Anche i pranzi in foresteria con Mattarella nel “dossier” contro Cartabia al Colle

Dal Fatto Quotidiano del 26 luglio

In questa edizione ormai avviata della corsa al Quirinale, in prossimità del semestre ultimo e bianco del presidente della Repubblica in carica, è nato forse un nuovo genere di accertamento –l’animascopìa, chiamiamola  così- a carico dei candidati, non importa se veri o presunti, volontari o iscritti d’ufficio, uomini e donne questa volta più che in altre occasioni, perché più si è allungata la lista esclusivamente maschile degli inquilini dell’ex Palazzo dei Papi e dei Re, più è cresciuta l’attesa di un cambiamento finalmente di genere sul Colle più alto di Roma.

Tra le donne in corsa, ripeto, immaginaria o effettiva spicca sempre di più la figura della ex presidente, o presidente emerita, della Corte Costituzionale e ora guardasigilli Marta Cartabia. Che è favorita nella scalata quanto meno alle prime pagine dei giornali dal protagonismo guadagnatosi nello scontro sulla giustizia scoppiato dentro e fuori la maggioranza. 

Titolo di Domani
Titolo di Domani del 26 luglio

Il Fatto Quotidiano- col direttore Marco Travaglio che ci ha appena attribuito la colpa di avergli attribuito solo “panico” e non anche voglia di “vomito”-  non è più solo nella campagna contro la Cartabia. Lo rincorre adesso Domani, il giornale dell’ex editore di Repubblica Carlo De Benedetti, che lunedì ha esplorato culturalmente, socialmente, religiosamente e politicamente con un lungo, minuzioso articolo-referto di Giorgio Meletti , “l’enigma Cartabia”, secondo un titolo da copertina, o “la ministra che sogna il Quirinale”, nonostante le manchino qualità, condizioni e quant’altro necessario per arrivare davvero al traguardo.

Titolo di Domani

“L’ambiziosa ciellina” -dice un titolo che riassume presumibilmente concetti dell’autore dell’articolo e di chi lo ha, diciamo così, arredato nella confezione grafica- tenta di “imporsi definitivamente sulla politica italiana dopo una defilata carriera accademica” mista a “rapporti preziosi tessuti negli anni”. Ma, poveretta, “non si rende conto che la militanza nei partiti si inizia a fare da giovani e che il sistema italiano non sia pronto a spalancare le porte a creature aliene che girano senza targa riconoscibile”.

A parte la bizzarria di quel congiuntivo, temo per l’esploratore che egli si sia fermato un po’ ad una politica molto datata, quando in effetti le targhe contavano molto più di adesso per raggiungere certe posizioni. Non mi pare, per esempio, che ne avesse una ben “riconoscibile” Carlo Azeglio Ciampi quando arrivò, per giunta neppure giovane ma già anziano, al Quirinale succedendo a Oscar Luigi Scalfaro e precedendo Giorgio Napolitano, le cui targhe invece erano addirittura fosforescenti. Non parliamo poi di Palazzo Chigi, dove Mario Draghi è arrivato proprio e grazie alla mancanza di una targa partitica. E, solo se volesse, potrebbe facilmente succedere a Mattarella facendo drizzare i capelli a Romano Prodi, appena spesosi nell’auspicio che egli rimanga alla guida del governo almeno sino alle elezioni ordinarie del 2023.

La consistente parte religiosa dell’esplorazione o animascopia della Cartabia evoca Comunione e Liberazione, di cui il marito della guardasigilli è stato anche tesoriere, e la frequentazione dei cui raduni le avrebbe procurato nel 2011 il “jolly pazzesco” di un incontro con l’allora presidente della Repubblica Napolitano, e la successiva, quasi immediata nomina alla Corte Costituzionale. Vi sarebbe tuttavia in lei anche un po’ della “parte ipocrita del gesuitismo” non affrancato evidentemente dall’arrivo del gesuita Jeorge Mario Bergoglio al vertice della Chiesa.

Giorgio Meletti su Domani

Da giudice costituzionale un altro “jolly pazzesco” della Cartabia, per restare all’immagine del suo incontro a Rimini con Napolitano, sarebbe stato l’incontro alla Corte Costituzionale col collega Sergio Mattarella. Dal quale sarebbe stata “invitata spesso a pranzo nella foresteria della Consulta” guadagnandosene a tal punto, evidentemente, la stima e la simpatia da trovarsi già nell’estate del 2019 nelle cronache giornalistiche tra i possibili successori di Giuseppe Conte a Palazzo Chigi, dopo la rottura dell’intesa di governo fra i grillini e i leghisti. Ma quel diavolo di Conte riuscì a farsi confermare da Mattarella alla testa di una combinazione politica pur di segno opposto. E alla Cartabia, salita alla fine di quell’anno alla presidenza della Corte Costituzionale, non restò che attendere un’altra occasione per passare all’avventura politica. Essa è arrivata nello scorso mese di febbraio con la nomina a ministra della Giustizia nel governo di Mario Draghi, di tendenza gesuitica pure lui avendo studiato in una loro scuola a Roma.

Ciò che non torna nella ricostruzione della storia e persino dell’anima della Cartabia sul giornale di Carlo De Benedetti è l’accusa rivoltele di non voler “fare mai una scelta”, neppure nello “scontro sulla giustizia” in corso. Il che è francamente un ossimoro perché in questo scontro  da una parte si è trovata la guardasigilli, sostenuta da Draghi,  e dall’altra un’associazione di fatto tra Giuseppe Conte, i grillini che più si riconoscono in lui e i magistrati che accusano  la Cartabia di avere escogitato non il “colpo di genio” della “improcedibilità”, attribuitole da Carlo Nordio  per vanificare l’abolizione della prescrizione, ma una “schiforma”, come la chiamano al Fatto Quotidiano. Essa renderebbe impunibili corrotti e mafiosi con processi in appello e in Cassazione dai tempi troppo stretti -rispettivamente di 3 anni e di 18 mesi- per essere rispettati. Alla faccia della “non scelta”, verrebbe da dire dissentendo naturalmente dagli attacchi alla ministra. Che paradossalmente finirebbe tuttavia per avallarli se veramente accettasse, col capo mezzo cosparso di cenere immaginato da Travaglio,  di escludere dalla sua “improcedibilità” e  lasciare a vita gli imputati, per esempio, di reati controversi ed evanescenti come il concorso esterno in associazione mafiosa.

Pubblicato sul Dubbio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: