Esagerato il paragone di Conte ad Andreotti, Di Maio a Moro e Zingaretti a Berlinguer

E’ un po’ sfuggito di mano in questa crisi anche l’esercizio, o gioco, delle analogie in cui ci siamo cimentati pure noi del Dubbio discutendo, per esempio, sulla somiglianza di Giuseppe Conte più al compianto Giulio Andreotti o al felicemente vivente Mario Monti, o altri ancora. Abbiamo persino cercato di fare sciogliere il nodo, come ha fatto simpaticamente l’amico Paolo Armaroli allo stesso presidente uscente del Consiglio, che ha preferito tenersene lontano  forse per non compromettere la già difficile partita di Palazzo Chigi che si gioca anche su di lui, almeno sino al momento in cui scrivo.

Michele Brambilla sul Quotidiano Nazionale ha dato, non certo per offenderlo, del Rieccolo di montanelliana memoria a Matteo Renzi per avere saputo tornare sulla scena a sorpresa dal retroscena del progetto attribuitogli, a torto o a ragione, di una scissione del Pd con i suoi quasi comitati civici di ricordo democristiano. Il Rieccolo di Montanelli era Amintore Fanfani, toscano come Renzi, che già si compiacque di essergli paragonato nel 2004, quando da segretario del partito e presidente del Consiglio insieme portò il suo partito al 40 per cento abbondante dei voti nelle elezioni europee. Che, in verità, non c’erano ancora ai tempi d’oro di Fanfani, riuscito a portare a casa quel bottino nel 1958 in un turno  concretissimo di elezioni politiche che i suoi avversari interni non gli perdonarono, detronizzandolo nel giro di meno di un anno da segretario del partito scudocrociato, presidente del Consiglio e ministro degli Esteri.

Renzi si risparmiò la Farnesina nel cumulo d’incarichi del 2014, ma poi pagò ugualmente pegno riducendosi dopo soli quattro anni al ruolo di semplice “senatore di Scandicci”. Che però in questa crisi, eliminate d’incanto tutte le scorte di pop-corn fatte l’anno scorso sventando la medesima operazione, ha voluto e saputo porre sul tavolo per primo,  obbligando il segretario del partito Nicola Zingaretti a seguirlo, o inseguirlo, il problema dell’accordo di governo con i grillini in funzione antisalviniana.

In verità, Fanfani in vita sua -ve lo assicuro- non  aspirò mai alla dieta dei pop-corn, neppure nei momenti più difficili o sofferti della sua lunga milizia politica. E debbo anche dire, con franchezza, che non tornò mai sulla scena rovesciando le proprie posizioni politiche, come ha fatto Renzi passando repentinamente dalla chiusura a più mandate ai grillini all’apertura incondizionata, sino a sospettare congiure, trame e quant’altro dietro ogni difficoltà lungo la strada dell’intesa col Movimento delle 5 Stelle.

L’unica virata che io ricordo di Fanfani fu quella della fine degli anni Sessanta, quando l’allora presidente del Senato contestò la “irreversibilità” morotea del centrosinistra che pure proprio lui aveva perseguito prima ancora di Moro, e quasi gestito come in una gravidanza a Palazzo Chigi con la formula delle cosiddette convergenze parallele con i socialisti. I quali prima si astennero e poi appoggiarono, rispettivamente, un suo monocolore democristiano e un tripartito Dc-Pri-Psdi. Seguì nell’autunno del 1963 il primo governo a partecipazione diretta dei socialisti guidato da Moro.

Curiosamente, a dir poco, in questi giorni di ricerca dì un’intesa fra grillini e piddini al Foglio di Giuliano Ferrara e di Claudio Cerasa hanno pensato di riproporre, non credo a caso ma come una specie di modello cui ispirarsi, il testo integrale del discorso col quale Fanfani presentò nell’agosto del 1960 il monocolore democristiano formato dopo l’avventura del governo scudocrociato di Fernando Tambroni, appoggiato in modo determinante dai missini e sfociato in sanguinosi disordini di piazza.

Vista la proiezione di quel monocolore di Fanfani verso l’obiettivo del centrosinistra, nella gradualità imposta dalle scadenze elettorali e dai passaggi congressuali della Dc gestiti con l’accortezza che era propria di Moro, allora segretario del partito, stento molto a vedere una qualsiasi analogia con i fatti e con la situazione attuali.

Data per scontata la collocazione a sinistra del Partito Democratico guidato da Zingaretti, in discontinuità -si disse anche allora- col moderatismo o addirittura col destrismo attribuito a Renzi prima della sua svolta a favore dei grillini, dovremmo vedere analogie fra i piddini e i socialisti degli anni Sessanta. Ma la sola idea di paragonare, conseguentemente, i pentastellati ai democristiani mi procura, francamente, le vertigini.

E’ vero che sul piano elettorale e parlamentare i grillini l’anno scorso, col loro 33 per cento dei voti, conquistarono la preminenza o la “centralità” che fu della Dc, ma è anche vero che essi l’hanno già perduta nelle elezioni del 26 maggio scorso per il rinnovo del Parlamento Europeo. E poi, via, cerchiamo di non esagerare col gioco, dicevo, delle analogie. E lasciamo riposare in pace i protagonisti della storia di una Dc che peraltro viene recuperata un po’ in ritardo dall’Inferno in cui avevano voluto cacciarla gli aspiranti alla seconda e poi terza Repubblica.

Hanno un bel richiamarsi, per esempio, i sostenitori di un governo Conte 2 con i grillini al monocolore democristiano del 1976 sostenuto dai comunisti per chiedere al Pd di Zingaretti di fare col presidente uscente del Consiglio ciò che il Pci di Enrico Berlinguer fece col pur “destro” Giulio Andreotti. Davvero vogliamo paragonare l’imparagonabile, politico e umano?

 

 

 

Pubblicato su Il Dubbio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: