Il governo di Conte sulla curiosa brace forzista e grillina

            “Il governo trema” annuncia su tutta la sua prima pagina Repubblica, Che ha smesso da tempo di scommettere sulla lunga durata dell’attuale esperimento di governo, finendo per fare venire dubbi anche al fondatore Eugenio Scalfari, sempre più distaccato nei suoi colloqui con i lettori dalla sorte del professore, pur promosso una volta generosamente a erede persino di Aldo Moro. Al contrario, egli è sempre più interessato ai temi filosofici e alla figura di Papa Francesco, contribuendo peraltro -dicono i maligni- a creargli problemi fuori e dentro le mura del Vaticano.

            “Il premier Conte è sempre più fragile”, ha fatto eco, sempre su tutta la prima pagina, il quotidiano Domani fondato col solito puntiglio da Carlo De Benedetti quando si accorse che i figli avevano rovinato la “sua” Repubblica, sino a liberarsene per cederla al nipote-erede di Gianni Agnelli, spostandola secondo lui a destra.

            Quasi a corredo o dimostrazione della “fragilità” del presidente del Consiglio il nuovo giornale dell’ingegnere ha ripreso Conte di spalle, come un uomo più in uscita che in entrata, anche se materialmente sta entrando in qualcuna delle sue sedi di lavoro. E perché non ci fossero dubbi sulle cause di quella “fragilità” il direttore Stefano Feltri  ha affidato all’editorialista Piero Ignazi uno spietato atto d’accusa contro il cattivissimo, opportunista, imprevedibile Silvio Berlusconi, prima accorso in aiuto di Conte facendo approvare all’unanimità anche dai suoi alleati di centrodestra l’ultimo scostamento di bilancio di otto miliardi di euro, tra gli scappellamenti del capo della delegazione del Pd al governo Dario Franceschini, e poi riallineandosi a Matteo Salvini e a Giorgia Meloni con un no grosso come una casa alla riforma del Mes, o fondo europeo salva-Stati, rianimando il sovranismo fra i grillini. Che, già contrari per motivi “ideologicici” o di principio ai crediti europei per il potenziamento del servizio sanitario italiano dissestato dalla pandemia, hanno trovato nelle critiche di Berlusconi alla riforma del meccanismo di stabilità economica una ragione in più per ribadire la loro contrarietà e minacciare di votare contro in Parlamento il 9 dicembre.

            Questo fuoco incrociato di forzisti e grillini per mettere in difficoltà Conte, ed allungare le distanze fra di lui e il Pd su un tema così europeo o antisovranista, ha creato scompiglio anche in quella che ormai dovremmo rassegnarci a chiamare la corte di Berlusconi, più che Forza Italia, sia per le dimensioni assunte dai suoi gruppi parlamentari sia per il modo col quale il Cavaliere li gestisce direttamente, o li fa gestire dai fiduciari di turno.

            Persino un amico personale, e suo ex deputato, come Paolo Guzzanti, cui Berlusconi perdonò a suo tempo un libro non proprio esaltante per la sua figura di politico e persino di uomo, chiamato nel 2010 “Mignottocrazia”- è sceso in campo con un articolo sul Riformista, che alterna a quelli destinati al Giornale di famiglia del Cavaliere, per chiedergli caritatevolmente “che fai?” nel momento in cui l’ex presidente del Consiglio, volente o nolente, distrattamente o no, avrebbe firmato “la resa dei liberali” ai barbari di Grillo e del Carroccio insieme.

 

 

 

 

Ripreso da www,startmag.it http://www.policymakermag.it

Blog su WordPress.com.

Su ↑