiche italiane.

Ripreso da http://www.startmag.it

Il patto del Quirinale tra frecce tricolori svettanti e frecce avvelenate

Più ancora di quelle pur bellissime frecce tricolori svettanti sul Quirinale dopo la firma del trattato di “cooperazione rafforzata” fra l’Italia e la Francia, l’immagine emblematica dell’importante evento politico e diplomatico è quella che ritrae il padrone di casa Sergio Mattarella mentre stringe la mano destra a quella del presidente francese Emmanuel Macron e la mano sinistra, il lato peraltro del cuore, a quella del presidente del Consiglio italiano Mario Draghi, come per dare loro anche il buon lavoro per l’applicazione dell’accordo concluso -non dimentichiamolo- dopo ben quattro anni di  lavoro.

Come e da dove Macron e Draghi dovranno o potranno lavorare per l’esecuzione del trattato su quello che è stato chiamato anche “l’asse Parigi-Berlino”, lo diranno le elezioni presidenziali in programma nei due Paesi a scadenza ravvicinata: a gennaio a Roma, nell’aula di Montecitorio, dove per la successione a Mattarella voteranno i deputati, i senatori e i delegati regionali, e in aprile in Francia. Dove ad eleggere l’eventuale successore di Macron saranno direttamente -beati loro- i francesi.

La scommessa di Mattarella, ma anche di Draghi, sulla conferma di Macron è nelle cose, diciamo così, dimostrate dagli stessi tempi scelti per la firma del trattato. Che da solo è un incentivo olt’Alpe alla conferma del presidente francese in un quadro dove i nostri cosiddetti cugini hanno voluto o potuto precostituirsi le condizioni per continuare a svolgere, in cooperazione rafforzata con l’Italia, un ruolo trainante in Europa, specie nel cosiddetto dopo-Merkel.

I due firmatari del Patto del Quirinale

Più difficile resta invece l’immaginazione di ciò che Mattarella, stringendo quelle mani, abbia potuto auspicare che avvenga ormai fra una decina di settimane al Quirinale. Dove, certo, potrebbe subentrargli proprio Draghi in circostanze o modi tali da assicurare una qualche continuità a Palazzo Chigi con un rinnovato accordo di emergenza e sostanziale solidarietà nazionale attorno a un nuovo presidente del Consiglio, salvo incidenti programmati o imprevisti funzionali ad uno scioglimento anticipato delle Camere. Che è adombrato come una specie di bomba atomica da chi si oppone all’elezione di Draghi.

Ma potrebbe anche, o ancora, accadere ciò che nel mondo pur gassoso delle 5 Stelle, nei cui gruppi parlamentari, o in ciò che ne rimane, sembra essere temuto come una sciagura. Tale almeno è considerata oggi sul solito Fatto Quotidiano l’ipotesi di un ripensamento di Mattarella per l’accettazione di una conferma praticamente a termine, per il tempo necessario da una parte a garantire un ritocco della Costituzione che impedisca con la non rieleggibilità del capo dello Stato un’altra conferma ancora in futuro, e dall’altra a permettere l’elezione del successore alle Camere nuove e più legittimate.

Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

Come in un travaso di bile Marco Travaglio ha visto sul palcoscenico politico il fantasma della “coppia di Stanlio e Ollio che salutano tutti (“arrivedoorci!”) e non si muovono di lì”. E ha reclamato da Mattarella -“per non fare -ha scritto- la figura del bugiardo tipo Napolitano”, lasciatosi confermare nel 2013 per un paio d’anni- un’uscita finalmente inequivocabile, in stretto dialetto siciliano. Che sarebbe questa, di inutile traduzione in italiano tanto è chiara: “Chi camurria, m’aviti scassatu a minchia”. Un po’ troppo forse per una persona educata come Mattarella.    

Anche Macron dà la sua….spintarella a Draghi verso il Quirinale

Fra le tante fotografie sulla missione del presidente francese Emmanuel Macron a Roma per la firma odierna del cosiddetto trattato del Quirinale fra i due Paesi, ve n’è una un po’ galeotta per le attuali circostanze politiche.

Alla vigilia ormai -fra poco più di un mese- della convocazione delle Camere in seduta congiunta per l’elezione del successore di Sergio Mattarella quello di Macron a Mario Draghi a Palazzo Chigi è sembrato, a torto o a ragione, ben più di un saluto formale fra persone che si conoscono e si stimano: quasi un incoraggiamento a Draghi nella “corsa al Quirinale” in cui tanti lo vedono ormai coinvolto senza più il distacco o la diffidenza di qualche settimana fa.

Persino dal Vaticano, dove Mattarella è atteso il 16 dicembre per una visita annunciata di “congedo” dal Papa, giungono segnali a favore di Draghi, che lo stesso Pontefice l’anno scorso volle d’altronde chiamare, da celebre “disoccupato” per l’esaurimento del suo mandato di presidente della Banca Centrale Europea, alla Pontificia Accademia delle Scienze Sociali.

Dal Messaggero di oggi

“Non è un mistero per nessuno -ha scritto il vaticanista del Messaggero riferendo sugli auspici espressi dal Segretario di Stato Pietro Parolin per un Presidente dal “proflo di mediazione, di punto fermo per i valori democratici e di riferimento di fronte alla fluidità in cui ci troviamo a vivere”- che a Santa Marta”, la residenza di Papa Francesco, “si faccia il tifo per Mario Draghi. ritenuto una personalità autorevolissima in Europa e nel mondo, ispirato da una sana laicità e con le spalle sufficientemente larghe per far fronte alle sfide”.

Wanda Marra sul Fatto Quotidiano

Addirittura al Fatto Quotidiano, dove Draghi è poco simpatico, diciamo così, per il solo fatto di essere succeduto all’indimenticato e amatissimo Giuseppe Conte, se non di avere partecipato attivamente a quello che il direttore di quel giornale ha definito “Conticidio” in un libro, sembrano ormai rassegnati al trasferimento del presidente del Consiglio al Quirinale. In vista o in funzione del quale  è stato visto nella cronaca politica di Wanda Marra anche la decisione di Draghi di consultare separatamente -al posto, per ora, del “tavolo” proposto dal segretario del Pd Enrico Letta per mettere tutti insieme i leader della maggioranza- i capigruppo parlamentari e capi-delegazione dei partiti che partecipano al governo. “Al Nazareno- ha riferito la cronista parlando della sede del Pd- l’ipotesi che il premier vada al Quirinale non sembra così peregrina”.

Maurizio Turco a Repubblica

Anche direttamente dal mondo delle 5 Stelle, in particolare dal vice presidente del Movimento Mario Turco, pur temendo  “un rallentamento di tutte le attività in atto” per effetto della prevedibile formazione di un nuovo governo, e non della semplice sostituzione del presidente del Consiglio, è arrivata l’assicurazione che “verso Draghi non abbiamo nessuna preclusione”.

Il senatore del Pd Luigi Zanda

C’è tuttavia chi ancora spera di convincere Mattarella a un bis temperato, diciamo così. Sembra il sottinteso, per esempio, del disegno di legge appena preannunciato dall’autorevole senatore del Pd Luigi Zanda per una modifica della Costituzione sulla ineleggibilità del capo dello Stato uscente e sull’abolizione del cosiddetto semestre bianco, che gli impedisce di sciogliere le Camere. Sono cose entrambe auspicate pubblicamente da Mattarella, a garanzia delle quali il presidente in scadenza potrebbe farsi confermare, facendo eleggere praticamente il suo successore dalle nuove Camere nel 2023, e in un nuovo contesto anche costituzionale, oltre che politico.

Ripreso da http://www.startmag.it e http://www.policymakermag.it       

Dal Natale in casa Cupiello al Natale in casa Draghi

Titolo del Corriere della Sera
Titolo de La Verità

Dal “Natale in casa Cupiello” dell’indimenticabile Eduardo De Filippo al “Natale normale” appena promesso, anzi auguratoci da Mario Draghi dopo avere fatto varare dal Consiglio dei Ministri “all’unanimità”- come ha tenuto giustamente a sottolineare con un mezzo sorriso di sarcastica soddisfazione- le misure che renderanno un po’ più difficile la vita, e la loro pretesa di rovinarci le feste, ai cosiddetti no-vax. Sarebbero gli “otto milioni” di italiani -contati quasi uno per uno da Maurizio Belpietro sulla prima pagina della sua Verità- che il presidente del Consiglio avrebbe deciso di “segregare”, per fortuna senza mandarli in qualche campo di concentramento già evocato ripetutamente in piazza dai manifestanti accostando il viso di Draghi a quello di Hitler, o bruciandone le foto come una volta si faceva con le bandiere degli Stati Uniti.

Titolo del Fatto Quotidiano

Pensate se solo il 2 per cento di questi presunti otto milioni di ancor più presunti perseguitati -per stare alla percentuale elettorale con la quale il povero Matteo Renzi viene dileggiato proprio da Belpietro, che ancora non gli perdona forse di avergli fatto perdere la direzione di Libero quando stava a Palazzo Chigi- decidesse di preferire La Verità dello stesso Belpietro nelle edicole persino al Fatto Quotidiano di Marco Travaglio. Che proprio oggi li ha corteggiati gridando contro “il Natale” che “non sarà più uguale per tutti”. Sarebbe per l’ex direttore anche del Giornale l’affare editoriale del secolo. Ma credo che non avverrà.

Vignetta di Stefano Rolli sul Secolo XIX

L’aria che tira nel Paese  l’ha fiutata bene, o meglio, Matteo Salvini prima facendo approvare dai suoi ministri il cosiddetto “super green pass” e poi cercando di prenderne le distanze nella comica posizione in cui l’ha immaginato e proposto ai lettori Stefano Rolli nella vignetta di prima pagina del Secolo XIX. Dove l’ex ministro dell’Interno si è lasciato imbavagliare e serrare a doppia mandata di fune, diciamo così, non tanto dal presidente del Consiglio, che continua ogni tanto a riceverlo, quanto dai “governatori” regionali di un movimento che paradossalmente si chiama proprio Lega.

Titolo della Repubblica
Titolo della Stampa

Naturalmente, per quel che vale la mia modestissima opinione, accetto e ricambio volentieri a Draghi gli auguri di un Natale “normale”. Che -chissà perché- in un eccesso non so se più di laicismo, vero o presunto che sia, o di scettica indifferenza, Vittorio Feltri ha voluto deridere in un salotto televisivo dicendo che del Natale, appunto, non gliene “frega niente”, pur avendo condiviso, bontà sua, le misure predisposte da Draghi. “La giusta scelta di campo”, ha titolato la Repubblica di carta. “La vittoria del pragmatismo”, le ha fatto eco La Stampa. Una mezza prenotazione del Colle, penserà qualche retroscenista malizioso che, a torto o a ragione, si è fidato di quel barista dei Parioli, quasi sotto casa del presidente del Consiglio, che ha recentemente rivelato di aver sentito prevedere per il marito dalla signora Serenella Draghi un trasferimento da Palazzo Chigi al Quirinale. Nel frattempo però la corsa alla successione a Sergio Mattarella si è affollata di aspiranti, furbi o ingenui che siano, palesi o occulti, pregiudicati o incensurati come preferirebbe distinguerli il solito Travaglio, sempre più ossessionato -mi pare- dalla paura che ad essere favoriti dalle bizzarrie della politica finiscano per essere i primi.  

Ripreso da http://www.startmag.it

La Repubblica di Pinocchio partorita dai ritardi del Parlamento

Titolo del Dubbio
Il Palazzo della Cote Costituzionale

Così rapidi e sensibili nel difendere il carattere “parlamentare” della Repubblica ogni volta che qualcuno propone il presidenzialismo o il semipresidenzialismo, magari accontentandosi di quello di fatto intravisto, a torto o a ragione, dietro certi passaggi politici come quello del governo in carica presieduto da Mario Draghi, costituzionalisti e politici dal palato fine, anzi finissimo, assistono senza fiatare, o quasi, a uno spettacolo paradossale come quello in corso di un suicidio assistito autorizzato dalle strutture sanitarie nelle Marche in esecuzione di una sentenza della Corte Costituzionale, non di una legge. Sulla quale, per quanto chiesta dalla stessa Corte con un’abrogazione parziale o praticamente virtuale dell’articolo 580 del codice penale, il Parlamento non è riuscito a fare altro che giocare a palla, cioè rinviare.

Ora, di fronte al clamore provocato dal dramma del tetraplegico marchigiano si profila un più o memo miracoloso approdo in aula, a Montecitorio, di una legge troppo a lungo giocata appunta come una palla in commissione. Ma con quante poche prospettive che qualcuno riesca a segnare davvero un gol è facile immaginare considerando la fase dei lavori parlamentari contrassegnata dal percorso del bilancio e quella successiva in cui su tutti gli altri problemi o scadenze prevarrà la successione a Mattarella -se sarà davvero successione- al Quirinale.

Non vorrei sembrare irriverente verso l’istituto parlamentare e dintorni ma in occasioni sempre più frequenti la Repubblica sembra diventata quella di Pinocchio. Il cui naso notoriamente si allungava con le bugie.  Non è solo il problema del suicidio assistito ad avere impantanato il Parlamento. E’ tutto un impantanamento tra problemi generali della giustizia, per esempio, per quanto chiasso politico abbia prodotto l’intervento recente sulla durata del processo penale, e l’adeguamento della legge elettorale alle Camere che deriveranno la prossima volta, massimo fra un anno e mezzo, dal taglio dei seggi.

In un gioco a dir poco perverso di pigrizie, furbizie, opportunismi e simili si rinviano le decisioni, si allungano i brodi e si lascia il campo, volenti o nolenti, alla supplenza dei referendum abrogativi. Che non a caso sono stati promossi in gran numero negli ultimi tempi per cercare di fare sciogliere direttamente dagli elettori, abrogando appunto o confermando le norme in vigore, i nodi irrisolti dai gruppi parlamentari e dai partiti di riferimento.

Il guaio è che nella loro ormai intrinseca debolezza, per quanto enfatici siano i richiami al carattere -ripeto- parlamentare della Repubblica, le Camere riescono anche a uccidersi pur di non decidere, passando alle nuove le loro debolezze. Il tanto sempre temuto scioglimento anticipato, precluso a Mattarella da luglio  scorso per i limiti derivanti dal cosiddetto semestre bianco del suo mandato,  tornerà a incombere con l’elezione del nuovo presidente, o la pur ormai sempre più  improbabile conferma del presidente uscente. Ma non è per niente detto che continuerà ad essere una prospettiva temuta, per quanto siano tanti i parlamentari uscenti senza più alcuna possibilità di essere ricandidati o rieletti per mancanza di posti o di voti: i primi tagliati forse troppo imprudentemente dagli stessi interessati e i secondi perduti il più delle volte meritatamente per strada a causa degli errori compiuti.

Giovanni Leone

Lo scioglimento anticipato è ormai dal lontano 1972 -l’anno in cui fu costretto a ricorrervi per la prima volta nella storia della Repubblica l’appena eletto presidente Giovanni Leone- una buona occasione per gli interessati di turno ad evitare referendum abrogativi ai quali non ci si sente preparati a livello di partiti. I cui elettorati sono generalmente spaccati dai quesiti referendari.

Matteo Renzi

Il buon Renzi, si fa per dire, ha appena fatto una polemica rassegna di tutti quelli che sarebbero interessati alla fine prematura di questa legislatura, di cui lui invece vorrebbe la prosecuzione per il peso che riesce ad avere con la sua quarantina fra deputati e soprattutto senatori. Ed ha indicato le ragioni di tanta voglia di elezioni anticipate in interessi, diciamo così, di bottega: Enrico Letta, per esempio, per fare lui le liste dei candidati del Pd e disporre finalmente di gruppi parlamentari fidati, come lo stesso Renzi fece nel 2018 perdendo tuttavia le elezioni; Giuseppe Conte per le difficoltà analoghe che ha nei gruppi parlamentari delle 5 Stelle, o in ciò che ne è rimasto; Matteo Salvini per cercare di fermare la crescita di Giorgia Meloni nel centrodestra e via discorrendo.

Sergio Mattareòòa

Il povero Renzi, a questo punto, pur avendo ormai preso il posto che fu prima di Bettino Craxi e poi di Silvio Berlusconi nella difficoltà o drammaticità dei rapporti con la magistratura, si è dimenticato della principale ragione che potrebbero avere i suoi nemici sulla strada delle elezioni anticipate. Essa consiste nel comune interesse ad evitare, rinviandoli per effetto appunto delle elezioni, i referendum sulla giustizia in cui rischiano di rimettere i loro privilegi, o solo le loro brutte abitudini, i magistrati più politicizzati. O quelli -per ripetere la formula abituale di Mattarella quando ne parla, come ha appena fatto al Quirinale incontrando le toghe della Corte dei Conti- che svolgono il loro lavoro condizionati più da “logiche corporative” che dalla legge.

Pubblicato sul Dubbio

Benedetta, anzi benedettissima autoironia: da Mattarella a Draghi e a Grillo

Mattarella all’Università La Sapienza

Non so se da buon figlio di moroteo, com’era suo padre Bernardo, e moroteo lui stesso, anche se approdato alla politica quando lo statista democristiano era già morto, Sergio Mattarella sia bravo come Aldo Moro anche nell’imitare nelle voci e nelle smorfie colleghi e non di partito. Di sicuro ne ha ereditato quello di cui si è appena vantato con i professori dell’Università romana della Sapienza e ha definito “una buona dose di autoironia” indicandola come “ingrediente” o “antidoto” al rischio, per chi “esercita potere”, di farsene troppo “condizionare”.

La foto storica di Aldo Moro prigioniero delle brigate rosse

Persino negli ultimi giorni di vita, quando lottava disperatamente perché i suoi amici di partito e alleati lo sapessero e volessero sottrarre alla sentenza di morte emessa contro di lui dalle brigate rosse, che lo tenevano prigioniero in un covo a Roma dopo averne sterminato la scorta vicino casa, Moro non rinunciò all’ironia prendendosela, in particolare e addirittura, con Papa Montini: il suo amico Montini. Che aveva chiesto pubblicamente ai terroristi, sia pure “in ginocchio”, di rilasciare il presidente della Dc “senza condizioni”. Non si è sprecato molto, osservò pressappoco Moro in una delle sue lettere a proposito del Pontefice, forse pensando anche lui ad una manina, diciamo così, dell’allora presidente del Consiglio Giulio Andreotti in quel messaggio toccante ma politicamente inutile alla causa della sua liberazione, per come si erano ormai messe le cose nella gestione un po’ pasticciata, a dir poco, della cosiddetta linea della fermezza opposta dal governo alla sfida dei terroristi.

A distanza, direi, di poche ore dall’autoironia raccomandata, anzi riproposta da Mattarella, che nei mesi precedenti vi aveva già accennato in un incontro con una scolaresca, abbiamo assistito a due prove di autoironia, appunto, di una certa efficacia nella lettura delle vicende politiche italiane, che non brillano abitualmente di chiarezza e trasparenza.

Titolo del Corriere della Sera

“Anch’io cerco la mia strada”, ha detto Mario Draghi intrattenendosi con dei ragazzi, chiamiamoli così, a Rona. Il presidente del Consiglio non poteva esprimere meglio, con autoironia appunto, le tentazioni dalle quali è preso in questo periodo: tenersi rigorosamente estraneo alla successione a Mattarella o contribuirvi in qualche modo, sino a candidarsi anche lui o lasciarsi candidare per un trasferimento da Palazzo Chigi sgradito naturalmente ad altri possibili concorrenti al Quirinale: per esempio, Silvio Berlusconi.

Titolo di Repubblica

Già comico professionale di suo, con una visione quindi persino esasperata dell’ironia, Beppe Grillo ha profittato di un collegamento con un convegno sull’energia per “dileggiare” -ha titolato la Repubblica- il presentissimo presidente del suo MoVimento Giuseppe Conte. Che egli ha definito -dopo una sparata ormai esaurita  contro la Rai per un giro di nomine non gradito-  “un gentleman” praticamente innocuo, tra i più specializzati in “penultimatum”.

Titolo del Fatto Quotidiano su Conte

In un tentativo mal riuscito di essere anche lui ironico Conte ha reagito sottolineando il tipo “non ortodosso” di “comunicazione” di quello che pur sempre è il suo “garante”, in senso statutario. E che certamente- deve ammetterlo il professore di Volturara Appula- con le sue prese in giro non gli dà una mano mentre l’ultimo sondaggio elettorale di Winpoll attribuisce alle 5 Stelle l’11 per cento dei voti, a rischio di sorpasso anche da parte di una Forza Italia salita al 10,8.  

Ripreso da http://www.startmag.it

Chi sale e chi scende dalla intrigante giostra del Quirinale

Scusatemi se non riesco ad appassionarmi, diciamo così, ai temi della pandemia, dell’assalto pur amichevole degli americani a Tim, delle beghe più o meno regolamentari al Senato sul bilancio e altre cose ancora. Purtroppo mi intriga di più, per vecchie abitudini di mestiere, quella che comunemente si chiama “corsa al Quirinale” e che spesso sarebbe meglio definire “giostra” per la rapidità capricciosa con la quale scendono e salgono i candidati più disparati, con un occhio sempre rivolto tuttavia al presidente uscente della Repubblica. Dalla cui disponibilità o ambizione a restare dipendono tattiche e strategie degli altri concorrenti, almeno da quando la rielezione riuscì nel 2013 a Giorgio Napolitano, anche lui all’origine contrario, come adesso Sergio Mattarella, ma poi arresosi alle circostanze.

Titolo del Messaggero
Titolo del Quotidiano del Sud

 Anche nell’ultima uscita dal Quirinale, tornando tra i professori dell’università romana della Sapienza dove studiò da giovane, il capo dello Stato ha voluto ricordare le “poche settimane” che mancano alla “conclusione del ruolo e delle funzioni” assunte nel 2015, dopo l’abbandono di Napolitano per stanchezza, non so francamente se più fisica o politica, dati gli stress che gli procurava con i suoi ritmi, a dir poco, Matteo Renzi da Palazzo Chigi. Mattarella “chiude ancora ai partiti”, ha titolato Il Messaggero. “Mattarella deve insistere: ho finito”, ha gridato il manifesto. “Mattarella seppellisce l’ipotesi bis”, ha cimiterialmente chiosato Il Quotidiano del Sud.

Se però questa maggiore determinazione di Mattarella a lasciare il campo -per quanto avesse fatto pensare a qualche ripensamento rispolverando recentemente negli archivi quirinalizi le proposte di due predecessori di mettere in cantiere modifiche della Costituzione che gli dessero la ragione o il pretesto per garantirne il corso con un prolungamento davvero eccezionale e ultimo del suo mandato- dovesse davvero nascere dalla convinzione attribuitagli da qualcuno che vada profilandosi dietro le solite quinte un accordo vasto su Paolo Gentiloni come successore, sarebbe forse il caso di diventare più prudenti nei titoli e nelle previsioni.

Travaglio sul Fatto Quotidiano

Sull’ex presidente del Consiglio e attuale commissario europeo si è appena aperta una specie di offensiva sotto le stelle per avere avuto come capo di Gabinetto a Palazzo Chigi lo stesso Antonio Funiciello che oggi assiste Draghi. Al quale Il Fatto con la solita verve di Marco Travaglio ha chiesto di rimuoverlo per avere favorito abitualmente finanziatori di Matteo Renzi. Che -guarda caso, sembra di capire- starebbe lavorando adesso proprio per la candidatura di Gentiloni al Colle, dopo “la pace di Bruxelles” del 9 novembre a casa del commissario europeo annunciata da Repubblica.

Titolo del Foglio
Titolo sempre del Foglio

I problemi di Gentiloni e quelli anche di Draghi, che al Foglio da tempo auspicano al Quirinale ma il cui trasferimento da Palazzo Chigi preoccupa anche un ammiratore come Silvio Berlusconi, hanno scatenato lo spirito giocoso e goliardico di Giuliano Ferrara. Che a questo punto, sempre sul Foglio, ha dato “trenta e lode” al sempre amico Cavaliere per l’ostinazione, la schiettezza, la fantasia e quant’altro  con cui si sta giocano la partita del Quirinale pur senza avere ancora indossato la maglia del giro.   Diavolo di un uomo, il Cavaliere.    

Ripreso da http://www.startmag.it

Il fantasma di Scalfaro evocato contro Gentiloni al Quirinale

Titolo del Dubbio

Se non fa come Penelope, che per sottrarsi ai corteggiatori e simili disfaceva di giorno la tela che aveva tessuto di notte, Paolo Gentiloni ha un bel da fare per seguire e partecipare a suo modo, con un misto di discrezione, di interesse e al tempo stesso di disincanto, alla corsa al Quirinale per la successione a Sergio Mattarella.

            A leggere la particolareggiata e documentata corrispondenza di ieri da Bruxelles di Claudio Tito sulla Repubblica, in una decina di giorni fra il 9 e il 18 novembre Gentiloni ha incontrato, tra l’abitazione privata e il suo ufficio di commissario europeo agli affari economici, Matteo Renzi, il segretario del Pd Enrico Letta, il presidente e potente collega di partito della regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e la ministra forzista Mara Carfagna.

Renzi e Gentiloni in una foto del 2015

            L’incontro che ha fatto più notizia è stato naturalmente quello con Renzi, conviviale e lungo, dopo anni di sostanziale incomunicabilità fra i due, che pure sembravano legati a filo doppio quando Renzi era a Palazzo Chigi. Fu l’allora segretario del Pd a designare Gentiloni alla Presidenza del Consiglio, facendolo traslocare dalla Farnesina, dopo avere perduto il referendum sulla riforma costituzionale. 

La rottura si consumò per essersi poi Gentiloni schierato con Mattarella contro la richiesta delle elezioni anticipate avanzata da Renzi. Il quale, a torto o a ragione, ma forse più a ragione che a torto, riteneva che la sconfitta referendaria, pur costatagli Palazzo Chigi, fosse politicamente recuperabile per il 40 per cento dei sì comunque raccolti, più omogenei o compatti di quel 60 per cento dei no esteso da Berlusconi a Massino D’Alema, Pier Luigi Bersani e Beppe Grillo: un’Armata allora davvero Brancaleone.

            Pur enfaticamente annunciato su Repubblica come “la pace di Bruxelles”, l’incontro tra Gentiloni e Renzi è ancora più significativo considerando il fatto che è avvenuto prima del raduno annuale dei renziani alla stazione fiorentina della Leopolda. Al quale il leader della pur minuscola Italia Viva, sotto il 2 per cento nei sondaggi ma con una quarantina e più di parlamentari ancora a disposizione fra Senato e Camera, si è presentato con l’ambizione di svolgere un ruolo importante nella successione a Mattarella, a favore di un presidente- ha detto- di provato “europeismo” e “antisovranismo”. Come appunto potrebbe ben essere Gentiloni, sul quale peraltro erano giù circolate voci di una certa attenzione anche da parte di Enrico Letta, non a caso visto a Bruxelles dal commissario europeo proprio dopo l’incontro con Renzi.  Che -benedett’uomo- sembra avere immaginato sull’attuale segretario del Pd, pur attaccandolo continuamente per i rapporti troppo stretti attribuitigli con i grillini, un futuro addirittura da segretario generale della Nato. Che peraltro era la destinazione immaginata sino a qualche tempo fa proprio per Renzi, prima che lasciasse il Pd. Il povero Enrico Letta, insomma, non sta mai nel posto giusto dal punto di vista di Renzi, che alla fine del 2013 piuttosto che lasciarlo a Palazzo Chigi, parlandone al telefono con un generale della Guardia di Finanza inconsapevolmente intercettato, disse che sarebbe stato meglio prenotargli il Quirinale. Dove però era stato da poco confermato Giorgio Napolitano. Seguì solo un pur volontario esilio a Parigi.

            Fondate o non che siano, le aspirazioni di o su Gentiloni alla Presidenza della Repubblica per uno scioglimento ordinario del nodo quirinalizio, senza trattenere Mattarella né spostare Draghi da Palazzo Chigi, hanno allarmato soprattutto chi ancora è convinto che possa giocarsi la partita del Quirinale anche Berlusconi. Del cui Giornale di famiglia conviene seguire in questi tempi con particolare attenzione cronache e commenti, specie ora -peraltro- che è diretto da un conoscitore esperto dei palazzi della politica come il mio carissimo amico Augusto Minzolini. Che non ha avuto tutti i torti ieri a paragonare Renzi a Bettino Craxi, pure lui spesosi sino alla dannazione ai suoi tempi per modernizzare la sinistra. La cui parte più massimalista o radicale gli si rivoltò come una belva ferita. E lo mise fuori gioco con l’aiuto della magistratura più politicizzata.

Craxi e Scalfaro in una foto d’archivio

            Proprio nel paragonarlo a Craxi e allo sfortunato epilogo della sua carriera politica il direttore del Giornale con grande astuzia politica, considerando interessi, ambizioni e quant’altro del suo editore, ha ammonito Renzi a non ripetere  l’errore compiuto da Craxi nelle elezioni presidenziali del 1992,  quando già il clima politico era intossicato dal mix di cronaca politica e giudiziaria sull’inchiesta della Procura di Milano, e simili, contro il finanziamento illegale dei partiti e la presunta ma non sempre provata corruzione.

Augusto Minzolini sul Giornale di ieri

            Allora il leader socialista preferì la candidatura del presidente democristiano della Camera Oscar Luigi Scalfaro a quella del presidente repubblicano del Senato Giovanni Spadolini come soluzione “istituzionale” e d’emergenza della successione a Francesco Cossiga dopo il boato spaventoso, in tutti i sensi, della strage mafiosa di Capaci, compiuta in piena sessione parlamentare per l’elezione del capo dello Stato.

Di quella scelta, maturata appezzando la lealtà mostratagli da Scalfaro quando era stato il suo ministro dell’Interno, fra il 1983 e il 1987, Craxi si sarebbe poi pubblicamente pentito.  Da lui non ebbe una mano o un dito d’aiuto, ma l’ultima pedata nello scontro con la sinistra massimalista e le artiglierie giudiziarie. Sono passati quasi 30 anni, ma sembrano molti di meno per il vivido ricordo che se ne ha ancora.

Pubblicato sul Dubbio

Dietro quel sorriso un pò di sollievo di Laura Mattarella al San Carlo di Napoli

Sergio Mattarella sul palco reale del Teatro San Carlo a Napoli

C’è qualcosa che forse spiega quell’espressione di compiacimento e insieme di sollievo che è stata colta nella figlia di Sergio Mattarella, Laura, sul palco reale del Teatro San Carlo di Napoli mentre il padre raccoglieva la solita standing ovation che l’accompagna ormai nelle sue uscite dal Quirinale in questo periodo di fine mandato. Pare che proprio la figlia, più ancora del padre, sia contraria ad una conferma del presidente uscente, come avvenne nel 2013 con Giorgio Napolitano per fare maturare le condizioni allora mancate dell’elezione di un successore, dopo le bocciature di entrambi i candidati del Pd lanciati dall’allora segretario Pier Luigi Bersani: prima Franco Marini e poi Romano Prodi.

A vedere Laura Mattarella contenta e al tempo stesso sollevata per l’ennesima manifestazione di fiducia e di simpatia per il padre si è pensato a qualcosa di nuovo che stesse maturando, o fosse già maturato, per uno scioglimento ordinario del nodo quirinalizio. Cioè, senza la deviazione, chiamiamola così, vista a torto o a ragione dietro i recenti richiami del Presidente alle proposte inutilmente presentate dai predecessori e colleghi di partito Antonio Segni e Giovanni Leone di mettere in Costituzione la ineleggibilità immediata del Capo dello Stato e l’abolizione del cosiddetto semestre bianco. Durante il quale il presidente perde la prerogativa dello scioglimento delle Camere. “Impegnatevi a fare queste modifiche nell’anno residuo della legislatura e mi presterò ad una conferma finalizzata a questo scopo, che renderebbe davvero ultima la replica dell’eccezione già sperimentata con Napolitano”, era sembrato il messaggio sotto traccia di Mattarella. E qualcuno aveva già cominciato ad adoperarsi per aprire in Parlamento il cantiere di questa riforma costituzionale, magari arricchendola d’altro, come la sfiducia costruttiva o la fiducia a Camere congiunte ventilata da Giuseppe Conte qualche giorno dopo, guarda caso.

Titolo di Repubblica
Matteo Renzi alla Leopolda

Si può avere adesso il fondato sospetto che a rasserenare, diciamo così, la figlia di Mattarella sia stato un incontro svoltosi il 9 novembre a Bruxelles, ma di cui solo oggi il corrispondente di Repubblica Claudio Tito ha dato notizia, fra il commissario europeo ed ex presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e Matteo Renzi, notoriamente propostosi  ben prima del raduno annuale dei suoi appena conclusosi alla stazione Leopolda di Firenze di fare un po’ il regista anche di questa edizione della corsa al Quirinale. Cosa che gli riuscì nel 2015 da segretario del Pd e presidente del Consiglio con l’elezione proprio di Mattarella, anche a costo di rompere il patto sulle riforme costituzionali che aveva stretto con Silvio Berlusconi, pagandone forse lo scotto con la bocciatura referendaria del dicembre 2016. Certo, la posizione di Renzi oggi non è quella del 2015, ma anche da leader ridimensionato com’è, a capo di un partitino che non supera il 2 per cento dei voti nei sondaggi, egli ha mostrato nei mesi scorsi di sapere e potere promuovere operazioni complesse come la rimozione di Conte da Palazzo Chigi e l’arrivo di Mario Draghi.

Titolo interno di Repubblica
Paolo Gentiloni

La “pace di Bruxelles” annunciata da Repubblica ha forse qualcosa di enfatico, ma è pur importante che i due siano tornati a cercarsi, a incontrarsi e a parlarsi  dopo la brusca interruzione dei rapporti avvenuta nel 2017, quando Gentiloni fece asse con Mattarella e non assecondò la richiesta di Renzi di sciogliere le Camere dopo la sconfitta referendaria. Che, avvenuta con un onorevole 40 per cento di sì alla rua riforma,  gli avrebbe forse potuto consentire un recupero politico in un novo Parlamento.

Ripreso da http://www.startmag.it

Berlusconi supervaccinato e buonissimo, ma non basta ancora….

Titolo di Libero

Fra tutte le foto più recenti di Silvio Berlusconi quella riuscita meglio è sicuramente l’ultima. Che riprende l’ex presidente del Consiglio in eccellenti condizioni, soddisfatto della terza dose di vaccino contro il Covid che gli gliene somministrata. E pazienza se non è “il vaccino anti-traditori” che invece sembra più opportuno e urgente al buon Pietro Sinaldi, che ne ha scritto su Libero discorrendo anche della corsa dell’uomo di Arcore al Quirinale.

Ma questi sono giorni in cui Berlusconi sembra ottimista, fiducioso, aperto, con quel “sole in tasca” che soleva consigliare ai suoi dipendenti negli incontri annuali di simpatia e di incoraggiamento, perché facessero come lui i dispensatori di sorrisi e di buone notizie, nascondendo le cattive per esorcizzarle.

Intervista di Antonio Tajani al Corriere della Sera
Intervista di Silvio Berlusconi al Tempo

Mentre il suo povero vice e fedele Antonio Tajani, fermo ancora al problema di qualche giorno prima emerso dalle preoccupazioni di Giorgia Meloni che il Cavaliere fosse tentato dal trattare col Pd sul Quirinale, escludeva al Corriere della Sera che potesse esserci “un tavolo col Pd”, appunto, sulla successione a Sergio Mattarella, un paciosissimo Berlusconi spiegava al direttore in persona del Tempo, Franco Bechis, che bisogna smetterla anche do parlare male o di diffidare del MoVimento 5 Stelle. Non sono più nazisti travestiti, da lui stesso temuti almeno prima delle elezioni del 2018, quelli che -sempre lui- non avrebbe assunto neppure come addetti alle pulizie dei cessi delle sue aziende, ma gente generosa e bene intenzionata, benemerita anche di quel reddito di cittadinanza che ha aiutato un bel po’ di “poveri”, uomini, donne o d’altro sesso ancora “nati come Forza Italia -ha detto testualmente- per cambiare il Paese”. E se non ci sono forse ancora riusciti nel migliore dei modi ciò è accaduto solo perché non si sono ancora aperti abbastanza alla collaborazione con i forzisti, pur partecipando insieme da febbraio alla maggioranza di emergenza e quant’altro raccoltasi attorno al governo di Mario Draghi.

Titolo del quotidiano Domani
Goffredo Buccini sul Corriere della Sera di ieri

A questo Berlusconi inedito ma non troppo, essendogli già accaduto di descriversi “convesso o concavo” secondo le opportunità del momento, che solo la cattiveria degli irriducibili nemici presenta nei titoli dei giornali come il solito trafficante che starebbe cercando di “acquistare” più o meno grandi elettori sulla strada del Quirinale, avendo stanziato per questo investimento qualcosa come “60 milioni” di euro, secondo le valutazioni sparate oggi su tutta la sua prima pagina dal quotidiano Domani di Carlo De Benedetti; a questo Berlusconi inedito, dicevo, si è rivolto come ad un pacificatore, dopo 30 anni di guerra fra la magistratura e la politica cominciata con l’inchiesta giudiziaria “Mani pulite”,  uno specialista della materia come il cronista giudiziario Goffredo Buccini. Che, autore di un libro un po’ disincantato e persino autocritico, ha testualmente scritto ieri sul Corriere della Sera: “Un personaggio pubblico in grado di migliorare di molto il clima sarebbe ancora in campo. Per paradossale che appaia, si tratta proprio di Berlusconi: il quale, senza abiure né confessioni, certo, ma solo dismettendo con un gesto, una frase, un messaggio, i panni da perseguitato della giustizia nei quali si è blindato (anche) per ragioni difensive, potrebbe aprire una nuova stagione smontando i miti fasulli della precedente”. Lo aspetterebbe “una missione perfino più appassionante del miraggio del Colle: aiutare gli italiani di domani a entrare nel futuro senza inutili fardelli”. Oddio: gli si chiede insomma -se non ho capito male- un passo contrito indietro, a vantaggio di qualcuno ancora da individuare

Ripreso da http://www.startmag.it e http://www.policymakermag.it

Blog su WordPress.com.

Su ↑