Silvio Berlusconi sbanda sugli immigrati inseguendo Matteo Salvini

            Tutti i giornali, con la sola eccezione della Stampa, che ne ha generosamente ignorato in prima pagina la sortita, hanno titolato su Silvio Berlusconi che, inseguendo l’alleato Matteo Salvini  anziché moderarlo, ha proposto di disinnescare “la bomba sociale” costituita dagli immigrati espellendo i seicentomila che sarebbero presenti in Italia senza permesso. Assisteremmo ad una retata alla grande, magari con qualche incentivo ai delatori: una retata che invidierebbero dalle fiamme dell’aldilà all’ex presidente italiano del Consiglio gli specialisti della croce uncinata che ne fecero parecchie nella loro Germania e nei paesi occupati durante la seconda guerra mondiale. E scambierebbero magari il presidente di Forza Italia per un erede di Benito Mussolini.

            Mi chiedo cosa gli sia saltato in mente, quale febbre gli abbia procurato questa dannata campagna elettorale, avendo conosciuto Silvio Berlusconi prima della sua avventura politica e lavorato nelle sue aziende: prima al Giornale di Indro Montanelli, quando ne divenne editore, e poi alla televisione degli anni della Fininvest. Che cosa gli è saltato in mente non solo avendo alle spalle politicamente, come gli ha rinfacciato sul Fatto Quotidiano Marco Travaglio, i settecentomila immigrati “condonati” nei suoi anni di governo con la legge di Gianfranco Fini e Umberto Bossi, possibilmente da ricordare oggi anche a Giorgia Meloni e a Salvini, loro successori d’area, diciamo così, ma soprattutto avendo nel torace quel cuore un po’ ballerino? Che gli si è rivoltato da poco per molto meno, come l’esclusione dalle liste della sua Forza Italia di un centinaio di aspiranti candidati alle elezioni del 4 marzo. Dio mio, cosa gli è saltato in mente pur di mantenere o aumentare le distanze nel centrodestra dalla Lega per contrastane il diritto a rivendicare Palazzo Chigi nel caso, peraltro assai improbabile, in cui la coalizione dovesse conquistare la maggioranza assoluta dei seggi parlamentari e tornare al governo del Paese?

            E’ augurabile adesso che, di fronte ai titoli critici procuratisi da Berlusconi con la sua sortita simil-leghista, non venga in mente ai suoi aedi, a cominciare naturalmente dal direttore del Giornale di famiglia, di parlare di una “caccia rossa” anche all’ex presidente del Consiglio, oltre a quella a Salvini appena lamentata da Alessandro Sallusti.  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: