Ecco un nuovo intervento di Salvatore Damato, professore associato di malattie respiratorie, sull’andamento del coronavirus:

Siamo quotidianamente sommersi dai numeri e dalle percentuali, nonché da rappresentazioni grafiche delle più varie, in scala lineare e logaritmica. Se chiediamo: come va? Ci rispondono: il “trend” è positivo!?

Personalmente esamino i dati come vengono proposti dal Sole 24 ore. Sono grato per la loro opera, ma sono una persona semplice e per capire qualcosa ho caricato alcuni dati su foglio elettronico, giorno per giorno dal 3 Marzo in avanti. Ho puntato la mia personale analisi su un quadro esemplificativo alla data del 15/4/20: Italia complessiva, Lombardia, alcune regioni del centro-meridione (Molise, Lazio, Campania, Puglie, Calabria, Sicilia, Sardegna).

I valori di contagiati e deceduti variano quotidianamente e vengono rappresentati cumulativamente. Ogni giorno si calcola la percentuale di incremento di un valore rispetto al valore del giorno precedente. Ho quindi deciso di rappresentare queste percentuali di variazione quotidiana come media degli ultimi sette giorni. I contagiati sono rappresentati in percentuale della popolazione.

Insieme di Molise, Lazio, Campania, Puglie, Calabria, Sicilia, Sardegna: popolazione contagiata 0,703 %; media 7 gg passa da 16,73 del 26/3/20 al 2,71 % del 15/4/20.

Lombardia: popolazione contagiata 0,618 %; media 7gg passa dal 8,15 al 2,18%; deceduti 18,3 %

Provincia di Milano: contagiati 0,451 %; media 7gg passa da 12,91 al 2,78 % Provincia di Lodi: contagiati 1,124 %; media 7gg passa da 3,33 al 1,33 % Provincia di Bergamo: contagiati 0,94%; media 7gg passa da 6,48 a 0,89 %

Italia: contagiati 0,274 % 7gg media passa dal 10,62 al 2,54 %. Deceduti 13,1 % Cina: contagiati: 83.306 pari allo 0,006%; deceduti 4,02 per cento.

I dati mostrano che il covid19 non ha tenuto conto che siamo un solo paese ma una comunità di persone che vivono esperienze sociali diverse tra loro, hanno una distribuzione territoriale della popolazione non omogenea, sono esposte ad abitudini di mobilità e contatti inter-regionali ed inter-nazionali diverse. Il comportamento della pandemia da covid19 impone strategie di risposta differenziate per territorio, per raggiungere efficacemente il risultato sperato: ridurre il contagio, ridurre la mortalità, salvaguardare il complesso socio-econimico che ci sostiene. Abbiamo bisogno ora più che mai di essere comunità e soprattutto di sentirci comunità. Per esempio aderendo alle regole che ci vengono imposte: Distanza, Protezione individuale con mascherine e quant’altro, Sicurezza nei luoghi di lavoro – studio – salute.

Una domanda sociale: quando la protezione civile sarà capace di fornirci le mascherine capillarmente, è gia molto tardi. I ritardi nelle decisioni e nella loro attuazione pratica, la resistenza di cittadini ed istituzioni verso le regole ci costano morti e salute. Anche futuro impoverimento.
Sui dati, aggiungo che non sarei portato a giudicare la nostra mortalità elevata come frutto di scarsa efficacia del sistema sanitario nazionale. L’operatività del virus all’interno dei nostri corpi era poco conosciuta. Abbiamo reagito al covid19 in ritardo e non eravamo pronti né per i tamponi, né per la quarantena. Non siamo stati in grado di contare veramente i contagiati. Il contagio in Lombardia ed altre regioni è massivo.

Se normalizziamo i contagi per il numero dei morti, risulta che in Italia ci sono stati almeno 550.000 contagi ed in Lombardia almeno 284.000. 

39503d86-ea25-411f-8960-00748f9d8b8f.jpeg

 

 

 

salva.damato@libero.it

 

 

 

 

 

2 risposte a ""

Add yours

  1. Aggiungo un dato personale che è molto indicativo di come siamo seguiti.Il Comune di Rimini in questi giorni ,avendo ricevuto attraverso la Regione notevoli ,a loro dire,scorte di mascherine,ha deciso di distribuirle in primis,attraverso i volontari della protezione civile,agli anziani residenti da soli (utilizzando la buca delle lettere). Io appartengo a questa categoria.Ho risposto allo squillo del campanello per ricevere in dotazione…1(una!)mascherina. Saremo tutti vecchi e soli a Rimini!

    Piace a 1 persona

  2. Gentile signora Maria. Il covid19 ci impone, se vogliamo lavorare, studiare … Vivere, di consumare circa 1 miliardo di mascherine al giorno. Come fare ? Io non lo so ma qualche persona o istituzione dovrà dimostrare di esserne capace, adesso. Temo che noi anziani dovremo arrangiarci pagandole almeno 2 euro al giorno o proteggere le nostre vie respiratorie con mezzi poco scientifici. Cordiali saluti, s.d.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: