Il merito che Salvini non sa di avere è la piazza di Riace contro un pubblico ministero

Può darsi che, da pensionato d’oro assai presunto, e in pieno conflitto d’interessi, come si dice, dovrò coltivare risentimento personale nei riguardi di Matteo Salvini per le troppo deboli e contraddittorie resistenze opposte, sino al momento in cui scrivo, alla falce impugnata dai grillini. Che hanno ora annunciato di bloccare anche le rivalutazioni delle pensioni auree in relazione al costo della vita, non sapendo che esse ne sono di fatto già escluse da parecchio tempo, per cui    il presunto oro ha perso carati per strada. Ma rimarrò ugualmente grato a Salvini, da giornalista impegnato sul fronte garantista, del fatto di avermi procurato finalmente, per quanto involontariamente, lo spettacolo di una dimostrazione di protesta contro una Procura della Repubblica, e ,in difesa di un indagato finito pure agli arresti, per quanto domiciliari: il sindaco di Riace Domenico Lucano, Mimmo per gli amici e per gli immigrati che ha saputo accogliere e integrare nel suo piccolo e quasi disabitato Comune calabrese, noto però in tutto il mondo per i due guerrieri greci di bronzo recuperati nelle sue acque 46 anni fa.

Peccato che il centinaio di immigrati ora presenti a Riace rischino, se non saranno salvati dal Tar cui il Comune ha annunciato di ricorrere, di doversene andare per una circolare appena emessa dal Viminale. Dove hanno precisato con involontaria ironia che il trasferimento sarà non coatto ma “volontario”, al prezzo però di perdere ogni forma di assistenza in caso di rifiuto di una nuova destinazione. Il carattere volontario, ripeto, del trasferimento diventa così un ossimoro come l’obbligo “flessibile” di vaccinazione adottato nei mesi scorsi dal governo, alla vigilia del nuovo anno scolastico.

Alla notizia dell’arresto del sindaco di Riace, disposto dal giudice competente tagliando però drasticamente l’elenco dei reati proposto dal pubblico ministero, il ministro dell’Interno ritenne di reagire con un “ciaone” di glaudio quanto meno inopportuno per un membro del governo legato al giuramento di fedeltà ad una Costituzione che ancora contiene il principio della presunzione di non colpevolezza, cioè di innocenza, di un imputato sino a condanna definitiva.

D’accordo, nella cosiddetta prima Repubblica era accaduto anche di peggio, con ministri e persino capi dello Stato esultanti per l’arresto di un sospettato, fra le proteste politiche e istituzionali della sola opposizione comunista,e per fortuna ancora garantista. Ma di acqua ne è passata da allora sotto i ponti, persino quella degli anni orribili e terribili di “Mani pulite”, per cui Salvini farebbe male a difendersi con quei precedenti.

A dimostrazione della tanta acqua passata sotto i ponti, proprio dopo il “ciaone” del ministro dell’Interno al sindaco di Riace appena arrestato fu possibile una reazione inusuale come un raduno popolare di protesta non solo contro Salvini, ma anche contro la magistratura che egli aveva apprezzato, diversamente da quelle di Agrigento e di Palermo. Che nelle settimane precedenti gli avevano riservato la sorpresa -si fa per dire- di un procedimento penale, sulla corsia protetta del cosiddetto tribunale dei ministri, per la vicenda della nave Diciotti. Di cui il ministro dovrà rispondere con l’imputazione di sequestro aggravato degli immigrati trattenuti per alcuni giorni sul pattugliatore della Guardia Costiera nel mare e infine nel porto di Catania.

Neppure con quella reazione diretta, in Facebook, dal suo ufficio al Viminale, opponendo la sua legittimità elettorale a quella meramente burocratica o amministrativa della magistratura, Salvini riuscì a scaldare i cuori dei suoi sostenitori, spingendoli alla protesta ad Agrigento o a Palermo contro le rispettive Procure. Come invece sarebbe riuscito a fare poi, a sua insaputa o in autorete, con la vicenda di Riace provocando una dimostrazione di protesta anti giudiziaria.

Per uno come me, immemore di quei cortei per le strade di Milano, e sotto le finestre del tribunale, di dimostranti in maglietta che chiedevano, in particolare all’allora sostituto procuratore Antonio Di Pietro, di “sognare” le manette ai polsi  della maggior parte possibile di politici o politicanti, la svolta di Riace è stata una festa. Della quale, ripeto, non sarò mai grato abbastanza a Salvini.

Mi corre tuttavia l’obbligo di ricordare che di quei cortei milanesi finì per preoccuparsi con pubbliche dichiarazioni persino l’insospettabile capo della Procura Francesco Saverio Borrelli. Che non a caso dopo un po’ d’anni avrebbe chiesto “scusa” agli italiani per il terremoto politico procurato inutilmente al Paese guidando l’operazione “Mani pulite”. E si sarebbe perciò guadagnato il ringraziamento di una delle vittime di quella stagione: il socialista Claudio Martelli, che già lo stesso Borrelli aveva definito “il migliore ministro della Giustizia” che avesse visto all’opera da magistrato.

 

 

Pubblicato su Il Dubbio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: