Quella pugnalata alla schiena di otto anni fa sulla strada del Quirinale

              Alla notizia della morte di Franco Marini, già segretario generale della Cisl, ministro del Lavoro e presidente del Senato, chissà se e quanti di quei 157 che nel 2018 lo pugnalarono nella corsa al Quirinale si saranno pentiti di quella cattiva azione. Centocinquasette furono infatti il 18 aprile di quell’anno i voti che mancarono ai 672 della maggioranza dei due terzi dell’assemblea dei deputati, senatori e delegati regionali richiesta dall’articolo 84 della Costituzione nei primi tre scrutini per l’elezione del presidente della Repubblica. E Marini, per quanto candidato dal Pd ma sostenuto sulla carta da una larghissima maggioranza, comprensiva del centrodestra, con esclusione dei grillini che avevano candidato Stefano Rodotà, non potette tentare ancora perché il partito che lo aveva proposto buttò subito la spugna, temendo che la dissidenza interna sarebbe aumentata nelle votazioni successive. Il più lesto nel chiedere di cambiare candidato fu il pur non ancora parlamentare Matteo Renzi, che tuttavia poteva già disporre di un po’ di truppe comandate dall’esterno.

            D’altronde lo stesso Renzi aveva definito la candidatura di Marini, come quella di Anna Finocchiaro prospettata alla vigilia delle elezioni presidenziali, “un dispetto al Paese”. E non per i 79 anni che aveva Marini, perché la Finocchiaro ne aveva soltanto 57.

            Le cose andarono ancora peggio per Romano Prodi, alla cui candidatura lanciata sempre dal Pd, ma contrastata dal centrodestra, mancarono nella quarta votazione 109 voti dei 504 della maggioranza assoluta che le sarebbe stata a quel punto sufficiente. Ma per Marini non fu una consolazione perché era un uomo leale, non meschino. Onore alla sua memoria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: