Cronaca semiseria di una giornata di chiusure nell’Italia del Coronavirus

            Il buon umore per fortuna non manca mai dalle nostre parti, anche nei momenti peggiori. C’è sempre un vignettista, un giornale, un attore, un imitatore, un protagonista in carne e ossa, per nulla travestito, che riesce a strapparci un sorriso.

             In questo giorno di chiusure generalizzate -dall’Italia nel suo complesso su tutta la prima paginaGiornale.jpeg del Giornale, che se l’è presa con chi sta al governo, a quella analoga di Repubblica, dalla porta Repubblica.jpegdello stadio vuoto nella quale Emilio Giannelli sul Corriere della Sera ha ripreso il presidente del Consiglio battuto al rigore con la palla del coronavirus allaLa Syampa.jpeg domanda della Stampa se Conte manovri le chiavi con più azzardo o coraggio- quell’inguaribile spiritoso o barzellettiere che riesce a rimanere Silvio Berlusconi ha voluto chiudere anche lui qualcosa.

            E’ toccato alla relazione più che decennale con la giovane Francesca Pascale  che il Cavaliere di Giornalesu Berlusconi.jpegArcore, presidente di Forza Italia, europarlamentare, pluriottantenne all’anagrafe contraffatta, sentendosi in realtà almeno vent’anni Messaggero.jpegdavvero addosso, non di più, ha deciso di chiudere con un comunicato ufficiale del suo partito proprio nel giorno in cui Conte decideva di chiudere altro: scuole, teatri, musei, cinematografi, non ancora però il governo, forse perché il presidente della Repubblica è intervenuto in tempo per impedirglielo.

               La ormai ex fidanzata di Berlusconi c’è rimasta comprensibilmente male, dichiarandosi “stupita”, con Pascale.jpegla t, e togliendosi solo la soddisfazione di scherzare con un po’ di perfidia sulla deputata azzurra che ne avrebbe preso il posto nel cuore e non so cos’altro del Cavaliere cominciando col portare a spasso il cagnolino di casa.

            Ditemi voi se questo non è poi un Paese davvero sorprendente, meraviglioso, imprevedibile, dove il Coronavirus è sbarcato come il marziano dell’omonima commedia di Ennio Flaiano, che dopo avere tanto stupito, più ancora di quanto non si sia appena dichiarata per altri motivi l’ex fidanzata di Berlusconi, dovette rassegnarsi all’assuefazione e all’indifferenza generale. Speriamo che nel frattempo Conte o altri per lui si ricordino di riaprire quello che nel frattempo hanno chiuso: l’inverso di quanto  accadde una volta alla buonanima di Giancarlo Pajetta. Che uscendo dall’aula di Montecitorio, dove parlava da tempo e da solo uno sfigato deputato della maggioranza, gli raccomandò di spegnere, alla fine, le luci.   

 

 

 

Ripreso da http://www.policymakermag.it 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: