Piercamillo Davigo non perde il pelo negli attacchi agli avvocati

Titolo del Dubbio
Richiamo dell’articolo di Davigo sulla prima pagina del Fatto Quotidiano

Più leggevo sul Fatto Quotidiano -e dove, sennò?- Piercamillo Davigo sull’”orda inutile degli avvocati” italiani, come in redazione hanno titolato l’articolo del collaboratore ora privo delle ultime remore che potevano forse avvertire la dirigenza di quel giornale quando egli era ancora magistrato e in più anche consigliere superiore della Magistratura, più provavo a immaginare le reazioni, sempre a leggerlo, di due altri ex magistrati che hanno per un certo tempo condiviso con lui le prime pagine.

Si chiamano entrambi Antonio di nome. Uno è Di Pietro, Tonino per gli amici, legato a Davigo anche dalla comune partecipazione, negli anni della storica inchiesta “Mani pulite”, alla Procura di Milano guidata da Francesco Saverio Borrelli. L’altro è Ingroia, guadagnatosi nella Procura di Palermo la fama di un cacciatore spietato non solo dei mafiosi, come la buonanima di Giovanni Falcone, ma anche dei loro veri o presunti complici o persino referenti politici. Che Falcone fu invece accusato non da un passante ma dal già allora sindaco di Palermo Leoluca Orlando di avere in qualche coperto nelle sue indagini, tenendo fermi o nascosti nei suoi “cassetti” i sospetti, se non addirittura le prove sulle loro responsabilità.

I nomi, anzi i cognomi di Di Pietro e di Ingroia mi sono venuti, leggendo Davigo a proposito  -ripeto- dell’”orda inutile” degli avvocati suggerita dal suo articolo al titolista del giornale diretto da Marco Travaglio, perché entrambi scelsero a suo tempo di fare gli avvocati lasciando la magistratura: l’uno di sua spontanea volontà, dopo avere fatto anche un po’ di politica, l’altro per protesta contro la destinazione valdostana assegnatagli dal Consiglio Superiore della Magistratura nel 2013, dopo il successo mancato da magistrato in aspettativa nelle elezioni politiche, cui aveva partecipato da candidato addirittura a presidente del Consiglio. E dico “addirittura” per l’oggettiva improbabilità di raggiungere un simile obiettivo con una lista cui tutti i sondaggi attribuivano dimensioni, o livelli, da prefisso telefonico.

L’unico effetto al quale Ingroia finì per contribuire fu la sconfitta o nell’ammessa “non vittoria”, nella corsa a Palazzo Chigi, del candidato e segretario del Pd Pier Luigi Bersani. Al quale i grillini -ma anche l’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano- impedirono anche di tentare la formazione di un governo dichiaratamente “di minoranza e combattimento

Titolo del Fatto Quotidiano

Mi permetto di dubitare, salvo smentite di cui prenderei atto volentieri scusandomi con gli interessati, che Di Pietro e Ingroia si sentano partecipi di “un’orda di avvocati inutili”. O, per attenermi solo al testo del finale dell’articolo di Davigo, di fare il loro mestiere ritenendo che “il servizio della giustizia funzioni come ammortizzatore sociale”, cioè “come una sorte di reddito di cittadinanza” invidiabile rispetto a quello introdotto dai grillini, visto che gli avvocati meno fortunati riescono a guadagnare sui ventimila euro l’anno. Ma ne potrebbero guadagnare anche meno se dovessero aumentare di numero, superando il primato già conquistato essendovene in Italia 368 ogni centomila abitanti rispetto ai 147 della Francia.

In mancanza di uno sfoltimento volontario, da legge di mercato, o dell’introduzione di un numero chiuso all’Università o alla professione, di che altro dovrebbero vivere i nostri avvocati se non di troppi e di troppo lunghi processi? Questa è la domanda implicita del lungo e franco ragionamento di Davigo, tutto sommato coerente con l’idea già espressa dall’interessato quando era ancora magistrato, con uguale franchezza e altrettanto uguale sconcerto da parte di chi scrive, che gli imputati assolti e i loro avvocati difensori fossero riusciti soprattutto, se non soltanto, a “farla franca” con i loro espedienti.

Pubblicato sul Dubbio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: