Renzi aggancia la corda della crisi al messaggio di Mattarella come a un chiodo

            Immagino la smorfia di Sergio Mattarella leggendo l’astuto commento di Matteo Renzi al suo messaggio di Capodanno. Che l’ex presidente del Consiglio ha interpretato e usato come un chiodo al quale agganciare sulla parete della crisi la corda con la quale sta cercando di arrivare alla vetta. Che, secondo anticipazioni virgolettate attribuitegli sulla Stampa il 31 dicembre e non smentite, è costituita da questa alternativa: “O un governo retto da uno del Pd o arriva Mario Draghi”.

             Un’altra variante, che Renzi considera tuttavia la più conveniente per lui perché gli consentirebbe dall’opposizione di crescere finalmente nella parte rimanente della legislatura, potrebbe essere quella sognata masochisticamente da Conte sostituendo Italia Viva nella maggioranza con un po’ di transfughi del centrodestra ed ex grillini: una soluzione appesa in Senato a numeri ancora più modesti e pericolanti di adesso.

            Ma veniamo al commento di Renzi al messaggio presidenziale di Capodanno, che avrebbe “rappresentato totalmente lo spirito di un Paese ferito ma pronto a ripartire”. “Il richiamo di Mattarella alla scienza e all’Europa mostra con chiarezza- ha detto Renzi- i due pilastri che permetteranno di uscire dal tunnel della pandemia: i vaccini e l’aiuto economico comunitario”. Che l’ex presidente del Consiglio teme venga invece “sperperato” dal governo, come ha detto nell’aula del Senato pur approvando il bilancio, con una politica troppo assistenzialistica, di mance e sussidi, imposta a Conte dai grillini insieme al rifiuto di usare i 36 miliardi di credito del cosiddetto Mes per il potenziamento del servizio sanitario. Di fronte alla convergenza, secondo Renzi, fra le contestazioni sulle quali egli sta facendo maturare la crisi e le necessità indicate nel suo messaggio da Mattarella “Italia Viva ringrazia il presidente della Repubblica”.

            La conclusione logica di questa lettura del messaggio del capo dello Stato proiettata sulla crisi si trova in un passaggio dell’intervista concessa da Renzi nei giorni scorsi al giornale spagnolo El Pais. Alla cui domanda sul rischio di elezioni anticipate, avvalorato da indiscrezioni giornalistiche sulle intenzioni del Colle, Renzi rispose: “Il Quirinale in Italia non parla. Quelle sono fonti attribuite a chi vuole che dica una certa cosa. Ma in Italia il sistema prevede che il presidente della Repubblica debba verificare se in Parlamento ci sono i numeri per formare un altro governo. E se si trovano, è fatta. Altrimenti si vota”.

            Questa affidata da Renzi al giornale spagnolo, parlando delle prerogative del capo dello Stato, è la stessa logica applicata proprio da Mattarella nel 2017 contro le elezioni anticipate chiestegli da Renzi, reduce dalla sconfitta nel referendum costituzionale del 4 dicembre 2016. Cui erano seguite le sue dimissioni da presidente del Consiglio e la successione del collega di partito Paolo Gentiloni a Palazzo Chigi.

            In quell’occasione Mattarella non ebbe bisogno di cercare un altro governo, essendosi a lui convertito Gentiloni, a sorpresa di Renzi ancora segretario del Pd.  Se non si vuole pensare persino a una vendetta, considerando che nel 2015 era stato Renzi a selezionare Mattarella per il Quirinale, si può ben dire che in politica accade di vedere posizioni intrecciarsi e capovolgersi. Adesso è Renzi a contrastare il voto anticipato e Mattarella disposto -secondo alcuni- a concederlo sperando così di rafforzare la posizione assai in pericolo di Conte.  

 

 

 

 

 

Ripreso da http://www.startmag.it http://www.policymakermag.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: