Inosservato il governo gialloverde avvolto nella bandiera americana

Diversamente dal passato neppure tanto lontano, quando un intervento del genere avrebbe provocato il finimondo politico e diplomatico, è passata quasi inosservata l’intervista in difesa totale del governo gialloverde di Giuseppe Conte rilasciata dall’ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, e pubblicata sabato scorso dal Corriere della Sera.

Richiamo Dubbio.jpgDichiaratamente reduce da incontri e colloqui avuti anche col presidente della Repubblica Sergio Mattarella, oltre che col presidente del Consiglio e i suoi due vice che lo marcano stretto, sin quasi a soffocarlo, Lewis Michael Eisenberg ha polemizzato con i giornali, italiani e stranieri, che danno una rappresentazione, diciamo così sofferta, del governo grillo-leghista. Giornali che anche dopo l’intervento dell’ambasciatore americano hanno continuato a vedere e indicare divisioni, tensioni, polemiche e quant’altro nella compagine ministeriale, rincarando anzi la dose.

Da 48 ore compaiono con una certa frequenza sulla stampa anche spifferi sulle “preoccupazioni” al Quirinale per la piega che hanno preso le cose  con la pratica -non nuova, in verità, ma cresciuta dei provvedimenti annunciati o addirittura varati dal Consiglio dei Ministri con la formula “salvo intese”. Che significa un vuoto, appunto di intese, ancora da colmare per contrasti non risolti fra grillini e leghisti, refrattari a ricorrere anche ai modi previsti dal loro “contratto” di governo per dirimerli: una specie di collegio arbitrale tutto ancora da sperimentare.

Pur abituato ai metodi e alla scenografie del suo amico e presidente Donald Trump, che firma e ostenta davanti alle telecamere nello studio ovale della Casa Bianca le sue direttive categoriche,  l’ambasciatore americano in Italia ha  promosso a pieni voti il governo italiano dei decreti e disegni di legge “salvo intese”. Che arrivano poi, quando e se arrivano, senza che i provvedimenti ripassino per il Consiglio dei Ministri: l’unica sede -che si sappia- dove è garantita la collegialità prescritta dalla Costituzione quando parla dei provvedimenti, specie quelli urgenti e di applicazione immediata, adottati “dal Governo”, con la maiuscola.

Nella difesa del governo, con la minuscola, prodotto dai risultati elettorali del 4 marzo scorso, anche sul terreno tanto controverso dell’immigrazione l’ambasciatore americano ha parlato di gestione “umanitaria” del fenomeno da parte del ministro leghista dell’Interno Matteo Salvini. Che, non potendo erigere sulle acque i muri di cui Trump dispone lungo i confini terrestri fra gli Stati Uniti e il Messico, cerca di trattenere i migranti sulle navi della Guardia Costiera, che li hanno soccorsi,  per il tempo necessario a tentare una loro distribuzione all’interno dell’Europa, anche a costo di finire sotto processo per sequestro di persona.

Interrotto dall’intervistatore all’uso dell’aggettivo “umanitario” per definire il tipo di gestione del fenomeno migratorio da parte di Salvini, l’ambasciatore americano non ha fatto una piega. Ha ribadito la sua convinzione esortando a considerare le dimensioni del fenomeno.

In cambio di tante aperture di credito alla solidità del governo italiano Eisenberg ha auspicato di ricevere uguale solidarietà nell’adesione alle sanzioni volute dalla Casa Bianca verso la Russia e l’Iran, sui cui affari con l’Italia peraltro egli si è mostrato molto ben informato.

Ad occhio e croce, il soccorso dell’ambasciatore di Trump al governo gialloverde dovrebbe favorire più la componente leghista che quella grillina, pur diventata assidua frequentatrice anch’essa di Palazzo Margherita e Villa Taverna, dove si distribuiscono gli uffici e la residenza privata di Eisenberg. Che suole conservare buona memoria anche fotografica degli ospiti.

Non a caso, pur compiaciuto della copertina appena dedicata da Time  al ministro dell’Interno italiano come la nuova faccia dell’Europa, Eidenberg si è doluto che la rivista americana non abbia preferito una foto di Salvini alle prese voraci con un hamburger nel ricevimento del 4 luglio scorso a Villa Taverna. Alle prese, ripeto, con un hamburgher, non con la testa, come il leader leghista preferirebbe forse in questi giorni, del ministro degli Esteri del Granducato di Lussemburgo. Che gli ha appena dato del fascista per come si comporta in Europa, dopo avergli gridato in faccia a Vienna la parola che ha reso celebre il generale Pierre Cambronne sul campo di Waterloo, fatale per Napoleone.

 

 

Pubblicato su Il Dubbio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: