Finalmente catturato in Bolivia il criminale Cesare Battisti

            Questa volta non dovrebbe essere contestato neppure dai suoi avversari o critici il grido elettronico della “pacchia finita” gridato dal ministro dell’Interno Matteo Salvini all’annuncio della cattura, in Bolivia, di Cesare Battisti: un criminale odiosamente omonimo del grande irredentista italiano impiccato dagli austriaci a Trento il 12 luglio 1916, cui sono giustamente intestate tante strade, piazze e scuole d’Italia. Una delle cose più orribili che il delinquente appena catturato in sud America ci ha costretti per tanti anni a fare è proprio scriverne il suo nome, che addirittura sovrasta nelle ricerche via internet quello dell’eroe e martire dell’unità italiana.

          Troppo a lungo sfuggito alla giustizia e chiamato finalmente a espiare i due ergastoli guadagnatisi con quattro omicidi commessi in nome di un terrorismo che è riuscito in qualche modo persino a tradire, almeno di fronte a quanti su quel tragico versante hanno saputo assumersi le loro responsabilità, questo Battisti indegno del suo nome è stato per fortuna catturato col concorso italiano, di cui giustamente Salvini si è vantato, sul terreno della sua latitanza.

          Per il ministro dell’Interno, e leader leghista,  è una notizia -perché nasconderlo?- utile anche ai fini della sua posizione politica, alquanto scossa negli ultimi tempi dai tanti rospi che ha dovuto ingioiare nella collaborazione di governo con i grillini, sempre più insofferenti  nei suoi riguardi non tanto per i metodi di lavoro e d’azione, che non brillano neppure da parte degli esponenti del  movimento 5 stelle, quanto per i crescenti costi elettorali della loro alleanza col Carroccio, improvvisata dopo le elezioni del 4 marzo dell’anno scorso.

          Sono freschi di stampa i risultati dell’ultimo sondaggio di Antonio Noto, che danno la Lega al 34 per cento dei voti, dal 19 delle elezioni politiche del 2018, e i grillini al 23, dal 32  abbondante raccolto nelle urne dell’anno passato.  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: