Complimenti al Papa e a Fazio. Crepi pure la solita invidia…

Va bene che già Erodoto ammoniva che l’invidia è innata nell’uomo, per cui esortava praticamente i bravi, i fortunati eccetera eccetera a rassegnarvisi, ma bisogna pur cercare di praticare questo vizio con una certa decenza. Che mi sembra mancata a parecchi colleghi e simili che si sono occupati dell’intervista concessa da Papa Francesco nientemeno che a Fabio Fazio, e a Rai 3: circostanze entrambe che hanno colorito ancora più di rosso il Pontefice agli occhi di chi già lo trovava troppo di sinistra e non gliene lasciava passare una. 

Il trattamento più cortese, pur in un sottofondo critico, è stato riservato a Papa Francesco da Libero con quel titolo su Fazio che cerca di “arruolarlo” e viene “perdonato”. 

Titolo di Libero

Ma, caspita. A 83 anni suonati, dei quali più di sessanta trascorsi tra redazioni di giornali e dintorni, mi e vi chiedo, cari colleghi, veri o presunti che siate, perché vi costa tanto riconoscere ogni tanto che qualcuno è riuscito a fare di più e di meglio di noi, o di voi? 

Non sarò mai grato abbastanza a Fazio, come collega e come telespettatore, per avere strappato a Papa Francesco quella delizia umana dell’aspirazione, da bambino, a fare il macellaio vedendo quello della nonna imbottito, o quasi, di soldi nel suo quasi marsupio mentre tagliava la carne e serviva i clienti. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: