I paradossi interscambiabili di Alfonso Bonafede e Nino Di Matteo

            Tranquilli, signore e signori del fronte giustizialista come di quello garantista, entrambi attraversati dal brivido dell’imprevista lite a distanza fra il guardasigilli grillino Alfonso Bonafede e quello GILETTI.jpegmancato, sempre sotto le cinque stelle, Nino Di Matteo.  E’ lo scontro, naturalmente, consumatosi domenica sera, a giornali ormai chiusi, in quella che Massimo Giletti non vuole chiamare “arena” televisiva, ma che spesso cerca e riesce a realizzare per tirare su gli ascolti e fare contento l’editore Urbano Cairo. Che il conduttore nomina ogni volta che è costretto a interrompere grida e insulti degli ospiti per far passare i lucrosi messaggi pubblicitari.

            Né Bonafede né Di Matteo, in ordine rigorosamente alfabetico, rimetteranno i loro posti, rispettivamente, di ministro della Giustizia e di consigliere superiore della magistratura: l’uno accusato dall’altro di avergli offerto quasi due anni fa la direzione di tutte le carceri italiane e di averci ripensato, ripiegando sulla proposta di fare il direttore degli affari penali del dicastero di via Arenula, dopo le reazioni troppo forti  dei chissà come informati e comunque intercettati boss mafiosi in regime di detenzione durissima.

            Bonafede, sorpreso ancora dal rifiuto di Di Matteo di essere con lui quel collaboratore diretto e influente che Giovanni Falcone fu col guardasigilli socialista Claudio Martelli, rimarrà al suo Bonafede.jpegposto, per quanto spiazzato dalla delusione non ancora passata al magistrato più minacciato e protetto d’Italia. La sua difesa è per il presidente del Consiglio un’emergenza in qualche modo paragonabile, per intensità e pericolosità, a quella del coronavirus. Figuratevi se Giuseppe Conte potrà farsi influenzare dalle opposizioni o dalla solita dissidenza renziana nella maggioranza per mettere in discussione il capo addirittura della delegazione del maggiore partito della coalizione al governo. In soccorso del quale, peraltro, sono intervenuti più o meno rapidamente il capo reggente del movimento grillino Vito Crimi, il suo predecessore e ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il Pd per bocca del vice segretario, e predecessore dello stesso Bonafede al Ministero della Giustizia, Andrea Orlando. Che pure non aveva molto apprezzato, prima dell’emergenza virale, la tentennante e contraddittoria gestione della riforma del processo penale da parte del guardasigilli, una volta scattata il 1° gennaio la ormai miniprescrizione valida sino alla prima sentenza di giudizio.

            Di Matteo, dal canto suo, figuratevi se si lascerà tentare dall’idea delle scuse, o addirittura delle dimissioni dal Consiglio Superiore della Magistratura, con tutte le maiuscole Spataro.jpegdovute,  dopo  le critiche ricevute dai tre consiglieri “laici” delle 5 Stelle e La Stampa.jpegl’imbarazzo procurato anche ad un collega, per quanto ormai in pensione, del nome, dell’esperienza e del prestigio di Armando Spataro. Che di fronte alle uscite nuove e vecchie di Di Matteo “è rimasto senza parole” in una intervista alla Stampa. Che tuttavia il giorno dopo in “retroscena” molto simile a un’intervista ha messo a suo agio un Di Matteo “per niente pentito”. Contemporaneamente Repubblica ne ha a suo modo Repubblica.jpegcondiviso il malumore verso Bonafede titolando in prima pagina sulla “lista segreta” dei 376 fra mafiosi e narcotrafficanti trasferiti negli ultimi 50 giorni dal carcere a casa per ragioni di salute e rischio virale.

            Imbarazzato dalle polemiche, l’amico comune dei due protagonisti e direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio se l’è cavata applicando ad entrambi il nome di uno di loro astutamente Travaglio su buona fede .jpegseparato: Buona fede. E liquidandoTravaglio .jpeg invece il giorno dopo come “malafede” la difesa di Di Matteo da parte dei forzisti dei “mafiosi”- ha scritto-  Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri.

 

 

 

Ripreso da http://www.startmag.it http://www.policymakermag.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: