Fra le rovine dell’Ucraina anche la politica interna dell’Italia di Draghi

Titolo del Dubbio

La guerra di Putin agli ucraini benedetta -non dimentichiamolo- dal Patriarca di Mosca, la rielezione di Emmanuel Macron all’Eliseo e la tenuta dell’Europa e della Nato alla prova cui sono state messe dal Cremlino hanno sconvolto i campi più o meno larghi della politica italiana, già sofferenti di loro per le campagne elettorali delle amministrative di giugno e generali dell’anno prossimo, salvo un anticipo all’autunno di questo affollato 2022.

Giorgia Meloni

            I campi più o meno larghi della politica italiana sono naturalmente quelli del centrosinistra, esteso prima da Nicola Zingaretti e poi da Enrico Letta ai nuovi e presunti progressisti pentastellati di Giuseppe Conte e del garante ora anche consulente Beppe Grillo, e del centrodestra di cui Silvio Berlusconi è sempre di più soltanto il fondatore. Considerarlo ancora il capo effettivo è rispettoso della sua persona, e della sua età, ma non della realtà. Egli è piuttosto uno spettatore blasonato della gara alla guida del centrodestra in corso, senza esclusione di colpi, fra l’ormai declinante Matteo Salvini e l’ascendente Giorgia Meloni, Che adesso è libera anche del fantasma di Giorgio Almirante, col suo passato repubblichino, grazie alla scomparsa della moglie ultracentenaria Assunta. Lo scrivo con tutta la simpatia che la signora si era guadagnata e meritata in vita, per la sua schiettezza e vigoria, ben oltre lo schieramento politico di appartenenza.

Berlusconi e Salvini

        Fra i due concorrenti Berlusconi propende sin troppo chiaramente per Salvini, incoronato personalmente da lui “vero e unico leader” italiano nella recente festa paranuziale con l’onorevole convivente Marta Fascina. Ma, a ben guardare le posizioni politiche dei due concorrenti, l’ex presidente del Consiglio dovrebbe trovarsi e sentirsi più in sintonia con la sua ex ministra. Che, “conservatrice” orgogliosamente dichiarata, è più europeista, o meno anti-europeista o sovranista, e più occidentalista e atlantista dell’altro, refrattario all’evoluzione consigliatagli all’interno della Lega post-bossiana dall’influente ministro, e amico del capo del governo in carica, Giancarlo Giorgetti.

         Sono ancora fresche di stampa, diciamo così, le notizie sull’incontro romano di Salvini col premier un pò putiniano dell’Ungheria Viktor Orban, pur appena ricevuto dal Papa in Vaticano e ringraziato per le porte magiare lasciate aperte agli ucraini in fuga dalle loro terre devastate. Altrettanto freschi di stampa sono i complimenti fatti dal “capitano” leghista alla sconfitta Marine Le Pen piuttosto che al vincente della nuova edizione della corsa all’Eliseo. Il cui inquilino confermato per altri cinque anni è unanimemente apparso in Europa con sollievo come il garante della continuità del processo di integrazione anche politica, e non solo economica, del vecchio continente.

Enrico Letta
Giuseppe Conte

        Le difficoltà, contraddizioni e quant’altro del centrodestra, pur al governo di tante regioni italiane, ma in procinto di uscire in brache di tela dalle elezioni primaverili e autunnali della Sicilia, anticipatrice regionale di tante svolte politiche nazionali, sono un po’ l’unguento col quale a sinistra il segretario del Pd spalma le ferite procurategli quotidianamente dalla coabitazione in maggioranza con Giuseppe Conte. Che, forte ora anche della consulenza retribuita di Beppe Grillo in comunicazione, non proprio il massimo estetico per un “garante” da statuto, ha appena trattato come un qualsiasi oppositore il presidente del Consiglio, chiamato -in particolare- a riferire in Parlamento sulle sue intenzioni e sulla sua linea prima di andare a Washington da Biden e a Kiev da Zelensky. E di spedire a quest’ultimo qualche cingolato e missile, e non solo giubbotti anti-proiettile e fucili per difendersi dagli aggressori russi e magari contrattaccarli. Intanto Grillo dal suo blog non più tanto personale, viste le spese ora coperte dal MoVimento, o da quel che ne rimane tra Montecitorio e Palazzo Madama, strizza un po’ l’occhio ai cinesi -la cui rappresentanza diplomatica a Roma conosce bene- perché non lascino solo il Cremlino. 

Bel campo largo, non c’è che dire. Ne dovrà consumare di unguento, almeno da qui alle elezioni, il povero Enrico Letta.

Pubblicato sul Dubbio

Ripreso da http://www.startmag.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: