Quella data magica che Mario Draghi onestamente non ha…

Capisco che le guerre di carta, come tutte le guerre commerciali, debbano contemplare posizionamenti e riposizionamenti, secondo le circostanze, fortunate o sfortunate che siano. Ma proprio perché sono di carta, e la carta resta, con le cose ben scritte -si spera- e stampate, occorrerebbe stare attenti a non contraddirsi troppo fra le varie posizioni che si assumono, e all’interno persino di ciascuna di esse.

            Al netto della soddisfazione che avrà procurato a Giuseppe Conte  -insofferente del “troppo zelo” col quale i giornali del gruppo guidato dal giovane erede e nipote dell’avvocato Gianni Agnelli seguirebbero benevolmente l’azione, la linea e quant’altro del suo successore a Palazzo Chigi- la prima pagina del concorrente Corriere della Sera di ieri lascia un po’ la bocca amara, fra una vignetta simil-militare di Emilio Giannelli e un editoriale di Walter Veltroni sulla “via d’uscita” ancora mancante alla pandemia e alle sue implicazioni, o complicazioni.

            Cominciamo dalla vignetta, nella quale ho avvertito -magari a torto, per carità- una certa eco della bizzarra convinzione recentemente espressa dalla scrittrice Michela Murgia che un generale debba evitare di andare in giro in divisa, fuori dalla caserma, da una nave e quant’altro, per evitare di sembrare e persino diventare un aspirante dittatore, o qualcosa del genere.

In particolare, accanto ad un compiacente presidente del Consiglio in abito rigorosamente civile perché non ha divise in armadio da potere indossare, sfilano nell’immaginazione del vignettista  davanti al generale e commissario straordinario della lotta alla pandemia Francesco Figliuolo, con tanto di passo dell’oca, i presidenti delle regioni che ci siamo ormai abituati a chiamare impropriamente governatori. Ma si sono in realtà rivelati un po’ indisciplinati e pasticcioni nell’esercizio delle competenze sanitarie improvvidamente affidate loro dalla Costituzione. E ciò soprattutto nell’unica parte di essa -il famoso titolo quinto- che si sia riusciti a riformare negli ultimi vent’anni, evidentemente peggiorandola.

            Passiamo ora all’articolo, sempre di piacevole lettura, per carità, del mio amico Walter Veltroni. Che, pur con tutte le cautele alle quali è abituato, con quella specie  di “manchismo” ironicamente attribuitogli quando da segretario del Pd apriva sempre a qualcosa “ma anche” a qualche altra, ha praticamente consigliato a Draghi di decidersi a fare come di solito si farebbe nelle società anglosassoni anche per questo immunizzatesi da rischi, tentazioni e quant’altro di dittature. E come, modestamente, fece anche lui, Veltroni,  ricorrendo a date certe sia come ministro dei Beni Culturali per riaprire  la Galleria Borghese e sia come sindaco di Roma per completare l’Autiditorium e la Galleria Giovanni XXIII, che collega il Foro Italico alla via Trionfale e alla Pineta Sacchetti, coprendo l’area dell’affollatissimo Policlinico Gemelli.  

            Ci vogliono insomma anche per i danneggiati dalla pandemia, che ormai invadono le piazze e possono perdere la testa, e magari farla perdere  pure alle forze dell’ordine che cercano di trattenerli, delle scadenze precise per l’uscita dai blocchi: scadenze certe che possano creare intanto fiducia, speranza. Il gioco al lotto, o simili, si sa, è sempre una tentazione fortissima, specie per chi se la passa male.

            Una data certa che Vetroni ha apprezzato e indicato come esempio è quella vicinissima del 12 aprile scelta o assegnatasi dal premier inglese Boris Johnson per riaprire bar e ristoranti oltre Manica. Un’altra data certa è quella del 4 luglio indicata o scelta dal presidente americano Joe Biden, con spirito anche patriottico coincidendo con la giornata dell’Indipendenza, per restituire gli Stati Uniti alla normalità, o a qualcosa che almeno le assomigli.

            Ad un certo punto, per salvare capra e cavoli, in una variante del “manchismo”, Veltroni ha riconosciuto a Draghi di avere assunto nella conferenza stampa appena conclusa “un impegno responsabile”, ma dopo avergliene contestata la indeterminatezza rivendicando il diritto di noi tutti, sofferenti e impazienti, di “sapere la verità, quale che che sia; una data quale che sia, in cui la vita ricomincerà; un giorno, quale che sia, al quale guardare e per il quale finalizzare sforzi e sacrifici”. E ancora, insistendo sul doppio binario del fatto e non fatto, o del detto e non detto, sempre a proposito di Draghi, “programmare -ha scritto Veltroni- è necessario in una famiglia, in un’impresa, in un Paese. Se accade in Usa o nel Regno Unito perché noi non potremmo farlo?”, in divisa o senza divisa, a passo normale o dell’oca, in piedi o seduti,  si e ci ha risparmiato Walter  di aggiungere nel suo editoriale, scritto in questa nuova vita che si è data  dopo quella “precedente” di politico, come lui stesso ha scritto dopo averne ricordato i passaggi felici -ripeto- della Galleria Borghese, dell’Auditorium e della Galleria Giovanni XXIII, tutti rigorosamente a Roma.

Pubblicato sul Dubbio

Ripreso da http://www.startmag.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: