Di Maio fra i numeri del ministro dell’Economia e quelli del lotto

            Altro che il sangue di San Gennaro, scioltosi a Napoli con una puntualità agevolata anche dal lotto, sulla cui ruota locale è uscito il 18, che per la smorfia è il numero proprio del sangue.  Il vice presidente campano San Gennao.jpgdel Consiglio Luigi Di Maio, non insensibile da buon meridionale a questa materia, deve avere avvertito dalla pur lontana Cina, dove è in missione ma le notizie italiane gli arrivano ugualmente, qualcosa di ben altro nell’irruzione di quel 18 nel suo Sud.  I cui  elettori  grillini ribollono di paura e rabbia per le sorti ancora incerte dell’agognatissimo reddito di cittadinanza nel cantiere della legge di bilancio, per quanto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in persona abbia appena assicurato che qualcosa ci sarà, pur non potendo precisarne consistenza e tempi, comunque graduali.

            Così anche dalla Cina il capo del Movimento delle 5 Stelle ha lanciato nuovi segnali di guerra al ministro dell’Economia Giovanni Tria -e alla squadra tecnica e burocratica che lo affianca-  scatenando, fra l’altro, la fantasia dei vignettisti sulle prime pagine dei giornali. Alla prova Vauro.jpgdi “serietà” già reclamata pesantemente  prima di partire per l’Asia il vice presidente del Consiglio ha aggiunto quella del coraggio. Che Tria dovrebbe dimostrare facendo “’più deficit” per finanziare il programma elettorale dei grillini, anche a costo di sfidare contemporaneamente i commissari europei a Bruxelles e i mercati finanziari.

            A questi ultimi, d’altronde, Di Maio ha già rivolto personalmente l’invito a imparare a conoscere bene l’Italia, ma più in particolare il governo gialloverde, per cui speculatori e quant’altri dovrebbero darsi finalmente una regolata a giocare a palla con i nostri titoli di Stato. Insomma, anche i mercati, comeRolli.jpg il ministro dell’Economia, dovrebbero decidersi a diventare seri, diciamo così, per attenersi al linguaggio e ai parametri culturali del vice presidente del Consiglio e superministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro.

            Come finirà questa partita, analoga -fanno osservare i più disincantati- a quelle giocate anche dai governi del passato, quando Matteo Renzi, per esempio, reclamava pure lui più deficit per governare direttamente o per interposta persona, dopo avere passato la mano a Palazzo Chigi a Paolo Gentiloni, si vedrà alla scadenza dei tempi ancora a disposizione per l’aggiornamento del documento di programmazione economica e finanziaria e il varo Gazzetta.jpgdella legge di bilancio. E senza perdere di vista gli altri fronti caldi della maggioranza gialloverde: dalla ricostruzione del ponte crollato a Genova alla legittima difesa; dalla mancata riforma delle carceri, che avrebbe evitato la tragedia dei due bambini detenuti con la madre che ha ritenuto di liberare mandandoli a morte, alla gestione della Rai, ora che Matteo Salvini sembra riuscito a sbloccare, d’intesa con Silvio Berlusconi, e perciò tra sospetti e inquietudini degli alleati grillini, il nodo della presidenza strettosi al collo di Marcello Foa con la bocciatura estiva nella commissione parlamentare di vigilanza.

            A proposito di vigilanza,  non calda ma rovente è quella perdurante sulle coste e sui mari per il contenimento dell’immigrazione, che ha già procurato al vice presidente leghista del Consiglio e titolare del Viminale un procedimento giudiziario per sequestro aggravato di persona. E per sua fortuna esso scorre sulla corsia garantita del cosiddetto tribunale dei ministri, che comporta un passaggio decisivo, e tutto politico, per il Senato.    

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: