Finalmente un pò di buonismo, forse immeritato dal giornale di Travaglio

            In una società civile e mediatica, e non solo politica, dove il buonismo non è certo di casa, sorprende giustamente ch’esso qualche volta vi compaia. E merita pertanto di essere segnalato, a prescindere dalle interpretazioni e motivazioni che ciascuno vorrà darne.

           Ciò è appena accaduto col Fatto Quotidiano di Marco Travaglio. Al quale nessuno dei concorrenti, di edicola o d’altro, ha voluto contestare l’incidente occorsogli nello spasmodico lancio pubblicitario del cosiddetto “decreto dignità”. Col quale, controriformando la riforma del mercato del lavoro realizzata dall’odiato governo di Matteo Renzi, e recuperando a sinistra un po’ dello spazio perduto a destra nel confronto col collega di governo Matteo Salvini, il vice presidente grillino del Consiglio e superministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro  Luigi Di Maio si è riproposto come il campione della lotta al precariato. E, visto che si trovava, anche della lotta al cosiddetto gioco d’azzardo, preso di mira nel provvedimento varato dal governo col divieto della pubblicità, contro cui però è insorto un mondo di sportivi e disperati che, messi insieme, potrebbero impensierire come massa elettorale i grillini.

             Costoro già non se la passano molto bene da quando si sono alleati ai leghisti, che nei sondaggi li hanno già sorpassati, dalla metà o quasi delle cinque stelle che risultarono nelle elezioni politiche del 4 marzo scorso. Dovrebbe essere quindi imprudente sfidare la sorte con passi avventati.

           Il Fatto .jpg Lo stop voluto e imposto da Di Maio nel governo ai “biscazzieri”, si vedrà con quali effetti quando il decreto passerà per le forche caudine delle Camere, è sfortunatamente diventato nel titolo di apertura del giornale di Travaglio uno “spot”. Che magari si rivelerà tale, se i biscazzieri riusciranno a riprendersi dalla botta nel corso d’opera parlamentare, ma per adesso resta l’infortunio di un giornale in cattedra, che si vanta un giorno sì e l’altro pure di essere nel panorama dei quotidiani ancora stampati dalle nostre parti  il meglio fico del bigoncio, secondo una vecchia e colorita espressione romana.  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: