In ricordo di Carlo Tognoli, il riformista che non prometteva la luna

Titolo del Dubbio

Ho avvertito un brivido a trovarmi fra le mani il libro ancora fresco di stampa delle edizioni Baldini-Castoldi contenente articoli e interventi del compianto Carlo Tognoli, curato dalla Fondazione Bettino Craxi e con quella foto dell’ex sindaco di Milano in copertina, ripreso in Galleria, a pochi passi da quello che fu per dieci anni il suo ufficio a Palazzo Marino, fra i 1976 e il 1986, quando Bettino Craxi se lo volle portare a Roma per usarne le doti politiche e umane a livello nazionale.  

La copetina del libro su Tognoli

Nel vederne l’immagine mi è sembrato di reincontrarlo. D’altronde era facile incrociare Tognoli a piedi a Milano. Amava tanto la sua città -mi spiegò una volta- che gli piaceva godersela appunto a piedi, ammirandone le strade, le piazze, gli edifici e sentendone gli odori, per quanto distorti spesso dalle emissioni del traffico e altro di una metropoli.

A proposito dell’amore per la sua città, e a conferma di ciò che hanno raccontato nella prefazione del libro Ugo Finetti e Walter Marossi, l’ormai ex sindaco  e ministro in carica del Turismo e dello Spettacolo, dopo esserlo stato alle aeree urbane.  mi rimproverò amichevolmente di essermi fatto prendere la mano anche io alla direzione del Giorno facendo scrivere di una “Milano da bere”, che secondo lui si prestava a equivoci o letture “inappropriate”.

La Milano ch’egli ereditò come sindaco nel 1976, negli anni della “strategia della tensione” e di piombo, era stata per certi versi e per un certo tempo una città  da ”coprifuoco”, come spesso gli era sembrata, in particolare, la Galleria dopo le ore 22. Tognoli ebbe quella sfortuna, ma poi anche la fortuna di portarla fuori dall’incubo delle violenze e di restituirla alla vita, alla ripresa, alla fiducia, e persino all’allegria. Ma più che di una Milano “da bere”, sarebbe stato opportuno parlare e scrivere -mi disse- di una Milano “da amare”, appunto. La stessa cosa, o quasi, mi sentii dire dopo qualche tempo -pensate un po’- dal cardinale Carlo Maria Martini in un incontro all’Arcivescovado. Tognoli rise quando glielo riferii.

Ancor più di quella foto in Galleria, sulla copertina del libro rievocativo del pensiero e della storia del più giovane sindaco d’Italia quale fu per molto tempo Tognoli, mi ha commosso il titolo che gli è stato dato: “Senza promettere la luna”. Che fu lo stesso dell’ultimo articolo scritto per il Corriere della Sera proprio sul sindaco di Milano da Walter Tobagi, prima di essere ucciso sotto casa da giovanissimi aspiranti brigatisti rossi.

Walter Tobagi

Carlo Tognoli e Walter Tobagi: due amici, fra di loro e miei, il cui ricordo mi stringe la gola per la bontà, lealtà e capacità di analisi che li accomunava. Meglio Walter non poteva descrivere il modo di Tognoli di fare politica e di farsi votare e apprezzare, da buon riformista ostinato e graduale, senza promettere appunto la luna, dove pure l’uomo era riuscito ad approdare nel 1969 compiendo quel famoso “piccolo passo, grande per l’umanità”. Tognoli non prometteva mai più di quanto non fosse convinto davvero di poter fare. Ed era misurato quanto tenace anche nelle polemiche, senza fare sconti a nessuno. Ai comunisti, per esempio, con i quali aveva pur amministrato la sua Milano, non ha mai perdonato l’astio nutrito verso i socialisti, divenuto parossistico nei riguardi di Craxi. Che non li voleva nè distruggere nè discriminare, perseguendo più semplicemente e politicamente una politica di autonomia, contro la subalternità pretesa da quelle parti, e un riequilibrio dei rapporti di forza elettorale.

Tognoli con Anna e Bettino Craxi

La prova che mancasse al pur anticomunista Craxi la volontà di far fuori davvero il Pci la ebbero alle Botteghe Oscure nel 1991, quando la maggioranza pentapartitica guidata da Giulio Andreotti ebbe l’occasione di interrompere la legislatura e portare ad elezioni anticipate un partito di opposizione che, travolto dalla caduta del muro di Berlino, era alle prese con la sua trasformazione anagrafica, con tanto di nuovo nome e nuovo simbolo. A tendergli la mano fu lealmente proprio Craxi. Che l’anno dopo, ad elezioni svoltesi alla scadenza ordinaria, e col fuoco di Tangentopoli già acceso a Milano anche con la legna del Pds-ex Pci, gli consentì l’adesione politicamente salvifica all’Internazionale Socialista, pur avendo il Psi statutariamente il diritto di veto.

Della lunga e spietata ostilità del Pci nei riguardi del leader del socialismo italiano è rimasta celebre la denuncia fatta da Tognoli, con fulminante efficacia di stile turatiano, quando Craxi diventò presidente del Consiglio, nel 1983. Alla sostanziale esplosione di gelosia, invidia, paura e quant’altro esplosa in un Pci ancora in forza di numeri elettorali e parlamentari, il buon Tognoli reagì ricordando ai cugini, diciamo così, di sinistra che Craxi aveva tolto Palazzo Chigi non a loro, non essendovi i numeri per un’alternativa di sinistra, ma alla pur alleata Dc. Il cui segretario Ciriaco De Mita non ebbe infatti pace sino a quando non glielo tolse, quattro anni dopo.

Mai vista una cosa del genere, mi disse commentando la sfiducia praticata dalla Dc al monocolore Fanfani, pur di andare alle elezioni anticipate, uno sgomento Tognoli. Della cui morte non mi sono ancora rassegnato a più di sei mesi ormai da quando se l’è portato via il miserabile Covid, a 83 anni neppure compiuti, privandomi della sua amicizia, generosità e saggezza.

Pubblicato sul Dubbio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: