D’accordo, Sergio Mattarella non è un economista. E con questo ?

Chi ha pensato, fra i grillini, di poter mettere in qualche difficoltà Sergio Mattarella, e contestarne preoccupazioni e moniti espressi sui conti dello Stato, dandogli dell'”uomo più di diritto che di economia”, non sa di averlo compiaciuto.

Questa storia di intendersi poco o niente di economia il presidente della Repubblica se la sente  raccontare da tempo, ben prima dell’approdo al Quirinale, tre anni fa, da un vecchio e carissimo amico, che abbiamo peraltro in comune. La cui grande competenza economica e finanziaria è stata più volte messa a disposizione dello Stato.

Non a caso, del resto, nel curriculum parlamentare di Mattarella manca un qualsiasi riferimento a leggi di spesa o di entrata di cui egli sia stato, per esempio, relatore. Come invece gli accadde nel 1993 alla Camera con la legge elettorale destinata a disciplinare l’anno dopo il rinnovo anticipatissimo delle Camere con l’inedito sistema misto di maggioritario e proporzionale, prodotto da un referendum di marca radicale. A quella legge il compianto Vanni Sartori, traducendo in latino il nome del relatore, impose il marchio di successo Mattarellum.

            Lungi dal sentirsi menomato, il presidente della Repubblica si vanta col nostro comune amico di intendersi di economia meno che di legge, e di politica. Egli ritiene che a un capo dello Stato in tema di economia e finanza debba bastare e avanzare la possibilità di disporre dal suo osservatorio di tutti i punti di riferimento, di consultazione, di consiglio garantiti dalle istituzioni.

D’altronde, di economisti al Quirinale ne abbiamo avuti in più di 70 anni solo due: Luigi Einaudi e Carlo Azeglio Ciampi. Tutti gli altri hanno attinto ciò che serviva per conti e numeri nello stesso Quirinale e dintorni: a cominciare dalla quasi attigua Banca d’Italia, dove si arriva voltando l’angolo, per finire nei Ministeri economici ora accorpati in uno solo, in via XX Settembre. Dove si accede senza neppure voltare d’angolo dall’ingresso alla residenza del capo dello Stato.

Oltre a consigli, informazioni e dossier uno dei predecessori di Mattarella, il suo collega di partito Oscar Luigi Scalfaro, attinse in Banca d’Italia anche uomini da destinare a Palazzo Chigi -Ciampi nel 1993- o ai dicasteri finanziari. E lo stesse fece poi Giorgio Napolitano per scegliere i ministri economici dei governi tecnici, o quasi tecnici, capitatigli di nominare nei suoi nove anni per niente ordinari di mandato presidenziale.

Dall’alto dei loro balconi, dove si affacciano per gridare vittoria ed entusiasmare la folla, i grillini mostrano diffidenza verso tecnici, burocrati e quant’altri ancora operano nei loro dicasteri,  accusandoli di frenarne l’azione di “cambiamento”, o di “boicottaggio” vero e proprio. E proponendosi purghe alla prima occasione. Essi vogliono “politici” dappertutto di cui potersi fidare, e che dovrebbero pertanto essere solo della loro parte.

Anche in questa mania di conquistare palazzi e sventolare sopra e sotto i balconi le bandiere del “popolo” vincente, i grillini dovrebbero andare piano, come ha consigliato loro di  fare l’insospettabile Marco Travaglio. Che sul suo Fatto Quotidiano ha ricordato saggiamente, una volta tanto, al vice presidente pentastellato Luigi Di Maio, reduce appunto da una performance del genere, che “i balconi portano sfiga”, in Italia come altrove.

A parti sia pure rovesciate, essendosi allora trattato di difendere un politico dall’arrivo di un tecnico, o burocrate, vale la pena rievocare l’assalto dei partigiani, guidati da Giancarlo Pajetta, alla Prefettura di Milano alla fine di novembre del 1947. L’allora ministro dell’Interno Mario Scelba aveva appena annunciato la sostanziale destituzione del prefetto Ettore Troilo, già segretario di Giacomo Matteotti e capo di una formazione della Resistenza, per sostituirlo col prefetto uscente di Torino Vincenzo Ciotola.

Conquistata la Prefettura di Milano mentre continuavano a giungere  le dimissioni dei sindaci della provincia per protesta contro il governo, Pajetta telefonò a Roma dall’ufficio di Troilo per annunciare l’epilogo dell’assalto. E si sentì chiedere perfidamente non da Alcide De Gasperi, ben protetto al Viminale, ma dal segretario del Pci Palmiro Togliatti, tornato all’opposizione da giugno per la fine dei governi di unità nazionale: “E ora della Prefettura occupata che ve ne fate?”.

Come Togliatti a novembre del 1947, così Beppe Grillo ha completamento snobbato domenica nel riepilogo della trentatreesima settimana del suo blog personale l’impresa di Di Maio e compagni  sul balcone di Palazzo Chigi per la conquista del deficit al 2,4 per cento del prodotto interno lordo.

Gli avvenimenti o progetti che l'”elevato” delle 5 Stelle ha preferito celebrare sono stati tutti di uso o di lotta alla plastica: da una pista ciclabile di plastica riciclata realizzata in una città olandese alla proposta di mangiare il panino con tutto il suo contenitore e di trangugiare il bicchiere dopo averne bevuto il contenuto, senza buttare nulla nel sacchetto dei rifiuti.  E’ cambiamento, evidentemente, anche questo.

 

 

 

Pubblicato su Il Dubbio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: