Lo strano ’68 di Bersani a Bettola usato contro Renzi

Aldo Grasso, l’ormai storico esperto televisivo del Corriere della Sera, che ha peraltro vissuto la stagione della contestazione giovanile del Sessantotto dalla postazione vantaggiosa e consapevole di un ventenne, non ha mandato giù il ricordo che ha mostrato di averne il buon Pier Luigi Bersani evocandolo contro il solito Matteo Renzi. Cioè, mostrando stupore perché non se ne sia già scoppiata un’altra edizione di fronte ai guasti che starebbe procurando alle nuove generazioni il segretario del Pd e -ahimè- di nuovo aspirante a Palazzo Chigi, anche se l’interessato cerca di mostrare indifferenza all’argomento quando ne parla come di un problema non attuale.

Nel suo “Padiglione Italia” di domenica Aldo Grasso si è chiesto, un po’ alla Maurizio Crozza, che razza di Sessantotto avesse vissuto nella sua Bettola l’allora diciassettenne Bersani, visto che ora riassume le contestazioni di allora nelle “3 emme” del mestiere, della moglie e della macchina. Il critico del Corriere ricorda invece altre lettere e slogan di quella ormai lontana stagione, come “Fate l’amore, non la guerra”, o “l’immaginazione al potere”, o “lotta dura senza paura”, o ancora “Tutto e subito”. E’ possibile -si è chiesto Grasso- che i liceali emiliani contestassero solo il mestiere così tenacemente perseguito e conquistato dai genitori, la macchina, evidentemente sgradita ai “ciclisti leninisti”, e la moglie per via del fastidioso ostacolo alla pratica dell’amore libero?

Sono seguite nella crozzata, diciamo così, di Aldo Grasso parole ironiche sul “bestiario fantastico” di Bersani, preso fa passerotti, tacchini sul tetto, giaguari da smacchiare e mucche nei corridoi del Pd. Mucche che, peraltro, hanno il vantaggio di contenere la emme: una lettera magicamente tradotta in una “parola palindroma” leggibile allo stesso modo, anche politicamente, tanto da destra quanto da sinistra, o viceversa.

Non meno curioso del rimpianto, in funzione antirenziana, del ’68 non importa di quale impronta, se francese, italiana o, ancor più in particolare, di Bettola con le tre emme contestategli ironicamente sul Corriere della Sera, è stato un recente affondo di Bersani, sempre in funzione antirenziana, che me lo ha fatto assomigliare al Ciriaco De Mita degli anni ’80.

L’ex segretario del Pd ha esortato Renzi e amici o sostenitori a non godere della crisi di consensi che ha subìto nelle ultime elezioni amministrative il movimento di Beppe Grillo.

Ostinato a vedere nel partito del comico genovese, come all’inizio di questa diciassettesima legislatura, quando ne inseguì l’aiuto ad un suo governo “di minoranza e combattimento”, una specie di costola della sinistra, per ripetere un’espressione usata nel 1995 da Massimo D’Alema nei riguardi dei leghisti appena usciti dalla prima alleanza elettorale e politica con Silvio Berlusconi, il buon Bersani ha detto -nella stessa intervista alla Stampa sul ’68- che una crisi grillina farebbe soltanto aumentare la “sfiducia” nel sistema politico. Sarebbe quindi meglio che il movimento a 5 stelle rimanesse solido e forte, non abbastanza magari da poter governare da solo, ma costretto dai numeri e dal buon senso, prima o poi, a cercare o accettare accordi e alleanze a sinistra, piuttosto che in direzione dei leghisti, a destra. Il problema insomma sarebbe di far capire finalmente ai grillini ciò che per conto di Bersani ha detto qualche giorno fa il senatore Miguel Gotor spiegando come e cosa dovrebbero sentirsi oggi i benpensanti di sinistra: “competitivi con Grillo, sfidanti rispetto a Renzi”.

Con o senza la variante o la spiegazione di Gotor, le preoccupazioni di Bersani per il pericolo che i grillini perdano voti e consenso mi ha richiamato alla mentre il De Mita degli anni Ottanta perché l’allora segretario della Dc esprimeva lo stesso tipo di timore per i voti che perdeva o poteva perdere il Pci, reduce peraltro dalla pesante sconfitta referendaria sui tagli alla scala mobile dei salari apportati dal governo presieduto da Craxi. E di cui pure la Dc faceva parte occupando da sola metà dei posti ministeriali.

De Mita scommetteva sulla tenuta del Pci in funzione anticraxiana così come oggi Bersani scommette sulla tenuta di Grillo in funzione antirenziana.

 

 

Pubblicato su Il Dubbio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: