Nel Paese, o nella stagione, delle fughe e dei rinvii contando sul generale Agosto

            Qui scappano tutti: i migranti dai centri di accoglienza e di quarantena, inseguiti ora anche dai militari chiamati dalla ministra dell’Interno; totolo QNl’orso M 49, chiamato anche Papillon, tra la simpatia forse anche di chi gli dà la caccia nel Trentino con l’aiuto del radiocollare applicatogli L'orso Papillon.jpega suo tempo, e la maggioranza di governo che rinvia a settembre un numero crescente di appuntamenti col Parlamento, stremata dalle prove cui non ha potuto proprio sottrarsi in questa fine di luglio per rinviare al 15 ottobre la imminente scadenza dello stato di emergenza virale e per sforare subito di altri 25 miliardi di euro il deficit di bilancio.

           Ci sarebbe, in verità, anche la votazione, programmata in questi giorni al Senato, sull’autorizzazione a procedere contro l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini per sequestro di migranti sulla nave Open Arms nell’estate scorsa, ma mi rifiuto per ragioni di principio, o di ingenuità, di La sabbia di Salvini.jpegconsiderare pure questa un’incombenza della maggioranza, per quanto rivendicata da quella attuale, dovendo essa considerarsi invece estranea. Tutti dovrebbero essere considerati liberi, in passaggi del genere, da vincoli di gruppo o di partito. Invece i renziani, tentati già nella competente giunta dalla pur ovvia libertà di coscienza, sono oggi guardati a vista come possibili traditori dai loro alleati nella coalizione giallorossa.

            All’abitudine ormai del governo di rinviare anziché risolvere i problemi, di procrastinare le scelte a causa dei contrasti interni, il Corriere della Sera ha dedicato un editoriale critico Edtoriale Corriere.jpegdi Massimo Franco. La cui coda è stata la più velenosa di tutti i passaggi precedenti perché ha colto, diciamo così, in flagranza di contraddizione il presidente del Consiglio in persona, talmente “narciso della popolarità” guadagnatasi nella gestione dell’emergenza virale, nel vertice europeo di Bruxelles e nei sondaggi da non volerla mettere alla prova  con decisioni che potrebbero comprometterla. Ma non è per niente detto che proprio i rinvii alla fine la compromettano in modo irreparabile col classico incidente di percorso. Il mitico generale Agosto, che una volta tutto preveniva e risolveva, si fece già sorprendere l’anno scorso con l’esplosione della maggioranza gialloverde.

 

 

Ripreso da http://www.startmag.it http://www.policymakermag.it

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: