Una mano non richiesta, forse immeritata, ma dovuta a Carlo De Benedetti

Di fronte al clamore del processo mediatico aperto col solito rito sommario contro Carlo De Benedetti vi confesso di avere pensato che fossero ammontati a 600 milioni di euro i guadagni da lui realizzati in Borsa nel 2015. Quando lui puntò sulle banche popolari che il governo di Matteo Renzi si apprestava a riformare con un decreto legge.

Ma, stropicciandomi gli occhi, mi sono reso conto che il guadagno fu di 600 mila euro, pari a poco più del dieci per cento dei 5 milioni investiti. Allora sono chiesto che razza di “soffiata” De Benedetti avesse ricevuto da Renzi, peraltro sulla porta dell’ascensore di Palazzo Chigi, dopo avere fatto colazione con lui, per investire e guadagnare così poco. Una soffiata, sempre secondo la versione dell’accusa mediatica, evidentemente molto poco convincente agli occhi di un imprenditore abituato a ordinare al suo agente di borsa l’acquisto di pacchetti di titoli da non meno di venti milioni di euro  l’uno, e per un ammontare complessivo –in una stagione- di 600 milioni.

Per giunta, quel pacchettino anomalo di cinque milioni di euro fu ordinato da De Benedetti con un supplemento di cautela, al costo di una specie di assicurazione indicativa di una certa incertezza sull’investimento. Eppure, sempre secondo l’accusa mediatica ricavata dalle carte di un’inchiesta giudiziaria finita nei cassetti della commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche, e da lì alle redazioni delle agenzie di stampa e dei giornali, la soffiata dell’allora presidente del Consiglio era stata preceduta da notizie raccolte personalmente poco prima dallo stesso De Benedetti in Banca d’Italia. A carico dei cui dirigenti nessun giornale ha sollevato dubbi, essendo abitudine generale dei benpensanti passare davanti alla sede dell’ex istituto di emissione, in via Nazionale, levandosi doverosamente il cappello, anche sotto la pioggia.

A completare il quadro delle informazioni e farmi puzzare ulteriormente di bruciato il processo mediatico contro l’ingegnere, come De Benedetti viene comunemente chiamato, al pari di come si faceva con Gianni Agnelli dandogli dell’avvocato, è intervenuta la notizia –certificata dall’insospettabile Fatto Quotidiano di Marco Travaglio- della richiesta di archiviazione dell’indagine della Procura di Roma su quei maledetti 600 mila euro risalente a giugno del 2016:  più di un anno e mezzo fa.

Mi sono chiesto e mi chiedo tuttora perché mai il giudice investito di quella richiesta si sia preso tanto tempo per decidere, finendo per doverlo fare forse nel momento peggiore, quando il processo mediatico è andato già a sentenza, naturalmente di condanna, e qualsiasi ordinanza di quel magistrato si presterà a cattive letture.

Se sarà per l’archiviazione, la decisione del giudice sembrerà a molti una grazia a De Benedetti, anche se l’indagato – a dire il vero- non è lui ma solo il suo agente di Borsa. E questo per un gioco complesso di modelli 22 e 45 dei registri della Procura di Roma che Travaglio, da par suo, ha cercato di spiegare ai lettori senza riuscire a convincere quel testone che sono io.

Se sarà rinvio a giudizio o richieste di indagini suppletive, o imputazione “coatta” di De Benedetti e del suo amico Renzi, come vorrebbero forse Travaglio, nessuno toglierà dalla testa di un bel po’ di testoni come me che il magistrato è caduto, magari inconsapevolmente, nella trappola del clima giustizialista ed elettorale in cui viviamo.

Che un giornale come Il Fatto Quotidiano abbia deriso gli argomenti a difesa di De Benedetti, continuando a sparare a pallettoni di carta contro l’ingegnere e Renzi, non mi ha stupito. Che una volta tanto quello stesso giornale non si sia riconosciuto nella posizione di un pubblico ministero, insolitamente convintosi della necessità di archiviare l’inchiesta, neppure mi ha sorpreso.

Mi ha invece stupito, da ingenuo che sono, la decisione del giornale di cui De Benedetti è stato “editore a lungo”, come ha ricordato un editoriale di qualche giorno fa, di comportarsi come Ponzio Pilato di fronte agli argomenti della difesa. E di unirsi di fatto al processo mediatico contro il padre dell’editore attuale pur di liberarsi dal sospetto –ma forse sarebbe bene dire dal complesso- di uno scomodo “conflitto d’interessi”, come ha scritto l’estensore anonimo dell’editoriale di pratico commiato di Repubblica dall’ingegnere.

Vedete, la tolleranza a lungo avuta da De Benedetti verso i processi mediatici contro i suoi concorrenti o avversari, se non vogliamo parlare addirittura di una sua attiva partecipazione, potrebbe indurmi a dire, di fronte a ciò che gli sta accadendo, che se l’è cercata. Ma non lo dico per il rispetto che ho ancora di questa benedetta professione che si chiama giornalismo, e per la coerenza che comporta il garantismo. Che vale sempre, non a giorni, a circostanze, a persone alterne. Un garantismo che mi spinge anche ad augurare a De Benedetti un esito favorevole del processo d’appello in programma il 7 febbraio a Torino contro di lui per omicidio plurimo colposo, che gli è costato in primo grado una condanna a cinque anni di reclusione, in relazione alle morti per amianto avvenute nel vecchio stabilimento della sua allora Olivetti.

 

 

 

            Pubblicato su Il Dubbio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: