La manina del Colle che ha messo un pò in riga Salvini sul Consiglio dei Ministri

Questa volta, di fronte al pasticcio del decreto legge sul condono fiscale, o come altro preferiscono chiamarlo i loro stessi promotori, il presidente della Repubblica si è davvero spazientito, come dicono un po’ eufemisticamente al Quirinale pensando forse a qualcosa di più.

Dopo avere tollerato una certa estensione della già cattiva abitudine dei governi precedenti di varare, anche senza la formula della “riserva”, provvedimenti incompleti, riempiti tecnicamente e politicamente lungo il percorso, pur fisicamente assai breve, tra Palazzo Chigi e il Colle, separati in fondo solo dalla Galleria Alberto Sordi, ex Colonna, e dalla Fontana di Trevi, Mattarella ha puntato i piedi.

E’ sembrata eccessiva al capo dello Stato la pretesa che andava delineandosi di confezionare il decreto sul condono, dopo la inedita minaccia di una sua deviazione addirittura verso la Procura della Repubblica per effetto della presunta manipolazione annunciata  dal vice presidente del Consiglio Luigi Di Maio, in un vertice gialloverde, l’ennesimo nella pur breve storia del nuovo governo. O, peggio ancora,  in una ricognizione più o meno solitaria, per quanto sicuramente scrupolosa, del presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Sono pertanto partiti dal Quirinale gli opportuni segnali sulla opportunità, se non necessità, di una convocazione del Consiglio dei Ministri. E le conseguenti disposizioni agli uffici del Colle di interrompere ogni traffico di vecchie e nuove bozze, visti i rischi cui si era purtroppo prestata e ancor più si sarebbe prestata, nelle nuove condizioni create dalla denuncia di Di Maio, la volenterosa opera di consultazione o persuasione morale del presidente della Repubblica, e dei suoi consiglieri.

Altro francamente non avrebbe potuto disporre il capo dello Stato, peraltro fresco di una immersione di studio nella storia dei suoi predecessori, accingendosi a commemorare a Pontedera Giovanni Gronchi nel quarantesimo anniversario della morte, come ha poi fatto in un’atmosfera politica di accresciuto interesse.

Scambiata per una semplice decisione di Conte, o addirittura per una sua impuntatura sotto la spinta dei grillini, interessati a inventarsi chissà cos’altro in vista di un raduno a Roma con la partecipazione di Grillo in persona, il vice presidente leghista Matteo Salvini ha spavaldamente minacciato di disertare Palazzo Chigi per onorare precedenti impegni. E ha lasciato circolare per qualche ora voci su una clamorosa assenza di tutta la delegazione del Carroccio dal Consiglio dei Ministri annunciato dall’estero, essendo ancora Conte impegnato nel vertice europeo a cercare di tranquillizzare i suoi interlocutori sulla manovra finanziaria del governo. Che contemporaneamente veniva strapazzata a Roma dal commissario agli affari economici Pierre Moscovici per la sua “deviazione senza precedenti” dai parametri dei trattati dell’Unione, e dagli impegni assunti non più tardi dello scorso mese di luglio dall’attuale governo, e non solo dai precedenti in date anteriori.

Quando si è reso conto della manina del Quirinale nella convocazione del Consiglio dei Ministri, Salvini ha smesso di eccepire ed ha rimosso ogni ostacolo, pur consapevole del confronto assai scabroso che lo aspetta personalmente con Di Maio, per quanto preceduto di poche ore da un vertice che potrebbe disinnescarlo

Il vice presidente grillino del Consiglio, premuto dalle esigenze interne del proprio movimento, sempre più insofferente dei rapporti con la Lega, si è proposto di togliere a Salvini altri punti, dopo quelli sottrattigli nelle trattative sulla manovra finanziaria. Si tratta questa volta, dopo il ridimensionamento, a dir poco, della cosiddetta tassa piatta, di ridurre proprio all’osso il condono fiscale, sino a rendere inappetenti, senza uno scudo anche penale, i contribuenti ai quali Salvini voleva destinarlo pensando al suo elettorato, di certo, ma anche ai ricavi possibili per l’erario in funzione del finanziamento dei generosi programmi di spesa del governo: dal cosiddetto reddito di cittadinanza, la bandiera delle 5 stelle, allo smontaggio, anzi alla distruzione -la bandiera issata sul Carroccio- della odiata legge Fornero sulle pensioni.

 

 

 

 

Pubblicato su Il Dubbio

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: