Il falso scandalo della “democristiana” Emma Bonino

            Si fa presto a liquidare satiricamente il “matrimonio” elettorale fra le liste di Emma Bonino e di Bruno Tabacci  con vignette del tipo di quella di Vauro sul Fatto Quotidiano, che ha improvvisato l’apertura di una rivendita di Sali e Tabacci all’insegna anche del copricapo che l’esponente radicale indossa abitualmente, da quando la chemioterapia le ha fatto fare i conti col tumore. E già questo dovrebbe bastare e avanzare per attendersi qualcosa di diverso anche in una vignetta.

            Si fa presto pure a buttarla nell’ortodossia della militanza, ammonendo a non confondere Emma Bonino, Benedetto Della Vedova e Riccardo Magi per il partito radicale registrato all’anagrafe politica, come ha fatto sul Dubbio il mio amico Walter Vecellio. Il quale si è doluto alla fine  che la protagonista di tante battaglie radicali abbia scelto di “sopravvivere” praticamente democristiana con Tabacci. Ma, viste le già ricordate condizioni di salute dell’interessata, non sarebbe stato forse male se Walter si fosse fermato sulla soglia di quella infelice ironia.

            Se vi è una cosa –credo- incompatibile con la tradizione radicale lasciataci da Marco Pannella, questa è l’ortodossia. Dalla quale lo stesso Pannella si vantò una volta con me di “fottersene allegramente”, quando provai a contestargli amichevolmente l’alleanza stretta con un democristiano di tradizioni orgogliosamente conservatrici, allora, come Mario Segni. E ciò pur di fare uscire la Repubblica dal sistema elettorale proporzionale nel quale, e in funzione del quale, era stata concepita la Costituzione nel 1947, per portarla in quella che si è rivelata l’avventura del sistema maggioritario. Per giunta, tutto questo è stato fatto  usando la modifica sostanzialmente referendaria della vecchia legge elettorale, con la benedizione di una Corte Costituzionale che già Pannella a giorni alterni liquidava allora come una Cupola.

              Dobbiamo all’avventura –ripeto- del sistema maggioritario, neppure genuino peraltro, perché mescolato con quote di proporzionale, l’illusione data agli italiani per una ventina d’anni di andare alle urne per eleggere contemporaneamente il Parlamento e il governo, nella persona del candidato ufficiale a presidente del Consiglio, rimasto però appeso alla nomina da parte del presidente della Repubblica, come imposto dalla Costituzione.

            L’effetto di questa illusione, contraddetta da un bel po’ di governi succedutisi nel ventennio abbondante della cosiddetta seconda Repubblica  sotto la guida, in ordine rigorosamente cronologico, di Lamberto Dini, Massimo D’Alema, Giuliano Amato, Mario Monti, Enrico Letta, Matteo Renzi e Paolo Gentiloni, nessuno dei quali proposto agli elettori in quella veste,  è stata la personalizzazione della politica. Che è riuscita a fare il miracolo della rivalutazione dei vecchi partiti, nel frattempo morti e sepolti, ma riesumati di tanto in tanto in qualche vignetta per mettere alla berlina l’avversario o l’antipatico di turno, al maschile o al femminile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: