Mattarella ha fretta ma i presidenti delle Camere no

Altro che un altolà, l’ennesimo, alle elezioni anticipate, come i contrari a questa prospettiva hanno voluto interpretare con disarmante ingenuità, o eccessiva e disdicevole malizia, il pranzo improvvisato al Quirinale dal capo dello Stato con i presidenti delle Camere, Pietro Grasso e Laura Boldrini. Cui Sergio Mattarella ha deciso di sollecitare a quattr’occhi, senza perdere tempo con un messaggio al Parlamento, che tuttavia non è da escludere, l’approvazione della riforma o riformina elettorale da lui giustamente ritenuta indispensabile dopo i tagli apportati dalla Corte Costituzionale alle leggi che disciplinano il rinnovo del Senato e della Camera. Leggi che, pur essendo immediatamente applicabili, secondo una specie di certificazione rilasciata dalla stessa Corte decidendone le amputazioni, produrrebbero risultati elettorali da far mettere le mani nei capelli, almeno a chi li ha. E Mattarella ne ha.

Già questo la dice lunga sui criteri ben poco logici con i quali si è presa l’abitudine di lavorare nel Palazzo della Consulta, peraltro dirimpettaio del Quirinale. Ma questo è un altro discorso, peraltro inutile perché per porvi rimedio bisognerebbe rimettere mano alla Costituzione e disciplinare diversamente competenze e funzionamento della Corte. Figuratevi se è immaginabile qualcosa del genere dopo la miseranda fine riservata a stragrande maggioranza dagli elettori, nel referendum del 4 dicembre, scorso alla riforma targata Renzi, peraltro dopo la bocciatura di un’altra riforma costituzionale: quella del 2005 varata dalla maggioranza di centrodestra guidata da Silvio Berlusconi.

##########

Se Mattarella ha sentito il bisogno e l’urgenza di convocare i presidenti delle Camere per sollecitare un intervento legislativo sulle regole elettorali, pur scadendo tra febbraio e marzo dell’anno prossimo la legislatura cominciata nel 2013, vuol dire ch’egli sente dalla postazione del Quirinale puzza di bruciato. Egli avverte cioè il rischio, di fronte ai tanti problemi che si accavallano e alle tensioni politiche che aumentano, di trovarsi ben prima della scadenza ordinaria della legislatura alle prese con una crisi governativa di tale gravità da non lasciargli altra via d’uscita che le elezioni anticipate, appunto. Con la conseguente certezza di trovarsi dopo il voto in una situazione ancora peggiore, determinata dall’impossibilità di conciliare la maggioranza di una Camera con quella dell’altra. Sarebbe un manicomio, cui tornando ancora a votare ne seguirebbe un altro. E via di seguito sino al fallimento della democrazia, cui sopravviverebbero, ma neppure a lungo, solo i giudici costituzionali. Che scadrebbero pure loro, uno dopo l’altro, al compimento del nono anno del proprio mandato.

Il guaio del povero Mattarella, a meno che a tempo debito non si spazientisca a tal punto da autorizzare il governo del conte Gentiloni a intervenire clamorosamente sulla materia elettorale con un decreto legge, immediatamente applicabie, è che i presidenti delle Camere da lui invitati a pranzo non sono gli interlocutori ideali per la fretta che egli ha di rimediare ai pasticci combinati dalla Corte nella illusione che vi potesse provvedere un Parlamento solerte e, direi, assennato.

Gli interlocutori di Mattarella in un processo normale sarebbero giudici ricusabili perché sul problema delle elezioni anticipate si sono entrambi già pronunciati, e nello stesso modo. Spalleggiati anche dal presidente emerito della Repubblica e senatore a vita Giorgio Napolitano, tanto Grasso quanto la Boldrini si sono dichiarati non contrari ma contrarissimi allo scioglimento anticipato delle Camere, ritenendo che esse abbiano ancora tante cose da fare che sarebbe una specie di delitto interromperne la durata, neppure se scoppiasse una crisi di governo e non si riuscisse a formarne un altro. O per formarlo occorresse tanto di quel tempo da esaurire solo per questo la parte residua della legislatura, e ad attività parlamentare naturalmente bloccata, e ricorso obbligatorio al cosiddetto esercizio provvisorio del bilancio. Siamo ad un altro pasticcio, politico e istituzionale, non meno anacronistico di quello prodotto dagli illustrissimi giudici del Palazzo della Consulta.

###########

Una ulteriore prova del fatto che gli interlocutori pur naturali di Mattarella sul tema quanto meno dei tempi della riforma o riformina elettorale siano i meno indicati o adatti all’urgenza responsabilmente avvertita dal capo dello Stato è arrivata con l’annuncio, successivo al pranzo svoltosi al Quirinale, della data scelta per portare in aula, alla Camera, l’argomento. Cioè, la discussione della proposta di legge con la quale cercare almeno di “armonizzare”, come dice lo stesso Mattarella, le regole per il rinnovo dei due rami del Parlamento.

Se ne parlerà non domani, né dopodomani, né martedì prossimo, essendo lunedì la festa del lavoro, ma lunedì 29 maggio. Quindi, con calma. Con molta, anzi moltissima calma. Destinata ad aumentare perché nel mese di giugno i parlamentari reclameranno prevedibilmente le solite pause per partecipare nei loro collegi alle elezioni amministrative dell’11 giugno e ai ballottaggi di due settimane dopo. Si tratta di un test elettorale tanto diffuso, da nord a sud, da essere avvertito da tutti i partiti come una scadenza politicamente decisiva.

Se fossi stato nei panni del presidente della Repubblica, all’annuncio della data del 29 maggio avrei sbattuto il telefono in faccia al pur autorevole interlocutore, o interlocutrice. E avrei dato in escandescenze in tutto il palazzo del Quirinale, annessi e connessi, compreso il terrazzo che si affaccia sulla piazza omonima. Ma per fortuna Mattarella ha un sistema nervoso che mi sembra solidissimo. E io, modestamente, non sono nessuno. E magari rischio, per ciò che ho osato scrivere, una considerazione peggiore di quella che mi sono permesso di esprimere, o far capire, nei riguardi dei giudici costituzionali.

            Diffuso da http://www.formiche.net

Travaglio mena Renzi per accoppiarlo a Grillo

Se non ci fosse, il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio bisognerebbe inventarselo sia per la sua indubbia versatilità sia per le sorprese che è capace di riservare a chi lo segue abitualmente, un po’ per diletto e un po’ per mestiere.

Lo avevo lasciato poche sere fa, collegato con Lilli Gruber a la 7, ma in una circostanza diversa da quella su carceri e dintorni commentata da Piero Sansonetti, su un piano di disponibilità insolita verso il Pd che sta tornando sotto la guida di Matteo Renzi. Se davvero ne è mai uscito con le dimissioni presentate dal segretario per anticipare almeno il congresso, visto che non gli era riuscito di avviare il ricorso alle elezioni anticipate dopo la “strasconfitta” – parola sua- nel referendum del 4 dicembre sulla riforma costituzionale.

Incoraggiato anche da un ragionamento appena sviluppato dal presidente assai emerito della Corte Costituzionale Gustavo Zagrebelsky proprio sul Fatto Quotidiano, Travaglio aveva esortato a non escludere la possibilità di qualche convergenza post-elettorale fra gli apparentemente incompatibili Grillo e Renzi. Che insieme, d’altronde, pur dicendosene e dandosele di tutti i colori e di santa ragione, qualcosa l’hanno già fatta in questa accidentatissima legislatura: per esempio, sbloccando la paralisi del Parlamento, pur non essendone partecipi ne’ l’uno né l’altro, quando si sono dovuti coprire i vuoti creatisi nel Consiglio Superiore della Magistratura e nella Corte Costituzionale. Dove proprio per effetto di quella paralisi non siede adesso un candidato del Pd che aveva francamente tutti i requisiti per accedervi: l’ex presidente della Camera e docente universitario, oltre che magistrato in pensione, Luciano Violante.

Il buon Travaglio quella sera si era spinto anche a spiegare come e perché una convergenza di Grillo con Renzi fosse più possibile, o meno difficile, di una con Matteo Salvini, per quanto grillini e leghisti abbiano spesso approcci simili, per esempio, sul terreno scivoloso dell’immigrazione continua, e derivati.

Figuratevi -aveva detto Travaglio con l’aria di conoscere bene cose e persone- se gli elettori 5 stelle, più numerosi al sud che al nord, potranno mai tollerare un accordo con Salvini, visto tutto quello che gli capita ogni volta che si affaccia da quelle parti.

Grande pertanto è stata la mia sorpresa ieri mattina, quando ho visto sferrare sulla prima pagina del Fatto Quotidiano un colpo durissimo contro Renzi su un terreno politico e istituzionale delicato come quello dei rapporti con la magistratura e col ministro della Giustizia, nonché suo concorrente alla segreteria del Pd, Andrea Orlando. Un colpo, poi, inferto con l’aiuto gridato dello stesso Orlando in un titolone così: “Intervista del Fatto a Orlando: “Contro i pm Renzi si scelga un altro ministro”. A pagina 6 replica del titolo e del concetto, cioè di un Renzi sconsideratamente espostosi a reclamare contro i magistrati che hanno accusato il padre di traffico d’influenze illecite, peraltro dopo un’intercettazione manipolata, una tempestiva ispezione ministeriale. Che può pure passare se auspicata da un giornale, non certo dal Fatto in questo caso, o da un amico o sostenitore di Renzi, ma diventa uno strafalcione politico e istituzionale in bocca allo stesso ex presidente del Consiglio di Orlando, che è rimasto guardasigilli anche nel governo di Paolo Gentiloni.

Si dà però il caso che il virgolettato dei titoli è risultato quanto meno posticcio rispetto al testo dell’intervista diligentemente raccolta da Fabrizio D’Esposito. Al quale Orlando ha detto che Renzi non gli ha chiesto nulla. E l’intervistatore, dal canto suo, ha scritto della posizione assunta da “qualcuno dei renziani”. “L’ultimo – ha scrupolosamente notato l’intervistatore- è Franco Vazio, vice presidente della Commissione Giustizia della Camera”, responsabile di avere detto, testualmente, che “Orlando non ha saputo fermare gli attacchi dei magistrati contro Renzi”. “Sono parole che mi addolorano e mi feriscono profondamente”, ha commentato giustamente il guardasigilli riferendosi però a Vazio, appunto, o a “qualche renziano”, ha poi “precisato”, non a Renzi. Nei riguardi del quale al ministro basta e avanza essere concorrente alla segreteria del partito, senza bisogno di attribuirgli anche un’indebita interferenza o pretesa come quella che il direttore del Fatto ha voluto o ha consentito al titolista di attribuire a Renzi in persona.

L’episodio, o l’infortunio, non è la fine del mondo, per carità. Ne accadono di simili nei giornali, magari per la fretta o solo per rendere più appetibile un titolo o un richiamo, ma nei giornali comuni, non in un quotidiano in qualche modo di scuola come si considera quello del buon Travaglio, sempre pronto a dare i voti agli altri, e a coglierli in fallo di omissione o di malizia, specie quando a farne le spese possono essere magistrati e grillini, o viceversa.

Diciamo così per scherzare, o per sfotterci professionalmente a vicenda, che Travaglio è stato un po’ tradito dalla voglia di partecipare alle primarie del Pd senza scomodarsi sino al gazebo di turno, domenica prossima. E con quel titolo ha voluto mettere a modo suo, e gratuitamente, senza l’obolo dei due euro, una scheda contro Renzi.

Tutto questo, giusto per cercare di ridurre la vittoria del segretario rientrante del Pd, e con la vittoria anche le pretese di Renzi nelle trattative post-elettorali con Grillo, se davvero vi si dovesse arrivare. Come Travaglio, sempre lui, prudentemente non esclude dopo averne ragionato col già ricordato presidente assai emerito della Corte Costituzionale Gustavo Zagrebelsky.

 

 

          Pubblicato su Il Dubbio

Blog su WordPress.com.

Su ↑