La curiosa missione di Silvio Berlusconi a Bruxelles

            Molti giornali hanno enfaticamente definito “missione” quella che Silvio Berlusconi ha appena svolto a Bruxelles. Dove, assistito dall’amico e presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, l’ex presidente del Consiglio  ha potuto incontrare il presidente della commissione esecutiva dell’Unione ed altre personalità, soprattutto del Partito Popolare Europeo. Alle quali ha chiesto di dare credito al  centrodestra da lui ricostituito in Italia,  e in testa a tutte le altre coalizioni nei sondaggi sulle elezioni politiche del 4 marzo.

            Fidatevi di me, ha praticamente detto Berlusconi ai suoi interlocutori, spiegando che gli impedimenti di natura giudiziaria che ancora gli impediscono di candidarsi al Parlamento e alla guida del governo ne riducono solo formalmente la cosiddetta agibilità politica. Lui intende tenere le redini della sua coalizione dietro le quinte, fiducioso che prima o dopo sarà proprio la giustizia europea, accogliendo un ricorso già discusso, a restituirgli il maltolto politico riaprendogli le porte del Parlamento italiano. Dove con la nuova legge elettorale basteranno al momento opportuno le dimissioni di un suo amico eletto deputato o senatore nella quota maggioritaria, cioè in qualcuno dei collegi uninominali, per fare scattare le elezioni suppletive. Alle quali lui, finalmente libero dagli ultimi lacci, potrà partecipare senza avere neppure bisogno di fare campagna elettorale, visto il consenso di cui dispone fra la sua gente.

            Purtroppo Berlusconi era ancora a Bruxelles quando ai suoi interlocutori sono giunte per agenzie di stampa le proteste, dall’Italia, del suo alleato leghista Matteo Salvini. Che, dimentico peraltro dell’offerta del Ministero degli Esteri fatta con largo anticipo a Berlusconi da lui come aspirante presidente del Consiglio, ha avvertito lor signori dell’Unione che non c’è “garante” italiano di cui possano fidarsi in Europa. Dove pertanto si dovranno fare i conti con i notoriamente cattivi umori della Lega qualora il centrodestra dovesse vincere davvero le elezioni, cioè disporre della maggioranza assoluta dei seggi parlamentari e tornare al governo. A questo avvertimento Salvini ha aggiunto il giorno dopo la riserva di violare e far violare ad un governo che dovesse presiedere, o cui dovesse partecipare, qualsiasi vincolo finanziario dell’Unione che dovesse trovare lesivo degli interessi nazionali.

            Sembra che gli interlocutori di Berlusconi a Bruxelles dopo un primo disorientamento si siano tranquillizzati con un supplemento d’informazioni sull’Italia fornito molto privatamente dagli accompagnatori dell’ospite. Che, senza la pretesa peraltro di svelare un segreto di Stato o qualcosa di simile, trattandosi di notizie rilevabili dalla lettura dei giornali italiani, o dalle corrispondenze italiane dei giornali stranieri, avrebbero spiegato la improbabilità di un nuovo governo di centrodestra a Roma, da qualunque uomo o donna presieduto, a causa dei meccanismi di una legge elettorale studiata quasi apposta per non fare uscire dalle urne un vero vincitore.

            Sarà più probabile –avrebbero spiegato gli accompagnatori di Berlusconi, e forse anche lo stesso Berlusconi- un governo di più o meno larghe intese, che deve essere escluso a parole adesso  per esigenze di campagna elettorale, analogo a quello che si è proposta di rifare in Germania la cancelliera uscente. E di cui l’ex presidente del Consiglio ha detto non a caso ai suoi interlocutori di Bruxelles tutto il  bene possibile.

            Missione riuscita, hanno detto gli amici di Berlusconi ai connazionali in attesa di notizie da Bruxelles. Ma riuscita in che senso, non si riesce bene a capire.  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: