Travaglio ricorda la “brusca” fine delle stragi mafiose con Berlusconi al governo

È stato evidentemente irresistibile, al solito, il richiamo della foresta giustizialista, e in più antiberlusconiana. Marco Travaglio, pur consapevole che “l’esito più probabile dell’ennesima inchiesta sui mandanti occulti delle stragi” mafiose di più di 25 anni fa “è lo stesso di quelle precedenti: l’archiviazione”, ha sparato a pallettoni, fortunatamente solo di carta, contro Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri. Sui quali la Procura di Firenze, stimolata da carte inviate da Palermo, ha chiesto e ottenuto dal giudice di tornare ad indagare, appunto, sui presunti pupari dei mafiosi che fra il 1992 e il 1993 “insanguinarono l’Italia, da Firenze a Milano e a Roma, uccidendo 10 innocenti -ha ricordato il direttore del Fatto Quotidiano- e ferendone altre decine, abbattendo basiliche e musei e aprendo la strada al primo governo B”.

B naturalmente, tanto per risparmiare qualche battuta nella stesura dell’articolo, e nella lettura al pubblico che aveva fretta di arrivare alla conclusione, è Berlusconi. Il quale pertanto arrivò a Palazzo Chigi non tanto per avere vinto libere e regolari elezioni, in competizione col cartello dei progressisti, guidati dall’ultimo segretario del Pci Achille Occhetto, e dei centristi raccoltisi attorno a Mario Segni, quanto per il terrore seminato dalla mafia. Che avrebbe concesso con i suoi attentati, e col sangue degli altri, quella “bella cosa” chiesta, o fatta chiedere, a uomini come Giuseppe Graviano, arrestato peraltro proprio nel 1994 e condannato a un po’ di ergastoli anche per quelle stragi

È stato proprio Graviano che nella primavera dell’anno scorso, parlando con un compagno d’aria, diciamo così, e guardando curiosamente in direzione della telecamera nascosta che lo riprendeva su ordine della Procura di Palermo, si è vantato della “bella cosa” -ripeto- chiesta da Berlusconi. Il cui nome, tuttavia, non è risultato chiaro a tutti i periti che hanno ascoltato l’intercettazione depositata dai pubblici ministeri di Palermo al processo in corso in quella città da tempo ormai immemorabile sulla presunta trattativa fra lo Stato e la mafia nella stagione delle stragi.

Purtroppo, per i pubblici ministeri siciliani, al processo di Palermo non hanno potuto saperne di più perché quel furbacchione di Gaviano, forse per condurre meglio un’azione di “ricatto” sospettata anche dal Fatto Quotidiano nel titolo di prima pagina di ieri, ha taciuto ai giudici avvalendosi della facoltà di non rispondere come imputato di procedimenti connessi. Ma per loro fortuna e avvedutezza i pubblici ministeri di Palermo hanno informato del loro materiale anche le Procure delle altre città investite dalle stragi. E quella di Firenze, pur avendo dovuto archiviare negli anni passati due inchieste analoghe nate da dichiarazioni di altri pentiti di mafia, non si è lasciata scappare l’occasione per confermare il vecchio detto popolare che non c’è due senza tre.

In verità, a Firenze avrebbero potuto anche aspettare qualche giorno per evitare che l’annuncio della nuova inchiesta, o la riapertura delle vecchie, coincidesse con gli ultimi giorni della campagna elettorale in Sicilia per il rinnovo dell’amministrazione regionale, cui partecipa personalmente proprio Berlusconi a sostegno del candidato della sua parte politica a governatore dell’isola. E vi partecipa come antipasto della campagna elettorale nazionale che, per quanto in corso di fatto da circa un anno, cioè dalla sconfitta referendaria di Matteo Renzi sulla riforma costituzionale, si aprirà formalmente fra un paio di mesi per il rinnovo delle Camere.

Mi rendo tuttavia conto, per quanto spiacevole sia la coincidenza, tradotta spesso nell’immagine della “giustizia ad orologeria”, che in Italia -fortunatamente per certi versi- si vota ogni anno, e quasi in ogni stagione,. Lo ha più volte fatto notare, a sostegno dei suoi colleghi, giudici o inquirenti che siano, l’ex segretario dell’associazione nazionale dei magistrati Percamillo Davigo. Pertanto a Firenze potrebbero sentirsi pure offesi a sentirsi contestare i tempi della loro iniziativa, e persino scaricare la responsabilità della coincidenza ai giornali che hanno dato una notizia segreta, imbeccati dal solito uccel di bosco.

Anche questo ormai è uno scenario abituale, al quale non c’è giornalista che possa rivoltarsi o eccepire qualcosa senza essere scambiato o per un invidioso dei più fortunati o bravi concorrenti o un traditore della professione. È ciò che ha sempre fatto e scritto in difesa dei suoi scoop giudiziari Travaglio, che coerentemente -va detto- si è complimentato questa volta con i colleghi del Corriere della Sera e di Repubblica preferiti, diciamo così, dall’uccello di bosco di turno.

In un empito di generosità verso gli inquirenti fiorentini il direttore del Fatto Quotidiano ha loro offerto un contributo non so se più semplicemente di cronista o più presuntuosamente di storico: un contributo di conoscenza o di analisi, come preferite, per capire fatti e circostanze su cui sulle rive dell’Arno si sta indagando.

Appena arrivato B a Palazzo Chigi- ha scritto in un inciso del suo editoriale di ieri Travaglio, mettendolo fra due parentesi- vi fu “la brusca fine della stagione stragista”. Pensate un po’: brusca, non con la maiuscola di un altro famoso pentito di mafia, ma con la minuscola dell’aggettivo che indica, come leggo sul dizionario della lingua italiana di Giacomo Devoto e Gian Carlo Oli, una persona mancante di tatto e di riguardo.

Meno sospetta per gli antiberlusconiani di professione, e più utile paradossalmente all’allora presidente del Consiglio, e perdurante leader del centrodestra, al netto della concorrenza che gli fa Matteo Salvini, sarebbe stata dopo il suo arrivo alla guida del governo una fine graduale delle stragi mafiose: una ogni anno, per cominciare, e poi ogni due, e poi ancora ogni tre.

Ma cessarle così, di colpo, mentre peraltro venivano catturati i vari Graviano e, più in alto ancora, Riina e Provenzano, no. Questo, i mafiosi non dovevano proprio farlo a Travaglio, ai suoi lettori e ai suoi estimatori, togati e non.

Ne’ dovevano farla tanto sporca a Travaglio  il Matteo Renzi oggi in carica al vertice del maggiore partito della sinistra e tutti i suoi predecessori, ora in parte avversari, che non hanno mai voluto costituire -ha lamentato il direttore del Fatto Quotidiano- il necessario “Comitato di liberazione nazionale da Berlusconi”, e dai ricatti suoi e della mafia. Ma chi e quando si deciderà invece a liberarci dai giustizialisti e dai loro ricatti  moralistici? Del  moralismo di un tanto al chilo.

 

 

Pubblicato su Il Dubbio del 2-11-2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: