Grillo sorpassa in furbizia Di Maio e lo riallinea alla ricerca di intese locali col Pd

             Che botta, ragazzi, per i retroscenisti, analisti, specialisti e simili impegnatisi un po’ dappertutto sui giornali, stampati e questa volta anche elettronici, a descriverci lo spettacolo surreale di un Luigi Di Maio che sorride sotto i baffi, pur non avendoli, dell’apparente sconfitta subìta nel referendum digitale sotto le cinque stelle del suo movimento politico sulla “pausa elettorale” proposta nelle regioni in cui si voterà a fine gennaio: l’Emilia Romagna e la Calabria.

           In realtà, anche a costo di poter sembrare travolto pure lui dal 70 per cento e più di voti contro la rinuncia a concorrere alle elezioni, lo sconfitto vero sarebbe stato Beppe Grillo -il fondatore, l’elevato” e quant’altro- che dopo avere a suo modo imposto l’alleanza di governo col Pd e dintorni avrebbe voluto fare al partito di Nicola Zingaretti anche il regalo di una sostanziale desistenza elettorale dei pentastellati, destinata ad aiutarlo nello scontro col centrodestra a trazione leghista. Che potrebbe prevalere, magari anche di poco, in entrambe le regioni pericolanti, con particolare scorno nella storica roccaforte rossa dell’Emilia Romagna, dopo che il Pd  ha già perduto l’Umbria.

            Da questa rappresentazione di un furbisissimo Di Maio riuscito a legare mani e piedi a Grillo, a sabotare il governo in carica, dove non è riuscito ad ottenere né la conferma a vice presidente del Consiglio né la nomina a ministro dell’Interno ma solo una specie di esilio dorato alla Farnesina, e a spingere la situazione verso un ritorno all’alleanza con i leghisti, anche a costo di passare per un debilitante turno anticipato di elezioni, nasceva l’attesa di un Grillo furente e deciso a fargliela pagare cara: sino a rimuoverlo dal ruolo di capo riconoscendosi nel diffuso e crescente malumore esistente contro il giovane ministro degli Esteri nel Movimento, con la maiuscola.

            E’ accaduto invece il contrario. Grillo, evidentemente più furbo ancora di Di Maio, o l’unico furbo dell’intera compagnia pentastellata, è sceso a Roma delle sue ville e fra una visita e l’altra all’ambasciata cinese, dove è considerato evidentemente di casa, ha convocato il giovanotto Grillo e Di Maio  2".jpgnel solito albergo davanti ai resti dei Fori imperiali per uno spettacolo davvero esilarante di aggiramento politico. Tra foto, pranzo e un quasi monologo web col suo ospite che sembrava, a torto o a ragione, ridotto ad una comparsa sorridente e compiaciuta, Grillo ha graziato politicamente Di Maio, lo ha rimesso in sella al cavallo, ha detto ai suoi avversari interni, dichiarati o occulti, di non rompere letteralmente “i coglioni”, ne ha riconosciuto la insostituibilità e gli ha promesso -o minacciato, secondo gusti e impressioni- di stargli da ora in poi “più vicino”.

            Quasi come un inciso, fra un riconoscimento e l’altro, il Grillo parlante ha annunciato per gennaio, a legge di bilancio approvata in Parlamento, salvo clamorosi incidenti di percorso, un secondo e questa volta più stringenteRepubblica.jpg e chiaro accordo di governo col Pd per tutto il resto della legislatura. Il che ha incoraggiato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ad annunciare un “avanti tutta” a Repubblica in una intervista quasi liberatoria, e almeno una parte della dirigenza del Pd a tirare un sospiro di sollievo.

            Di sollievo, pur mitigato con un accenno dubitativo sulla sorte del cosiddetto Bisconte, è stata la rappresentazione dello spettacolo sul Fatto Quotidiano con questo titolo: “Grillo raddrizza Il Fatto.jpgi 5Stelle e forse salva il governo”. Ma già il giorno prima, non so se più per felice intuizione, o per vocazione di consigliere, comune del resto a tanti giornalisti, o per maggiori informazioni disponibili su casa Grillo, il direttore del giornale seguìto con particolare interesse sotto le cinque stelle aveva anticipato quel che ci si poteva e doveva aspettare dal fondatore ed “elevato” del Movimento. In particolare, ricordato che alla Travaglio a Grillo.jpgpresentazione delle liste pentastellate alle elezioni regionali emiliane e calabresi mancano 50 giorni ed esse “non si decidono a Roma nelle segrete stanze” di Di Maio e amici, Marco Travaglio aveva scritto testualmente: “Grillo ha la verve, la fantasia, l’energia e il seguito per organizzare due assemblee aperte a Bologna e a Reggio Calabria coi grillini locali e le forze politiche emergenti” e a “prendere l’ultimo treno” disponibile per realizzare attorno alle candidature imposte dal referendum digitale le condizioni, il clima e quant’altro adatto ad un’intesa col Pd del posto che scongiuri il rischio di una vittoria del centrodestra guidato dal temutissimo Salvini.

            In pratica, Grillo si propone, dopo averlo graziato, o proprio per questo, di portarsi appresso Di Maio, standogli “più vicino”, come già riferito, in una inversione di rotta a favore delle intese di salvataggio del Pd nelle regioni dove esso è più immediatamente in pericolo. C’è un po’ di confusione in tutto questo, e anche di presunzione di convincere il proprio elettorato a fare qualcosa di assai poco gradito, visto il 7 per cento al quale il Movimento si è ridotto in Umbria alleandosi col Pd, ma Grillo in persona ha detto e proclamato davanti a Di Maio che “il caos è nella nostra natura”. Esso può addirittura contribuire a fare di questo “un momento magico” per i pentastellati.

            L’esaltazione del caos deve essere stata musica alle orecchie dell’ambasciatore cinese a Roma amico di Grillo perché fu Mao il primo a dire: ”Grande è la confusione sotto il cielo, la situazione è quindi eccellente”. Siamo insomma all’incrocio  fra la via delle stelle, o almeno delle 5 stelle, e la via della seta.   

 

 

 

Ripreso da http://www.startmag.it policymakermag.it

Anche Di Pietro critica l’aiuto giudiziario a Conte nella vertenza dell’acciaio

           Aiutato da un assedio giudiziario su cui ha avuto da ridire persino Antonio Di Pietro, l’ex campione di “Mani pulite” che ha accusato i magistrati di Taranto e di Milano di stare giocando una partita quanto meno scorretta contro i gestori indiani dell’ex Ilva di Taranto, dove si avvicendano le Mittal da Conte .jpgforze dell’ordine mobilitate dalle Procure per raccogliere prove di un sabotaggio industriale non ancora commesso, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato di persona di avere strappato ai Mittal “una mutata disponibilità” a non ritirarsi dall’Italia. Non sarebbero quindi trascorse invano le ore di incontro fra le parti a Palazzo Chigi.

            Il capo del governo ha tuttavia avvertito che la pur “grande apertura” reciproca degli indiani e del governo a sostenerne l’ingente sforzo finanziario -anche col ripristino, lasciato però solo alla fantasia giornalistica, del cosiddetto scudo penale prima concesso e poi ritirato dalle maggioranze parlamentari di turno dello stesso Conte-  rimane per ora “senza risultato”. Ripeto: “senza risultato”.

            Ci sarà da fare i conti con quello che il presidente del Consiglio, misurando le parole come l’avvocato che era prima di prestarsi alla politica, ha definito “una negoziazione lunga, complicata, con tanti risvolti tecnici, economici, giuridici”, cioè giudiziari. Non un cenno, quindi, ai risvolti politici, che pure ci sono ma che il presidente del Consiglio ha voluto esorcizzare ignorandoli: primi, fra tutti, i no  espliciti, le minacce, i mal di pancia e altro ancora nel principale partito di governo -il Movimento delle 5 Stelle- al ripristino dello scudo penale, necessario a chiunque voglia davvero cimentarsi nell’opera di bonifica degli impianti siderurgici senza rispondere delle responsabilità dei predecessori. E’ lo scudo la cui rimozione è stata addebitata tutta e personalmente da Di Pietro, che ora fa l’avvocato dopo le esperienze giudiziarie e politiche, a Luigi Di Maio. “Non puoi cambiare le regole in corso come caspita di pare”, ha detto il “Tonino” forse più famoso d’Italia.

            In pratica, dopo l’incontro con i Mittal il presidente Conte ha adottato la formula dei suoi Consigli dei Ministri quando approvano i provvedimenti all’ordine del giorno “con riserva d’intesa”, cioè senza intesa. Diversamente, d’altronde, egli non poteva fare per lo stato quanto meno confusionale in cui si trova il già ricordato e principale partito di governo. Il cui capo formale -Luigi Di Maio- è appena uscito con le ossa rotte dal referendum digitale sull’aiutino promesso al Pd con la sostanziale desistenza pentastellata nelle prossime elezioni regionali, bocciata col 70 per cento dei no.  Il capo vero, o fondatore, “elevato” e quant’altro, cioè Beppe Grillo, approdato a Roma per verificare di persona lo stato delle cose e decidere se continuare a sostenere Di Maio o decidersi a scaricarlo, ha esordito nella sua missione prendendosela con i giornalisti.

            A questi ultimi, con la professionalità guadagnatasi per tanti anni con i suoi spettacoli nei teatri Schermata 2019-11-23 alle 07.36.33.jpge nelle piazze, Grillo ha dato dei “comici” sentendone le domande sulla crisi esistente nel suo movimento. Egli ha fatto un po’ come il bue che dice cornuto all’asino, secondo un vecchio e popolarissimo proverbio applicabile -tutto sommato, a pensarci bene- anche al pur ruspante e ormai simpatico Di Pietro, che ha criticato i suoi ex colleghi magistrati alle prese con l’acciaio di Taranto e dintorni.

Si sprecano gli schiaffi a Luigi Di Maio per l’aiutino al Pd negatogli sotto le stelle

             A meno che non vogliano consolarsi, appropriandosene, col forte assenteismo registrato nel referendum digitale, cui hanno partecipato solo 27 mila dei 125 mila iscritti alla cosiddetta Stampa.jpgpiattaforma Rousseau, amici e familiari di Luigi Di Maio non possono contestare  gli Messaggero.jpgschiaffi che il capo ancòra del Movimento delle 5 Stelle ha rimediato sulle prime pagine di tutti i giornali per la bocciatura della “pausa elettorale” da lui proposta o sostenuta per dare un aiutino, diciamo così, al pur scomodo alleato piddino nelle elezioni regionali del 26 gennaio in Emilia Romagna e in Calabria. Dove pertanto Il Giornale.jpgla sola partecipazione del Movimento pentastellato con proprie liste, scartata la strada La Verità.jpgdell’accordo percorsa in modo fallimentare in Umbria, costituisce per il Pd di Nicola Zingaretti un pericolo serissimo di sconfitta. E ciò a vantaggio naturalmente del centrodestra a trazione leghista, per quanto possano riempirsi le piazze di “sardine” anti-Salvini durante la campagna elettorale, peraltro già avviata, specie in Emilia.

            Lo stesso Di Maio ha ammesso a suo modo la bocciatura della propria linea, pur parlando non di sé ma del Movimento in “difficoltà”, cioè in crisi. Che potrebbe riflettersi sul governo giallorosso, trascinandoselo appresso, come molti degli stessi ministri temono e si sono detti fra di loro nella cena al ristorante romano “Arancio d’oro”, offerta con infelice tempistica, a dir poco, dal sempre Monica Guerzoni.jpgfiducioso Giuseppe Conte. I timori dei ministri sono quasi certezza  a Palazzo Chigi e nella sede ancora nazarena del Pd, secondo la cronaca della cena e dintorni fatta sul Corriere della Sera da Monica Guerzoni. In effetti, è ben difficile credere che la segreteria Zingaretti e annessi e connessi, compreso il governo, potrebbero sopravvivere ad una perdita della storica regione rossa Emilia Romagna.

            Va detto con onestà che fra tutti i giornali, compreso l’impietoso manifesto col suo titolo “Curre curre guagliò” Manifesto.jpgdedicato al giovane ministro votzioni Rousseau.jpgcampano degli Esteri, e la non meno impietosa “Polvere di 5Stelle” di Repubblica, il più obiettivo e severo è  stato  Il Fatto Quotidiano. Che senza risparmiare nessuno, neppure Beppe Grillo, il quale ogni tanto gli affida le sue Il Fatto.jpgriflessioni direttamente o indirettamente, ha Repubblica.jpgtradotto il 70 e rotti per cento del no alla “tregua” contro il 29 e rotti del sì, in un gigantesco e rosso “Vaffa della base ai capi”, anche quelli quindi che non si sono esposti come Di Maio e, peraltro, dietro le quinte non gli hanno mai dato un grande aiuto.

            Da ciò Marco Travaglio ha ricavato l’impressione, espressa anche nel titolo del suo editoriale, di avere a che fare Suicidio.jpgcon un “suicidio assistito” dell’intero e pur caro Movimento 5 Stelle. Ma “assistito” poi da chi, più di preciso? Da Di Maio è difficile crederlo; da Grillo pure, per quanto col mestiere di comico che pratica da sempre si potrebbe pure sospettarlo, e immaginarne anche una smorfia di compiacimento; da Davide Casaleggio sembra impossibile per i danni economici che subirebbe la “piattaforma” da lui gestita. Non è che, sotto sotto, senza rendersene neppure conto per la non molta pratica che ha della politica, essendovi approdato solo l’anno scorso, l’assistenza possa o debba essere attribuita al presidente del Consiglio? Egli rimarrebbe davvero e finalmente senza un partito di riferimento, come con scrupolo tiene sempre a presentarsi e descriversi, sentendosi soltanto “umanista”, neppure più “l’avvocato del popolo” d’inizio della sua avventura a Palazzo Chigi.

 

 

Ripreso da http://www.policymakermag.it

Ai materassi Conte e Salvini, ma anche il “sovranista” Di Maio

            Ospite dell’assemblea dell’associazione nazionale dei sindaci e non di una piazza di sardine, le ultime maschere, diciamo così, indossate dai nemici di Matteo Salvini, che lo inseguono dappertutto per guastargli comizi, raduni e quant’altro, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha dato al leader leghista, già suo vice presidente e ministro dell’Interno, del “delirante”, “irresponsabile” e “sovranista d’operetta”.

           Il motivo di tanto livore, persino superiore al processo fattogli il 20 agosto al Senato appoggiandogli la mano sulla spalla nei banchi del governo ancora gialloverde, è nella pesante accusa rivolta dallo stesso Salvini a Conte di avere tradito o compromesso l’interesse nazionale concordando a Bruxelles e dintorni, o addirittura firmando all’insaputa del Parlamento, un cosiddetto “fondo salva-Stati” destinato, per un meccanismo praticamente imposto dai tedeschi, ad aiutare tutti fuorchè l’Italia. Che, pur contribuendovi con le percentuali proporzionali alla popolazione e altro, per usufruirne all’occorrenza dovrebbe accettare una riduzione bestiale e rapida del suo ingente debito pubblico. Ciò comporterebbe quanto meno il ricorso ad un’imposta patrimoniale da lacrime e sangue, ma anche perdite delle banche scaricabili sui depositi dei clienti: un pericolo peraltro avvertito anche dall’associazione degli istituti di credito e dallo stesso governatore della Banca d’Italia.

            Conte, spalleggiato dal nuovo ministro dell’Economia, nega tutto questo. Dice di non avere firmato un bel nulla, dovendo farlo eventualmente solo il mese prossimo, e di avere portato avanti le trattative sulla riforma del Mes, acronimo del Meccanismo europeo di stabilità, attenendosi scrupolosamente alle intese via via raggiunte nella maggioranza allora gialloverde con verticiSalvini.jpg cui ha partecipato qualche volta anche Salvini in persona. Il quale ha reagito immediatamente a mezzo stampa dandogli del “bugiardo” e dello “smemorato” perché in nessuna di quelle riunioni il presidente del Consiglio sarebbe stato autorizzato alla versione dell’intesa europea in via di definizione, e neppure nella risoluzione parlamentare approvata dopo una relazione fatta il 19 giugno da Conte. In soccorso del quale è tuttavia intervenuto l’allora ministro dell’Economia Giovanni Tria vantandosi di avere personalmente condotto le trattative dopo quella data, riferendone poi alle commissioni competenti delle Camere, col proposito riuscitogli di non far passare la linea del rigorismo oltranzista sostenuta dagli olandesi.

            Chi -fra Conte e Salvini- abbia ragione in questo scontro a distanza si potrà dire forse solo il mese prossimo, quando davvero il problema arriverà al vertice europeo e alla firma, che peraltro lo stesso Conte non ha dato per scontata, riservandosi di ricorrere al diritto di veto. Certo, un po’ di confusione deve esserci stata nella gestione della vicenda, non foss’altro per l’abitudine del governo gialloverde, seguita anche da quello giallorosso che gli è subentrato, di annunciare persino in Consiglio dei Ministri approvazioni di disegni di legge e decreti legge “con riserva d’intesa”, cioè senza intesa. Ma quel che colpisce di più, politicamente e anche umanamente, del duro intervento di Conte è la sua riconducibilità alla metafora di parlare a nuora perché suocera intenda.

            La nuora, in questo caso, è Salvini,  la suocera è Luigi Di Maio, tuttora alleato di Conte, capo  del principale partito di governo e addirittura ministro degli Esteri. Il quale, anche se Conte ha finto di non essersene accorto, ha praticamente condiviso preoccupazioni e proteste di Salvini reclamando un vertice di chiarimento. Del resto, è fresco di stampa un titolo Stampa su Di Maio.jpgdell’omonimo giornale di Torino che attribuisce a Di Maio questa dichiarazione, nelle conversazioni fuori e dentro il Movimento delle 5 Stelle, di cui avrebbe tutto il diritto di essere compiaciuto l’ex alleato Salvini: “Il futuro è il sovranismo”, senza il sarcastico e ittico -da sardine-richiamo di Conte all’”operetta”.

            Credo, o temo, che non abbia torto Stefano Folli a Folli.jpgscrivere su Repubblica che “come spesso accade, siamo precipitati nello psicodramma”, in cui “tutti recitano la loro parte sul palcoscenico romano ma pochi lo fanno con lealtà”. Ciò vale anche per la vicenda dell’ex Ilva e simili, compresa l’Alitalia, le cui sorti sono tornate in alto mare.

 

 

 

Ripreso da www,startmag.it http://www.policymakermag.it

 

La coppia stellare Di Maio-Di Battista si ritrova contro Conte

             Se ne sono accorti solo alla Stampa, che ne ha riferito in prima pagina, ma la notizia della decisione La Stampa.jpg di Luigi Di Maio di preferire un tour politico in Sicilia alla riunione dei ministri degli Esteri del G20 in Giappone, ad Aichi-Nagoya, aiuta a capire lo stato di salute, e purtroppo anche di credibilità internazionale, del governo italiano e della sua maggioranza. “Chissà chi si accorgerà a Nagoya” dell’assenza del titolare della Farnesina “ma se l’Italia non è abbastanza interessata, pazienza. Il mondo va avanti lo stesso”, ha scritto Stefano  Stefanini sul giornale torinese molto sensibile, per tradizione, alla politica internazionale.  

            Ma, più che dal suo tour politico in Sicilia, a leggere un altro quotidiano più interessato, di solito, alla politica interna italiana, la Repubblica, Di Maio nella sua triplice veste di capo ancòra del Movimento delle 5 Stelle, capo della delegazione grillina al governo e ministro degli Esteri sembra impegnato -peraltro in ritrovata sintonia con Alessandro Di Battista, che pure sembrava in viaggio non ricordo più dove per stare il più lontano Repubblica.jpgpossibile dal quadro politico del nuovo governo- in quella che lo stesso giornale fondato da Eugenio Scalfari ha definito in un vistoso titolo di prima pagina una “trappola per Conte”. O, se preferite fermarvi al cosiddetto occhiello di questo titolo, la “fine di un amore”, se davvero c’è stato amore fra Di Maio e il presidente del Consiglio, specie da quando l’uno è entrato in crisi nel proprio movimento, schiacciato dalle perdite elettorali, e l’altro è apparso, a torto o a ragione, in grado di contendergli il ruolo di guida con l’aiuto, dietro i cancelli delle sue ville, del fondatore, “elevato” e quant’altro. Che è naturalmente Beppe Grillo.

            La coppia stellare Di Maio-Di Battista si è ritrovata nella più o meno repentina o minacciosa richiesta di chiarimenti al presidente del Consiglio sull’adesione al cosiddetto fondo europeo salva-Stati, o Mes, acronimo di Meccanismo europeo di sviluppo. Che avrebbe l’inconveniente di danneggiare, almeno potenzialmente, l’Italia rispetto agli altri paesi dell’Unione a causa, fra l’altro, del suo noto ed enorme debito pubblico e dei criteri con cui valutarlo. Ma prima ancora della coppia stellare Di Maio-Di Battista questa contestazione a Conte era stata sollevata dal leader leghista Matteo Salvini fra un comizio e l’altro della campagna elettorale regionale d’Emilia Romagna, inseguito e contestato dalle “sardine” di cui sono piene piazze e prime pagine di giornali. E così in qualche modo si è ricostruita almeno sulla carta, per ora, la vecchia maggioranza gialloverde.

            Si dà tuttavia il caso, come qualche solerte cronista o osservatore ha scoperto consultando gli atti parlamentari, che di questo benedetto o maledetto fondo europeo salva-Stati il presidente del Consiglio riferì al Parlamento il 19 giugno scorso ottenendo una risoluzione favorevole dalla maggioranza di allora, che era proprio quella gialloverde.

            A pensarci bene, e tutto sommato, con la memoria che ha dimostrato di avere, forse Di Maio ha fatto bene a decidere di disertare l’appuntamento del G20, evitando così altri infortuni. E farebbe male a ripensarci, come gli ha invece chiesto l’incauto Stefanini sulla Stampa.

 

 

Ripreso da http://www.startmag.it http://www.policymakermag.it

Quella volta che Pertini mise in riga al Quirinale generali e sindacalisti

A dispetto dei malanni di cui soffre, la politica riesce ogni tanto a ringiovanire, o a fare ringiovanire chi la segue.

L’impazienza -immagino- con la quale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha seguito la gestione della vertenza dell’ex Ilva ad opera del governo e di tutte le altre parti -forse un po’ troppe- chiamate ad occuparsene, decidendo alla fine di incontrare i segretari dei tre maggiori sindacati nazionali che avevano bussato alla sua porta, mi ha fatto tornare indietro di 40 anni con la memoria.

Tanti ne sono infatti passati dai bei tempi di Sandro Pertini,  almeno per i rapporti di sintonia ed empatia fra il Quirinale e i cittadini, senza voler fare troppi torti ai presidenti succedutisi fra quell’indimenticato e indimenticabile capo dello Stato e Mattarella. Che per sua e nostra fortuna non ha tanti morti per terrorismo su cui piangere e ai cui funerali accorrere, come capitò a Pertini, ma ha forse vicende politiche, amministrative, giudiziarie e sindacali ancora più aggrovigliate da seguire per la confusione nel frattempo aumentata nei rapporti fra i vari poteri dello Stato.

Nell’autunno del 1979 Pertini perse letteralmente la pazienza, che in verità non aveva nella quantità quasi industriale di alcuni predecessori e successori, per il palleggio di responsabilità e competenze di fronte al rischio di una paralisi negli aeroporti per lo sciopero dei controllori di volo, allora protetti o appesantiti, secondo i vari punti di vista, dalla loro condizione di militari.

“Sono o non sono il capo delle Forze Armate?”, chiese Pertini al fidato Antonio Maccanico, segretario generale del Quirinale, stringendo in una mano la pipa e sbattendo con l’altra sul tavolo una copia della Costituzione aperta sulla pagina in cui era stampato l’articolo 87 sulle prerogative presidenziali. Maccanico gli obbietto’ che avrebbe quanto meno dovuto raccordarsi col governo. E lui non fece una piega: gli ordinò all’istante di chiamargli, nell’ordine, il presidente del Consiglio Francesco Cossiga, il ministro della Difesa Attilio Ruffini, entrambi democristiani, e quello dei Trasporti, che era il socialdemocratico Luigi Preti.

Nessuno dei tre oppose resistenza alla decisione del capo dello Stato di occuparsi personalmente della vicenda, ciascuno anzi sollevato dalla paura di non venirne personalmente a capo e curioso, quanto meno, di vedere come se la sarebbe cavata Pertini, col suo carattere fumantino, alle prese con una vertenza intricatissima come quella.

Cossiga, da poco riemerso politicamente dalla vicenda tragica del sequestro di Aldo Moro da lui gestita l’anno prima al Viminale, si limitò a sottrarsi all’invito a partecipare alla riunione con le parti, compresi i sindacati, che Pertini aveva deciso di presiedere la sera stessa di quel giorno. Egli motivò il rifiuto per non mettere il  capo dello Stato -gli disse- in imbarazzo su chi alla fine avrebbe dovuto tirare le somme.

La riunione si svolse in un clima surreale. Il povero Ruffini, nipote di un cardinale, non sapeva più come farsi il segno della croce davanti alle intemperate del presidente. Preti non pronunciò parole, lui che pure era abitualmente loquace e sarcastico. I generali e altri graduati erano paradossalmente irrigiditi sull’attenti da seduti, i sindacalisti imbarazzati nel vedersi di fronte a un presidente socialista della Repubblica e Maccanico indaffarato a conteggiare, nella sua mente, gli articoli dei codici e dei regolamenti sui quali Pertini volava come il fumo della sua pipa.

Con rassegnata disciplina tutti si piegarono alla fine alle interpretazioni delle norme e alle decisioni del capo dello Stato chiamandole mediazioni, per cui alla fine fu possibile annunciata la consolante revoca dello sciopero.

Fu una serata memorabile, alla quale seguì nell’arco di due anni, quando Pertini era ancora al Quirinale, vigile sempre come quel giorno, la cosiddetta smilitarizzazione del controllo del traffico aereo.

Mattarella, così diverso per temperamento, cultura e formazione politica da Pertini, non ha nulla naturalmente da smilitarizzare nella vicenda dell’ex Ilva  arrivata anche sulla sua scrivania. Ma, forse anche nella sua veste di presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, vista la natura pure giudiziaria delll’intricatissima vertenza, da cui dipendono la sorte della siderurgia italiana, tantissimi posti di lavoro e parte del prodotto interno lordo, con annessi e connessi, egli ha un po’ lanciato lo stesso messaggio di inquietudine e sollecitazione, a dir poco, di quella sortita di Pertini.

Già qualcuno ha autorevolmente visto e indicato nell’intervento del presidente della Repubblica, come Marcello Sorgi sulla Stampa, “un richiamo” al governo, a cominciare dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, pur distintosi dai suoi predecessori politicamente più professionali per la decisione di correre sul posto e di raccogliere personalmente istanze, paure e proteste di operai e abitanti di territori dove per troppo tempo sono entrati in conflitto i diritti al lavoro e alla salute.

Parlare di un sostanziale “commissariamento” del governo da parte di un capo dello Stato dichiaratamente preoccupato del “rischio di una bomba sociale” può sembrare esagerato ai cultori del diritto e delle istituzioni, anche per la natura informale dell’incontro da lui avuto con i segretari dei tre maggiori sindacati nazionali. Ma di certo non si può neppure girare la faccia dall’altra parte e fingere che non sia accaduto nulla al Quirinale e dintorni, peraltro nel contesto di una situazione politica a dir poco difficile, se non vogliamo spingerci a definirla caotica.

È’ una situazione in cui, per esempio, le componenti della maggioranza giallorossa si muovono in ordine sparso non meno della precedente e più smilza maggioranza gialloverde. E sul bilancio dello Stato all’esame del Parlamento, con i tempi stretti imposti dalle scadenze istituzionali e dalle procedure del bicameralismo cosiddetto paritario, sopravvissuto alla fallita riforma costituzionale del 2016, gravano 4500 emendamenti, di cui 1700 proposti all’interno della stessa maggioranza di governo.  E sui quali ciascuno, inteso come partito, come gruppo, come corrente e come singolo, è pronto a  battersi con la sua brava bandiera o bandierina in mano. I numeri parlano disperatamente da soli, per quanto ottimismo possano esprimere per doveri d’ufficio il presidente del Consiglio e il ministro dell’Economia, e per quanta comprensione l’uno e l’altro si aspettino dalla vecchia o nuova Commissione Europea.

 

 

Pubblicato su Il Dubbio

Mattarella “commissaria” il governo e tutti fingono di non accorgersene

             Questa volta neppure al manifesto, quotidiano orgogliosamente comunista, com’è stampato in rosso sopra la testata, hanno ritenuto di promuovere ad evento politico e sociale della giornata di ieri l’udienza ottenuta al Quirinale dai segretari dei tre maggiori sindacati. Che il presidente della Repubblica ha voluto ricevere molto volentieri per discutere della ex Ilva di Taranto, ma anche di altre crisi aziendali. E li ha ricevuti dopo avere lanciato pubblicamente l’allarme di “una bomba sociale”, sulla quale -mi permetterei di aggiungere- si ripete la pratica delle sovrapposizioni di competenze politiche, amministrative e giudiziarie che favoriscono spesso il gioco dei più spregiudicati.

            Piuttosto che sottolineare, come ha fatto il richiamo in prima pagina di un editoriale della Stampa La Stampa.jpgsul “richiamo del Colle al premier” sottinteso nell’iniziativa del capo dello Stato, in qualche modo emulo -aggiungerei- del clamoroso intervento dell’allora presidente della Manifesto.jpgRepubblica Sandro Pertini nella vertenza dei controllori di volo nel 1979, ai tempi del governo di Francesco Cossiga, al manifesto hanno preferito valorizzare il raduno delle “sardine” a Modena, dopo quello di Bologna, per gridare “fuori dalle scatole” a Matteo Salvini. Che osa ambire alla vittoria del centrodestra a trazione leghista nelle elezioni del 26 gennaio nella più storica delle regioni rosse: l’Emilia Romagna.

           Per l’incontro di Mattarella con i sindacati sulla sorte, praticamente, della siderurgia italiana dopo tutti i pasticci ricevuti e ricambiati dai gestori franco-indiani degli impianti di Taranto, è bastato e avanzato al giornale che dovrebbe essere considerato il più a sinistra nel nostro Paese un misero manifesto 2 .jpgocchiello, sia pure rosso, come si chiama nel nostro gergo professionale, apposto al titolo sulla notizia del “rallentamento” delle procedure annunciate dall’azienda per lo spegnimento di un altoforno sorvegliato, diciamo così, dalla magistratura tarantina.  

            In un altro momento, tra le parole e i gesti del presidente della Repubblica, e nella congiuntura politica di un bilancio dello Stato al quale sono stati proposti in Parlamento ben 4500 emendamenti, di cui 1700 da parte della stessa maggioranza, della quale non si può certo dire che sia quindi compatta e convinta delle scelte ministeriali, si sarebbe parlato di un governo sostanzialmente commissariato. Esso d’altronde vive tra risse continue e minacce reciproche di crisi e di elezioni anticipate. Alle quali ultime l’unico che continua ad opporsi testardamente è Matteo Renzi, che già le ha impedite nella scorsa estate ribaltando i suoi rapporti con i grillini e trascinandosi appresso il partito cui ancora apparteneva -il Pd- e il suo segretario Nicola Zingaretti, forse sempre meno convinto di quel cedimento.

            L’argomento che Renzi continua ad opporre alle elezioni, appena ribadito in una intervista al Corriere della Sera, è sfacciatamente quello di impedire che nuove Camere a prevedibile maggioranza Mattarella.jpgdi centrodestra eleggano alla Presidenza della Repubblica nel 2022 un successore di Mattarella a lui -Renzi stesso- non gradito. E’ un argomento che presumo, per ragioni di galateo personale e istituzionale, metta in imbarazzo per primo il presidente in carica. Ma Renzi è così: testardo e politicamente sfacciato- ripeto- sino all’autolesionismo, come già gli accadde col referendum del 2016 perduto sulla riforma costituzionale varata dal suo governo, e pur apprezzabile sotto molti aspetti, tanto da averla votata anch’io.

 

 

 

Ripreso da http://www.startmag.it e policymakermag.it 

Il solito gioco dei quattro cantoni nella maggioranza giallorossa

Certo, non è stata l’ovazione riservata alla presenza e all’intervento di Maurizio Landini, il segretario generale della Cgil, ma è pur stato consistente e significativa la buona accoglienza riservata al presidente della Confindustria Vincenzo Boccia dai partecipanti alla conferenza programmatica del Pd a Bologna. Le cui cronache purtroppo sono state anch’esse in qualche modo sommerse da quelle su Venezia e sulle altre località flagellate dall’acqua, dalla neve e dal vento.

Ha avuto un sapore per niente di forma quel “caro Nicola” rivolto amichevolmente dal rappresentante degli imprenditori italiani al segretario del partito Zingaretti. Che è deciso a scrivere per la sua formazione politica e, più in generale, per la sinistra “tutta un’altra storia”, secondo il titolo, lo slogan e quant’altro assegnato al quasi congresso -molto quasi- svoltosi nei giorni scorsi proprio in quella città e in quella regione che il centrodestra a trazione leghista si è proposto di conquistare a fine gennaio.

Quel “caro Nicola” dev’essere apparso incoraggiante a Zingaretti anche considerando la concorrenza che sul versante da cui proveniva opera con la solita baldanza nei riguardi del Pd Matteo Renzi con la formazione politica appena creata col nome di Italia Viva. E’ una concorrenza, direi, spietata con quel tentativo dell’ex presidente toscano del Consiglio di liquidare il suo ex partito come quello “delle tasse” e di spianarlo, dichiaratamente, alla maniera usata in Francia da Emmanuel Macron, scalando e conquistando l’Eliseo, ai danni del partito socialista. In cui, a dire la verità, nonostante gli auspici recentemente espressi anche da un ex militante comunista come Luciano Violante in una intervista a Carlo Fusi, e poi ribaditi in altri interventi, il Pd non vuole riconoscersi, pur essendo stato portato nella famiglia del socialismo europeo da un segretario -allora- di sostanziale provenienza democristiana: il sunnominato Renzi, diciamo così.

Questa è una delle tante anomalie della sinistra italiana o, se preferite, un residuo di quella lunga storia di divisioni, scissioni, traumi che non le hanno impedito di partecipare alla ricostruzione della democrazia dopo il fascismo e la guerra, ma di costituire davvero un’alternativa di governo sì.  Glielo hanno impedito, eccome. E ciò anche a prescindere -bisogna avere il coraggio di riconoscerlo da quelle parti- dal lungo periodo della cosiddetta guerra fredda, quando neppure Stalin a Mosca si augurava i comunisti italiani al governo per non tradire la spartizione dell’Europa concordata a Yalta con gli altri vincitori del secondo conflitto mondiale.

Prima o dopo, comunque, il Pd i conti con questa storia dovrà pur decidersi a farla, spero in tempo perché Violante possa assistervi con i suoi 78 anni per fortuna molto ben portati.

Per tornare a quel “caro Nicola” di Vincenzo Boccia a Zingaretti, vedrete che prima o poi glielo rinfaccerà al segretario del Pd anche il capo ancòra dei grillini Luigi Di Maio. Che dice di non credere né alla destra né alla sinistra, sentendosi semplicemente “pragmatico” e “deideologizzato”, ma finisce sempre, ogni volta che può o le circostanze gliene danno l’occasione, di mettersi e schierarsi, volente o nolente, da una parte o dall’altra, mai davvero al di fuori e al di sopra.

Con tutto il contenzioso che ha col Pd anche dopo essere stato spinto di persona da Beppe Grillo a fare un governo insieme dopo la rottura estiva con i leghisti, Luigi Di Maio nella sua doppia veste di ministro degli Esteri e di capo della delegazione pentastellata nel secondo Gabinetto Conte ha voluto aprire un altro fronte contro Zingaretti. Di cui egli, dichiaratamente “sconcertato”, non ha gradito, in particolare, il tema della cittadinanza ai figli degli immigrati nati e acculturatisi in Italia: tema rilanciato con una certa forza dal segretario del Pd a Bologna.

Lo sconcerto di Di Maio è stato motivato con l’inattualità, diciamo così, atmosferica o meteorologica di questo problema, con mezza Italia e forse più alle prese con l’acqua. Liquidare così un tema come il cosiddetto ius soli o culturae, comprensivo dei diritti civili, è una cosa francamente agghiacciante. E’ peggio che schierarsi a destra, e ritrovarsi con quel Salvini di cui non a caso ogni tanto anche nel suo partito Di Maio viene accusato di avere una certa nostalgia.

E’ peggio -ripeto- che schierarsi a destra, alla faccia del pragmatismo e della deideologizzazione dei pentastellati, perché anche a destra il tema della cittadinanza ai figli degli immigrati che vanno a scuola con i nostri figli o nipoti non è da tutti liquidato come fanno Di Maio e Salvini. Ne sa qualcosa Silvio Berlusconi, che rischia di perdere proprio su questo terreno una parte di quel che gli resta di Forza Italia, specie ora che inzuppa il pane in quella minestra “l’altro Matteo”, il sunnominato Renzi, sempre lui.

 

 

Pubblicato su Il Dubbio

Il segretario del Pd rimedia un “caro Nicola” dal capo della Confindustria

              Doveva essere quasi un congresso la conferenza programmatica del Pd svoltasi a Bologna ma purtroppo sommersa anch’essa, nelle cronache, dall’acqua che ha sconvolto mezza Italia facendone emergere ancora una volta tutta la sua fragilità. Che è pari  forse solo a quella della politica dopo decenni di anti-politica svolta in parossistica concorrenza dalla sinistra e dalla destra, e pure dal fantomatico centro, piegatosi a una funzione di sostanziale supporto non all’una o all’altra, ma all’una e all’altra insieme.

            Sono state, quelle bolognesi sul Pd impegnato a scrivere, anche nel titolo scelto per il dibattito interno, “tutta un’altra storia”, cronache distratte, o minori. Ne rimarrà francamente poco nella memoria già corta di suo della politica di questi tempi, anche se è stato modificato addirittura lo statuto del partito e Nicola Zingaretti si è impegnato a ispirarvisi per rifare in tempi brevi un nuovo e unitario ufficio di segreteria. Che è ancor più necessario dopo la scissione consumata da Matteo Renzi con la creazione della sua Italia Viva, peraltro col proposito dichiarato di ripetere, pur senza il decisivo sistema elettorale francese, il lavoro svolto da Emmanuel Macron al di là delle Alpi per azzerare, praticamente, il partito socialista. Cui in fondo il Pd dovrebbe assomigliare, pur rifiutando il nome socialista anche dopo avere aderito pienamente, quando Renzi ne era segretario, all’omonimo partito europeo. E’ la solita schizofrenia della sinistra italiana, non a caso contrassegnata da una storia più di rotture che di riconciliazioni.

            Deciso, almeno a parole, a dare al suo Pd una fisionomia di sinistra più precisa e moderna anche per contestare il rifiuto o superamento sia della sinistra sia della destra conclamato dal Vincenzo Boccia.jpgmovimento grillino, col quale egli ha deciso improvvisamente due mesi fa di allearsi al governo rinunciando al preventivo passaggio elettorale pubblicamente promesso, Zingaretti si è alla fine trovato a Bologna nella singolare situazione di guadagnarsi quasi a conclusione della conferenza programmatica, o come altro la si voglia definire, l’amichevole e caloroso “caro Nicola” del presidente della Confindustria Vincenzo Boccia. Che, dal canto suo, fra i due maggiori partiti dell’attuale coalizione di governo, non poteva non sentirsi a suo agio più fra i piddini che fra i grillini della infausta “decrescita felice”, mitigata Di Pietro su Conte.jpgdal vantato ma un po’ troppo confuso “umanesimo” del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Al quale solo il ruspante Antonio Di Pietro, intervistato dal quotidiano La Verità mentre raccoglieva le olive nella sua campagna molisana, ha appena avuto il coraggio di contestare una “faccia di bronzo” e di chiedergli “figlio mio, quando diventi maggiorenne politicamente!”.

            Come e dove Zingaretti, nel sempre più difficile rapporto con i grillini, cui tiene di più nel Pd il volenteroso Dario Franceschini, potrà avvalersi del “caro Nicola” del presidente della Confindustria è francamente difficile dire, neppure sul terreno di scontro che si è creato fra i due partiti, proprio dopo la conclusione del raduno bolognese, sulla cittadinanza ai figli degli immigrati nati e acculturatisi in Italia. Su questa strada Di Maio si è affrettato a dirsi “sconcertato”, di fronte alla priorità del maltempo, e a sentirsi più in sintonia, praticamente, con l’ex alleato leghista Matteo Salvini.

 

 

 

Ripreso da http://www.policymakermag.it

Blog su WordPress.com.

Su ↑