Il Quirinale contesta sponde e quant’altro col partito delle 5 stelle

Più che a Sergio Mattarella, deve avere creato problemi al Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, il buon Ugo Zampetti, lo  scoop attribuitosi dal Fatto Quotidiano di un decisivo ricorso  sul Colle a Luigi Di Maio, il vice presidente grillino del Consiglio, per sbloccare il governo dallo stallo creatosi con la Commissione Europea dopo la bocciatura dei conti italiani. Cui potrebbe seguire  una costosa procedura d’infrazione per debito eccessivo.

Sarebbe stato, in particolare, il gioco di “sponda” fra Mattarella e Di Maio, in un titolo di prima pagina del giornale di Marco Travaglio, a creare riservatamente le condizioni giovedì scorso perché due giorni dopo il presidente del Consiglio Giuseppe Conte potesse raggiungere a cena a Bruxelles il presidente della Commissione Europea Jean Claude Juncker e impostare il confronto sulla manovra fiscale italiana senza più impiccarsi ai maledetti decimali del deficit. O ai “numerini”, come poi li ha chiamati Di Maio, reduce appunto dall’incontro con Mattarella, per metterli in second’ordine rispetto agli  “interessi dei cittadini”, in una felice rima di superamento delle rigidità iniziali. Che escludevano ripensamenti e arretramenti, anche solo di “un millimetro”: parola, per esempio, di Matteo Salvini.

Ciò che deve avere infastidito di più Zampetti è di essere stato indicato dal Fatto Quotidiano, quasi a conferma dello scoop, come la persona che “tiene i contatti” del Colle “col Movimento 5 Stelle”: una specie -si potrebbe equivocare- di rapporto privilegiato. Che sarebbe naturalmente poco compatibile con le funzioni molto delicate e imparziali di un Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, peraltro scelto personalmente da Mattarella tre anni fa per la sua lunga ed apprezzata esperienza al vertice amministrativo e funzionale della Camera.

Già incorso spiacevolmente, e suo malgrado, in fastidiose polemiche durante la campagna elettorale, pochi giorni prima del voto del 4 marzo, quando egli accettò di ricevere  la lista dei ministri predisposta dal movimento grillino nella presunzione di vincere appieno le elezioni, e di poter quindi rivendicare per Luigi Di Maio l’incarico di presidente del Consiglio, Zampetti ha rischiato di apparire -con la rappresentazione ultima del Fatto Quotidiano- come il regista del gioco presunto di “sponda”  fra Mattarella e lo stesso Di Maio, o viceversa, sulla vertenza europea dei decimali del deficit, e dintorni.

Per dissipare malintesi, ma anche malevolenze, forse anche in considerazione delle tensioni che permangono nella maggioranza, e all’interno dello stesso movimento grillino, Mattarella ha voluto far conoscere l’elenco completo delle personalità di governo da lui incontrate nella scorsa settimana, mentre Conte preparava la cena di Bruxelles con Juncker. Egli ha voluto insomma il massimo della trasparenza attorno alla sua attività di  informazione e persuasione morale nei passaggi più difficili della politica e delle istituzioni.

Si è così appreso che il capo dello Stato ha voluto ascoltare e consigliare, oltre a Di Maio, anche l’altro vice presidente del Consiglio Salvini, il ministro dell’Economia Giovanni Tria, il ministro degli Esteri Enzo Moavero, e naturalmente Conte. Che è pur sempre -verrebbe voglia di ricordare- il presidente del Consiglio, pur tanto paziente e cortese di fronte alla rappresentazione, che ne fanno gli avversari più accaniti, di un dipendente dai suoi vice, o persino di un loro “sottosegretario”. Si è scritto anche questo, nel livello a cui è scaduta la polemica in politica. E non solo in politica, a dire il vero, specie se si naviga in internet e ci si lascia tentare dai dibattiti digitali sui più vari argomenti del giorno.

 

 

Pubblcato su Il Dubbio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: